04 Marzo 2017, 08.00
Prevalle
Penne nere

La storia degli Alpini incisa nel marmo

di Cesare Fumana

Sarà completato per festeggiare il 90° anniversario di fondazione del gruppo alpini di Prevalle un originale murales realizzato sulla parete di una cava di marmo dismessa sul monte Budellone


Quest’anno il gruppo alpini di Prevalle festeggia il 90° anniversario di fondazione e lo farà regalando ai prevallesi e agli amanti delle escursioni un nuovo sentiero realizzato sulle pendici del monte Budellone, la montagna di casa, a ridosso della loro sede, risistemando una porzione della montagna di loro proprietà e mettendola a disposizione di tutti.

«È da 8 anni che stiamo ripulendo da rovi e ramaglie la parte di monte di nostra proprietà a ridosso della nostra sede – riferisce il capogruppo Celestino Massardi –, recuperando o creando nuovi sentieri e realizzando anche una strada tagliafuoco per mettere in sicurezza la casa degli alpini. Questo per rendere fruibile a tutti il monte Budellone, la montagna carsica a ridosso del nostro paese».

Su questa proprietà, frutto del lascito di Enrico Bonizzardi e in seguito del fratello Giovanni e di alcuni nipoti, le penne nere prevallesi costruirono la loro ampia e accogliente sede, inaugurata nel 1995.

Nel terreno rientra anche una cava di marmo Breccia Aurora dismessa alla fine degli anni Sessanta, con ancora alcuni blocchi abbandonati. Gli alpini hanno pensato di valorizzarla, per far riscoprire anche il lavoro della cavazione del marmo che lì si praticava fino a una cinquantina di anni fa, pensando anche a come creare il motivo per poterla visitare.

Ed ecco allora l’idea di incidere la parete del fronte cava con la storia degli alpini, sull’esempio del grande affresco di Natale Doneschi che ricopre un’intera parete della loro sede. Grazie al passaparola e alle conoscenze dei soci alpini, hanno provato a chiedere a Giancarlo Zancarli, un ex cavatore di Paitone, ora in pensione, originario della Valpolicella, che si dilettava in scultura, dopo aver frequentato dei corsi serali alla scuola “Vantini” di Rezzato, se era disponibile a realizzare l’opera.

Questi, dopo averci pensato un paio di giorni, ha accettato e da due anni si è messo al lavoro per creare i soggetti e incidere nel marmo le gesta delle Penne nere durante Grande Guerra, l’epopea che diede vita al mito degli alpini, visto che proprio in questi anni ricorre il centenario della Prima guerra mondiale.

Un’opera d’arte davvero suggestiva, dove vengono raffigurate le Penne nere “sulle nude rocce e sui perenni ghiacciai”, come recita al Preghiera dell’Alpino, intenti a scalare le montagne, accompagnati dai fedeli muli che portano sul dorso pezzi di artiglieria dell’epoca.

Alla fine del sentiero che porta alla cava, lungo meno di un chilometro dalla sede del gruppo Ana di Prevalle, con un dislivello di circa 50 metri, Zancarli ha inciso con grande bravura, su due blocchi di marmo abbandonati, il logo dell’Ana e un cappello alpino.

Quest’opera sarà inaugurata, nell’ambito dei festeggiamenti del 90° del gruppo, in occasione delle consuete “Due serate alpine”, in programma nel primo fine settimana di luglio.

La festa ufficiale del 90° sarà invece il 1° maggio, perché, grazie a un lavoro di ricerca, il capogruppo Massardi ha ritrovato un articolo de “L’Alpino”, la rivista dell’Associazione nazionale alpini, dove sul numero del 15 maggio 1927 compare la notizia della fondazione del gruppo di Goglione Sopra e Sotto, avvenuta il 1° maggio di quell’anno, sotto la sezione di Salò.

«In uno scritto sulla storia del nostro gruppo – racconta il capogruppo – viene detto che il gruppo alpini di Prevalle sarebbe sorto già nel 1921 sotto la sezione di Brescia, ma finora non abbiamo trovato documenti che lo attestino, mentre l’articolo de “L’Alpino” è sicuramente una fonte attendibile».  In occasione del tesseramento di quest’anno, a ciascuno dei 161 soci alpini e dei 39 soci aggregati, è stata consegnata una copia di questo storico articolo, unitamente a una bandiera tricolore da esporre in occasione della festa del novantesimo.

