Skin ADV
Mercoledì 22 Maggio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE



06 Aprile 2014, 23.10

Quaderni di Cinema

Paolo Sorrentino apre il Bif&st 2014

di Nicola Cargnoni
Nella suggestiva cornice del Teatro Petruzzelli di Bari, il Festival giunge alla sesta edizione, con un programma più ricco che mai.
Ecco il resoconto e una scheda dei film visti fino a oggi

È  partito sabato 5 aprile il Bari International Film Festival che durerà fino a sabato 12.
Passato dai 25 mila spettatori del 2009 ai 70 mila del 2013, il festival coinvolgerà il Teatro Petruzzelli e alcuni dei cinema del centro di Bari, ospitando una serie di eventi, incontri, registi, attori, produttori, film vecchi e nuovi.
Oltre ad alcuni attesi e importanti film che saranno proiettati in anteprima, la sera, al Petruzzelli («Noah» di Aronofsky, «Grand Budapest Hotel» di Wes Anderson, «Gigolò per caso» di John Turturro).

Con più categorie in concorso, il Bif&st 2014 sarà dedicato all’attore Gian Maria Volonté, in occasione del ventennale dalla sua scomparsa: saranno proiettati gratuitamente molti film che lo hanno visto protagonista e documentari a lui dedicati.
Ogni mattina alle 9 ci saranno proiezioni gratuite, alle quali seguiranno incontri con i registi dei film proposti (tra i quali Paolo Sorrentino, Sergio Castellitto, Cristina Comencini, Ugo Gregoretti).

Chiuderà la serie di “lezioni di cinema”
l’incontro con Andrea Camilleri sabato 12 a seguito della proiezione di «A ciascuno il suo», film da lui sceneggiato.
Lungometraggi stranieri e italiani, cortometraggi e documentari sono le categorie in concorso, oltre ai numerosissimi omaggi a Volonté.
A seguito di questi ci saranno incontri con alcuni dei cineasti che hanno collaborato con l’attore, da Gianni Amelio a Giuliano Montaldo, da Marco Bellocchio a Francesco Rosi.

Paolo Sorrentino sale sul palco di uno stipato teatro Petruzzelli alle 11.30 di domenica 6 aprile, aprendo la serie di incontri che animeranno le mattine del teatro.
In una piacevole intervista moderata da Malcom Pagani, il regista racconta molti aneddoti sul rapporto con l’attore Toni Servillo, sull’elaborazione dei personaggi, sui legami con la letteratura, via via fino ad argomenti più spinosi come la difficoltà di fare film “importanti” in Italia.

Parla dei protagonisti dei suoi film, in genere personaggi asociali che non sono del tutto emarginati, ma persone problematiche e che vivono una presa di distanza dall’attuale e orrifica società, che in realtà rispecchia i soggetti stessi delle pellicole di Sorrentino.
Si concentra su Gambardella, protagonista di «La grande bellezza», il quale «è conscio dell’orrore che lo circonda, ma mantiene un legame con esso per non dover fare i conti con l’orrore che ha dentro, che sa essere sicuramente peggiore».

«Non sono stato ascoltato» è il suo commento a fronte del tanto “chiacchiericcio” che si è sviluppato attorno al suo film.
«Hanno parlato tutti, tranne che me».
Poi rimanendo in tema di personaggi asociali, passa a parlare di «Il divo», il suo film-capolavoro su Andreotti, il quale gli aveva sconsigliato di fare il film in quanto «la sua vita non valeva la pena d’esser raccontata».

A proposito di questo, Sorrentino è chiaro: «Quando Andreotti mi ha detto che non valeva la pena fare un film sulla sua vita, credo fosse sincero. Per lui la sua vita non valeva la pena d’essere raccontata, perché per lui era del tutto naturale essere un uomo di potere. Lui in questo era OLTRE il cinismo, nella stessa maniera in cui fare sesso equivale ad andare a comprare il pane».

Molto interessanti
il momento in cui spiega la differenza tra le idee (che diventano film) e le trovate (che finiscono nel cassetto o nel cestino), e quello in cui afferma di porsi sempre il problema dell’appeal col pubblico e dell’aspetto industriale dei suoi film: «Non mi interessa fare film piccoli, che si limitano ai piccoli festival e a un pubblico di nicchia».
Sostiene inoltre che quando concepisce un film pensa sempre all’attore e ciò lo aiuta a delineare il personaggio.

