Inaugurazione macchinario prova per pompe
di Chiara DíAniello

Grazie alla sinergia fra la scuola e un’importante azienda valsabbina, l’IIS G.Perlasca ha dotato il proprio laboratorio di energia di un importante strumento


All’ITIS G. Perlasca di Vobarno, nel laboratorio di energia, c’√® stata l’inaugurazione e la presentazione del macchinario “prova per pompe idrauliche” realizzata dai ragazzi di 4^ energia (attuale quinta) nel maggio 2018 insieme alla Ferriera Valsabbia.

La presentazione √® stata realizzata da uno dei ragazzi che hanno partecipato a questo progetto, Luca, che l’ha esposto dall’ideazione fino alla messa in pratica.

Prima di tutto √® intervenuto il dirigente scolastico, Antonio Butturini, che ha ringraziato l’azienda e chi la compone per questa opportunit√†.
Il dirigente ha chiesto ai ragazzi se il progetto √® stato apprezzato e la risposta di uno di loro, Matteo, √® stata: “non abbiamo spesso avuto l’occasione di mettere in pratica in azienda ci√≤ che abbiamo trattato teoricamente a scuola”.

Infatti è una cosa nuova per i ragazzi sperimentare sul campo la teoria studiata a scuola, che non ha a disposizione tutte le strumentazioni utilizzabili dagli studenti per mettere in pratica ogni singolo argomento.

Il preside ha citato un proverbio cinese: “se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco” per far comprendere ai ragazzi che la cosa pi√Ļ importante dell’avere l’attrezzatura √® l’aver fatto un progetto e aver capito cosa si ha studiato.

Il professor Francinelli ci teneva a ricordare che esperienze di questo tipo legano il territorio e la scuola e che occasioni simili, nate da un’idea che porta al confronto, possono essere un valido esempio di alternanza scuola-lavoro.

C’√® stata molta disponibilit√† da parte della scuola ma soprattutto dell’azienda che ha mostrato la sua disponibilit√† non solo dal punto di vista tecnico ma anche da quello umano.
Questo, dice il professore, √® solo il primo di tanti progetti in cui gli studenti collaboreranno con i tecnici e i costruttori per realizzare idee partite dall’azienda o addirittura dagli studenti stessi.

In questo caso l’idea √® partita dai professori Persico e Francinelli, che insieme agli studenti hanno cominciato il progetto dalla parte teorica, quindi realizzando lo schema della macchina idraulica e cio√® raccogliendo tutti i dati necessari a costruirla.

Come seconda fase sono stati disegnati i vari componenti.
In particolare, secondo Luca, rubinetti e serbatoi sono stati gli oggetti pi√Ļ interessanti da creare.
Successivamente sono stati realizzati la struttura e l’impianto idraulico. Secondo lo studente √® stato complessivamente ottenuto un ottimo risultato.

E poi l’ottima notizia
: Ferriera Valsabbia ha accettato la collaborazione; il progetto era partito solo come un’idea e non si aveva ancora la certezza di poterlo realizzare per davvero, quindi √® stata una grande sorpresa per i ragazzi. Come ultima fase del progetto i ragazzi sono andati a visitare l’azienda e in quell’occasione hanno anche assemblato parti della struttura aiutati dai tecnici. Infine il prodotto √® stato ultimato a scuola, montato dagli studenti stessi in un paio di giorni.

La finalità di questo progetto è avere un macchinario che possa essere utilizzato anche da altri studenti di meccanica ed energia e che quindi possa diventare uno strumento didattico che permetta ai ragazzi di provare la teoria degli impianti idraulici e di sviluppare competenze.

Il titolare di Ferriera Valsabbia, Ruggero Brunori, ha garantito che la collaborazione con la scuola continuerà anche in onore del 65 esimo anno di fondazione nel 2019.

I professori che hanno organizzato e partecipato a questo progetto insieme all’azienda, sono quelli d’indirizzo: Persico, Francinelli, Zani e Mocciaro. La scuola ringrazia il titolare della Ferriera Valsabbia e i suoi collaboratori.

Da non dimenticare i tecnici dell’azienda, che hanno interagito con i ragazzi per quanto riguarda la costruzione.
Questo ha dato un valore aggiunto all'azienda stessa, per il lavoro di gruppo e perchè si sono creati rapporti umani con i ragazzi.

I dipendenti della Ferriera Valsabbia hanno dovuto spiegare come applicare la pratica e diventare “insegnanti per un giorno”, quindi avere pazienza e comunicare con gli studenti.

Chiara D’Aniello

.foto di Safir Manni

181128_pompe2.jpg 181128_pompe2.jpg 181128_pompe2.jpg 181128_pompe2.jpg