«Mi piacerebbe che alla festa del 1° maggio – è l’auspicio del capogruppo Massardi – partecipino tutti gli alpini prevallesi, perché è la loro festa. Poi nelle “Due giornate alpine” di luglio sarà l’occasione per coinvolgere l’intera popolazione di Prevalle».


Aggiungi commento:
Vedi anche
03/07/2017 10:33:00

La Grande Guerra degli Alpini incisa nella roccia È stata inaugurata sabato sera l’opera incisa nel marmo voluta dagli Alpini di Prevalle nel ricordo del centenario della Prima guerra mondiale e del 90° di fondazione

29/06/2017 16:00:00

S'inaugura il murales degli Alpini In occasione delle “Due serate alpine”, in calendario questo venerdì e sabato, le Penne nere di Prevalle inaugurano il grande murales inciso sulla parete di una cava di marmo dismess, per ricordare il centenario della Grande Guerra

20/03/2018 09:02:00

Alpini in festa per il 90° di fondazione Il maltempo non li ha fermati, ed erano in tanti venuti Domenica 18 Marzo a festeggiare il 90° anno di fondazione del Gruppo Alpini di Bagolino.

19/06/2015 07:00:00

I 90 anni degli Alpini di Sopraponte Questo fine settimana le Penne nere soprapontine festeggiano l’importante anniversario con una “tre giorni alpina” che intende ricordare anche il 60° della chiesetta di Monte Magno e il centenario della Grande Guerra

16/06/2017 10:10:00

I primi 90 anni degli alpini di Vobarno Penne nere vobarnesi in festa questo fine settimana per celebrare il novantesimo di fondazione del loro gruppo



Altre da Prevalle
05/07/2020

Sottopasso allagato: «Ogni volta rivivo il mio dramma»

È la testimonianza di Maria Luisa Massardi, la madre della giovane Sara Comaglio, che perse la vita proprio a causa del tunnel allagato. Novità sul fronte giudiziario

02/07/2020

Sottopasso allagato, un evento che si ripete

La bomba d'acqua che ieri mattina ha sferzato con violenza Garda, Valtenesi e Valle Sabbia ha nuovamente provocato l'allagamento del sottopasso di Prevalle sulla 45bis, un problema che si pensava ormai risolto

01/07/2020

«Incontriamoci», AIB incontra i sindaci delle zone

Tra maggio e giugno gli appuntamenti hanno coinvolto le zone della Valle Sabbia e del Lago di Garda – l'ultimo a Prevalle - con l'intento di progettare un futuro di crescita del territorio

01/07/2020

Smottamenti e allagamenti

Problemi alla viabilità come conseguenza del violento temporale che si è abbattuto nella tarda mattinata di oggi. Ripercussioni sulla 45 bis e sulla provinciale a Roè Volciano

01/07/2020

Prevalle, riaperto il bar del circolo Acli

Sanificato e riorganizzato secondo le linee guida anti-covid19, il bar del Centro sociale di Prevalle riapre i suoi spazi alla popolazione, all'insegna di un responsabile ritorno alla normalità dopo l'emergenza

25/06/2020

Il giudice Albertano riapre le degustazioni con l'autore

L'ultimo giallo della saga di Enrico Giustacchini sarà protagonista dell'appuntamento cultural-gastronomico di questo venerdì, 26 giugno, a Prevalle. La rassegna riprende nel rispetto delle norme anti Covid

20/06/2020

Quattro incidenti in poco più di un'ora

Tre a Gavardo e uno a Prevalle, tutti lungo la tangenziale 45bis, gli incidenti che si sono verificati oggi pomeriggio in un breve lasso di tempo

20/06/2020

Prevalle, aperte le iscrizioni ai Centri estivi

Il Comune e la Parrocchia di Prevalle uniscono le forze per offrire a bambini e ragazzi alcuni spazi estivi dedicati, nonostante le difficoltà legate all'emergenza sanitaria, e dare una mano alle famiglie

20/06/2020

Nuovo medico a Prevalle e Muscoline

Dal 1 luglio il dottor Ruggero Grazioli eserciterà come medico di base in ambito pluricomunale. Qualche informazione per chi volesse effettuare il cambio del medico

18/06/2020

Paura sulla 45Bis

C’è voluta davvero tanta fortuna perché l’ennesimo incidente lungo la tangenziale del lago non si trasformasse in tragedia