Tante e variegate le domande del pubblico, alcune banali, altre meno, tra le quali ne spicca una che riguarda certe critiche che hanno bollato il film come «irreale e finto».
«Il film è finzione, deve essere verosimile ma NON deve essere la rappresentazione della realtà. Deve essere il risultato di ciò che il regista vuole comunicare, di ciò che vuole raccontare e di ciò che NON vuole raccontare».

Di seguito ecco alcune brevi schede dei film visti fino a ora. Altri aggiornamenti nei prossimi giorni.

SABATO 5 APRILE

Titolo, paese e anno, durata: Come il vento, Italia 2013, 110’
Genere: drammatico
Categoria di concorso: lungometraggi italiani
Cast: regia di Marco Simon Puccioni; con Valeria Golino, Filippo Timi, Francesco Scianna
Nelle sale: passato a fine 2013

Presenti in sala il regista Puccioni e l’attrice Valeria Golino, che parlano delle difficoltà incontrate e superate durante la realizzazione del film. Ambientato nelle carceri, racconta la storia di Armida Miserere, direttrice di alcuni importanti penitenziari, e lo fa dal suo punto di vista, abbandonando la tradizione del cinema “dalla parte dei detenuti”. I timori erano quelli di non riuscire a completare il film e di non trovare distribuzione.

La storia va dal 1990, anno dell’omicidio del compagno della Miserere, fino al 2003, anno in cui la direttrice gestisce il carcere di Sulmona.
Ottima la regia, che utilizza la sovrapposizione di piani temporali. Filologicamente corretta, ha degli ottimi spunti e si serve di un buon cast.
La Golino corre il solito rischio di non essere sempre empatica con lo spettatore, ma ben incarna la crescita interiore del personaggio (che si rivela essere un logoramento vero e proprio).
Il film è una storia di un personaggio importante, ma il pathos non “arriva” quasi mai allo spettatore. Ben fatto, ma nulla di imperdibile.
Valutazione: **½  

-------------------------------------
Unique, Italia 2014, 75’
Documentario, inchiesta
Fuori concorso; anteprima mondiale
Regia di Gianni Torres
Nelle sale: prossimamente

Anche questo film è preceduto da una breve presentazione da parte del regista stesso. Presente in sala Mariela Castro.
Ottimo l’inizio, buona la regia, interessante la fotografia; il film è diviso in capitoli, partendo dalla storia di una ragazza leccese che è stata la prima transessuale a entrare in un conservatorio; cantante lirica con voce da uomo (baritono), mette in mostra con coraggio le proprie capacità, le idee e le debolezze.

Il film è ben strutturato con le testimonianze di un importante chirurgo thailandese che opera il cambio di sesso e uno psichiatra barese che nel 1990 ha fondato a Londra il primo centro di supporto per gli adolescenti che sono in crisi di identità di genere; è un buon film, fino all’ultimo quarto d’ora dove la protagonista è Mariela Castro; si sentono decine di volte le parole “rivoluzione cubana”, “socialismo”, oltre a lodi sperticate per Che Guevara.

La Castro urla e lo spettatore cerca di capire quale sia la differenza tra lei e il Mussolini che dichiarava guerra dal balcone romano.
L’ultimo capitolo è intitolato “Diritti umani” ma è un manifesto di propaganda politica per la Cuba attuale che, guarda caso, ora si accorge dei gay che sono una buona fetta della popolazione, dopo 50 anni di segregazioni e repressioni. Diritti umani o propaganda di regime?

Il film parte come un’ottima indagine sul mondo della trasformazione dell’identità di genere e finisce come becero spot della ormai cinquantennale “rivoluzione socialista”.
Non adatto a chi ha l’arrabbiatura facile.
Valutazione: *½, peccato, un’occasione persa.

