Il peso della pubblicità
di Andrea Filisina

Interessante, e piuttosto rigorosa anche dal punto di vista scientifico, la ricerca di un lettore che per un anno ha accantonato tutte le pubblicità e i volantini che gli sono arrivati direttamente a casa


Vi siete mai chiesti quant’è la carta della pubblicità che buttiamo via ogni anno?...probabilmente la risposta è “no” perché una volta sfogliata (a volte neanche quello) la si prende e la si mette nel contenitore della raccolta differenziata “carta e cartone” o la si usa per accendere il fuoco o, peggio, la si butta nei rifiuti indifferenziati.
Sappiamo tutti che la maggior parte di questa carta proviene da volantini dei vari supermercati e centri commerciali della zona e dai grossi negozi di arredamento, solo una quantità marginale proviene dai negozi e attività minori del paese.
 
L’idea mi è venuta per caso perché per curiosità volevo vedere quant’era veramente la pubblicità che mi arriva a casa.
Venendo subito al sodo, c’è voluto un anno di “raccolta” (dal 01 gennaio 2012 allo 01 gennaio 2013), un po’ di spazio dove metterla e la bilancia pesa damigiane del nonno per raccogliere questo dato: 24 kg! (è un valore diverso dalle foto perché ho tolto già 0,1 kg per lo spago utilizzato).
 
Questa è la quantità di carta che nella mia famiglia se va bene, ma molto bene, sfogliamo una sola volta e poi ce ne disfiamo.
Molti di voi mi faranno notare che comunque, se viene correttamente riciclata, gi alberi vengono tagliati solo la prima volta e si può utilizzare come una nuova risorsa… ovviamente per altra pubblicità!
Mi duole dirlo ma non è così perché nel processo di riciclaggio e riuso (trasporto, triturazione, sbiancamento della carta, formazione di nuova carta, stampaggio,…) è si vero che non si tagliano nuovi alberi, ma l’energia che viene utilizzata produce comunque CO2.
 
Io abito in una delle vie principali del mio paese e quindi maggiormente colpita dal volantinaggio ma anche se ne dovessi considerare la metà esce comunque un valore esagerato.
 
Ora inizia la parte noiosa: per esempio facendo un calcolo per difetto (quindi immaginando un consumo inferiore di carta) del volantinaggio nel mio paese:
1) Prevalle raccoglie ha circa 3000 utenti soggetti alla tassa sui rifiuti (aziende+famiglie) ma ne considero meno (cioè 2000) poiché la pubblicità non arriva a tutti specialmente nelle zone meno centrali;
2) Per riciclare una tonnellata (1t) di carta servono circa vari tipi di energia che generano complessivamente in media 31,7 Kg di CO2;  se invece dovesse provenire da alberi , oltre alla deforestazione ci sarebbe un consumo di 210 Kg di CO2  (da sommare ai 31,7 Kg).
 
Facendo il conto: 24 Kg di carta a utenza, 2000 utenti; 31,7 kg CO2 a tonnellata di carta riciclata (1000kg)… generano un consumo di 1521,6 Kg di CO2 che il paese di Prevalle genera ogni anno inconsciamente senza produrre beni o servizi (intesi come servizi utili al cittadino).
Immaginatevi questo valore moltiplicato per tutti i n paesi di Brescia e provincia!
Solo per Prevalle sarebbe una quantità smisurata pari a una nuova Fiat Panda 1.2 fire 69CV (113gr CO2/Km) che percorre circa 13400 km/anno (auto presa solo come esempio essendo la prima auto che mi è venuta in mente)!
 
“La pubblicità è l’anima del commercio” e quindi non dico di eliminare il volantinaggio (da un estremo all’altro) dato che solo le nuove generazioni si servono di internet per vedere la pubblicità e comunque c’è gente che con questo lavoro vive
Ad ogni modo qualcuno sembra abusare un po’ troppo di questo sistema e bisognerebbe cercare un modo per limitarlo: si potrebbe pernsare, per esempio, ad un volantino di 20 pagine mensili per ogni megastore, in modo da limitare lo spreco di energia.
 
Andrea Filisina
 
P.S. So già che qualcuno dei lettori cambierebbe l’ultima frase così: ”…in modo da limitare che qualcuno scriva questo genere di articoli.”
Beh ognuno è libero di pensarla come vuole.
Se qualcuno vorrà controllare personalmente che siano 24Kg me lo faccia sapere entro 10giorni che poi la riciclo.

I dati relativi al consumo di CO2 sono presi dai seguenti siti internet: qui e qui
I dati della panda qui
Ringrazio l’uff. tecnico del Comune di Prevalle per il dato riguardante il numero di soggetti che ricevono la tassa sui rifiuti
 
130104_Carta01.jpg 130104_Carta01.jpg 130104_Carta01.jpg