----------------------------------------------
Un uomo da bruciare, Italia 1962,  91’
Drammatico
Fuori concorso; tributo a Gian Maria Volonté
Regia dei fratelli Taviani e Valentino Orsini; con Gian Maria Volonté, Didi Perego, Turi Ferro

Viaggio nel mondo di un uomo solo contro tutti.
Salvatore rientra in Sicilia dove cerca di scuotere i propri compaesani a occupare i fondi terrieri e ribellarsi alla logica mafiosa.
In un perverso meccanismo, gli amici di un tempo si lasciano piegare dalle intimidazioni, ma soprattutto dalla forza dell’abitudine e dalla cultura latifondista che caratterizza la Sicilia degli ultimi mille anni.
Salvatore rimane da solo con le sue idee.

Con una regia che mostra paesaggi meravigliosi e servendosi di alcuni spunti di altissimo livello, i fratelli Taviani mettono in mostra le sofferenze umane con lo sfondo di una terra arida e inospitale, dove le zappe di molti sono al soldo dei fucili di pochi.
La valutazione è decisamente positiva: ***½

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/03/2015 09:13:00
Al via il Bif&st 2015, con oltre 200 film in programmazione Ogni due giorni, per una settimana, gli aggiornamenti dal Bari International Film Festival

26/05/2015 07:00:00
Youth e la giovinezza ritrovata di Sorrentino Il chiacchierato ritorno di Sorrentino nelle sale ci fa fare un salto indietro nella carriera del regista premio Oscar

17/09/2014 06:33:00
«Belluscone» e «La zuppa del demonio», l’Italia del piccolo-grande cinema Nelle sale due film d’autore, testimonianze della vitalità che ancora anima la linfa del cinema di casa nostra

11/03/2014 07:00:00
La 'trilogia del degrado', il vero cinema del reale In questi giorni in cui si parla molto del film di Sorrentino, tra le varie bestialità (e i vari paragoni con Fellini, del tutto fuori luogo) ne ho sentita una che mi ha colpito in particolar modo: «La grande bellezza» rappresenta alcuni aspetti della nostra società

12/04/2014 13:59:00
Ultimo report dal Bari International Festival Si conclude oggi la quinta edizione del Bif&st. Per l'ultima giornata del sabato, con proiezioni solo di mattina, non sarà presente il nostro inviato speciale, Nicola Cargnoni. Ecco qui il suo ultimo report




Altre da Quaderni di Cinema
11/04/2016

L'immagine della città nel cinema, n. II

Continua l’inserto che sarà dedicato all’uso dell’immagine cinematografica all’interno dei vari contesti urbani.

29/03/2016

Satira e realismo nel cerchio magico di «Il dottor Stranamore»

Continua il ciclo di proiezioni cinematografiche presso il Cineporto di Bari, che dà il via alla collaborazione tra le università pugliesi e il Centro studi dell’Apulia film commission

25/03/2016

La ritualità come ritorno all'eterno: Silent souls

Continua il ciclo di proiezioni cinematografiche presso il Cineporto di Bari, che dà il via a una (speriamo) lunga collaborazione tra le università pugliesi e il Centro studi dell’Apulia film commission

15/03/2016

Il corpo concreto e il peso dell'anima: «21 grammi»

E' iniziato mercoledì 9 marzo 2016 un ciclo di proiezioni cinematografiche presso il Cineporto di Bari, che dà il via ad una (speriamo) lunga collaborazione tra le università pugliesi ed il Centro studi dell’Apulia film commission.

10/03/2016

Fuocoammare, dove l'immobilità del tempo stravolge lo sguardo

Dove Malavoglia e Gattopardo si incontrano, dove il tempo sembra essersi fermato, dove la quotidianità convive con uno dei più grandi sconvolgimenti sociali e antropologici in atto

18/02/2016

L'immagine della città nel cinema, n. I

Con questa piccola introduzione, inizia l’inserto che sarà dedicato all’uso dell’immagine cinematografica all’interno dei vari contesti urbani


26/01/2016

Steve Jobs, fantasma al cinema

Buon film biografico che ritrae alcuni momenti della vita di Jobs fino al 1998

23/01/2016

Revenant. Quando a essere redivivo è il piano sequenza

Grande esercizio di stile per Alejandro González Iñárritu che mette a segno un altro “prodotto” filmico con pochi ma rilevanti difetti

20/01/2016

Rai2 ricorda Scola con Una giornata particolare

Stasera, mercoledì, Rai 2. Ore 21.15.

Eventi

<<Maggio 2019>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia