21 Maggio 2009, 00.00
Idro
Eridio

Accordo integrativo

di Ubaldo Vallini

In Valle Sabbia ha rischiato di rinfocolare le polemiche, ad un passo dalle elezioni comunali, la notizia di un accordo di programma “ad integrazione di quello del 2008 siglato con i Comuni rivieraschi di Anfo, Bagolino, Idro e Lavenone”.

In Valle Sabbia ha rischiato di rinfocolare polemiche a non finire, ad un passo dalle elezioni comunali, la notizia di un accordo di programma “ad integrazione di quello del 2008 siglato solo con i Comuni rivieraschi di Anfo, Bagolino, Idro e Lavenone” come indicava una nota della Regione Lombardia diffusa ieri.
Lo stesso comunicato, diffuso da Lombardia Notizie che è l’agenzia stampa del Pirellone, aggiungeva: “La nuova intesa garantisce al meglio l'equilibrio tra gli utilizzi agricoli, turistici, elettrici ed igienico-sanitari delle acque e ribadisce la necessità di chiedere a Trento di rilasciare nel lago parte delle acque dei suoi bacini (30 milioni di metri cubi circa) per 5 anni, cioè fino al completamento delle opere previste per la messa in sicurezza del lago stesso”.

La notizia è arrivata come una fiammata sull’Eridio, che ancora si lecca le ferite per la stagione di dure prese di posizione esternate la scorsa estate in merito a quello stesso accordo. Tanto più che i Comuni rivieraschi in un primo tempo hanno sostenuto di non saperne nulla: “Ci verranno a dire qualche cosa prima di cambiare anche solo una virgola di quell’accordo” ha affermato da Ponte Caffaro Enzo Melzani, vicesindaco bagosso con delega al lago.

Cosa c’era dunque sul documento che è stato sottoscritto ieri mattina nel palazzo della Regione?
All’appuntamento si sono presentati gli assessori alle Reti, Servizi di Pubblica utilità e Sviluppo sostenibile Massimo Buscemi, all'Agricoltura Luca Daniel Ferrazzi e alla Protezione civile Stefano Maullu, i presidneti dei Consorzi di bonifica e i rappresentanti degli agricoltori (Coldiretti, Upa e Cia).

C’era anche il sindaco di Montichiari, Gianantonio Rosa, in rappresentanza dei Comuni sub lacuali, che da noi interpellato precisa: “Di quell’accordo non è stato modificato nulla, solo è sorta l’esigenza per i Comuni del bacino sublacuale e per gli utilizzatori dell’acqua del Chiese di sottoscriverlo. In questo modo la regione Lombardia si impegna a garantire le sicurezza del lago e le portate previste nell’accordo anche nei confronti dei Comuni a valle dell’Eridio e degli ulitlizzatori per uso irriguo o energetico. Quando il documento, che è pubblico, sarà disponibile tutto sarà più chiaro, ma i termini sono questi”.

Una leva in più in mano al Pirellone per esigere, a determinate condizioni, il rilascio dell’acqua dai bacini del Trentino, insomma.
Ipotesi per altro già previste nell’accordo siglato lo scorso mese di agosto. Ad ogni modo, sul lago, i detrattori di quell’accordo non mancano e certo vorranno vederci chiaro.

In merito ieri sera abbiamo registrato anche la nota pervenuta dalla Coldiretti di Brescia, a firma del direttore generale Mauro Donda.
Eccola:
"Questa mattina in Regione Lombardia si è sottoscritto quanto in oggetto con la partecipazione dell’Assessore reg. all’Agricoltura, Assessore alle reti e Servizi di Publica Utilità e Sviluppo Sostenibile, e Assessore Reg alla protezione civile e Consorzio di Bonifica del medio Chiese, Consorzio di Bonifica Alta e media Pianura mantovana Consorzio del Chiese di Bonifica di secondo grado,le tre O.P ( Coldiretti,Upa, Cia)e il rappresentante dei comuni Rivieraschi del Fiume Chiese sublacuale.
Considerato che l’accordo di programma tra la regione Lombardia ed i Comuni di Anfo, Bagolino, Idro e Lavenone per la valorizzazione del lago d’Idro aveva tralasciato la necessità delle utenze idriche con particolare riferimento al comparto agricolo che comprendeva 30’.000 Ha su circa 30 Comuni, era necessario sottoscrivere un protocollo di Intesa per definire le modalità di gestione coordinata del lago d’Idro e dei serbatoi dell’Alto Chiese nel periodo transitorio fino all’entrata in funzione delle nuove opere di messa in sicurezza del lago d’Idro previste per il 31/12/2013. In modo da garantire il comparto agricolo di quei volumi d’acqua per il periodo primaverile estivo della stagione irrigua".


Aggiungi commento:
Vedi anche
13/08/2008 00:00:00

L'Accordo approda in Consiglio a Idro Consiglio comunale acceso quello che ha avuto luogo lunedì sera a Idro e che era stato chiesto dalle minoranze. All'ordine del giorno, le considerazioni sull'accordo di programma firmato dai sindaci rivieraschi e dalla Giunta regionale.

04/03/2013 07:00:00

Lavori al via Ve li ricordate i fondi che un accordo di programma aveva destinato alla realizzazione di opere pubbliche attorno all'Eridio. A Ponte Caffaro i lavori sono cominciati, a Lavenone è questione di giorni

21/07/2012 07:00:00

Fondo a Bagolino e Lavenone Ieri al «Pirellino» la firma dell'accordo di programma che dà il via alla realizzazione delle opere «di compensazione» solo per due comuni rivieraschi.

19/07/2008 00:00:00

«Non firmate quell'accordo» Con un comunicato che fa le pulci alla bozza di accordo di programma sulle questioni del lago, gli Amici della Terra chiedono ai sindaci rivieraschi di fare un passo indietro.

12/06/2012 07:00:00

Nuovo accordo Però solo fra la Regione e i Comuni di Bagolino e Lavenone. Anfo e Idro non accettano e andranno avanti con la battaglia legale.



Altre da Idro
06/07/2020

Una federazione per la tutela del Chiese e del lago d'Idro

Le 17 associazione del “Tavolo delle associazioni che amano il fiume Chiese e il suo lago d’Idro” hanno dato vita a una federazione per meglio incidere sulle questioni ambientali del territorio: priorità il no al maxi depuratore a Gavardo e Montichiari

24/06/2020

Sull'Eridio con Idra

Ha ripreso a solcare le acque del lago d’Idro il battello turistico che effettua il giro dello specchio d’acqua valsabbino

18/06/2020

Fondi per la prevenzione incendi

Sono quelli che riceverà l’Istituto d’istruzione superiore “Perlasca” per riqualificare il sistema antincendio delle due sedi di Idro e Vobarno

16/06/2020

Mente valsabbina nello studio della NSC12

Si chiama Arianna, è di Idro, ricercatrice alla Statale di Brescia. Nei giorni scorsi è salita alla ribalta internazionale per una scoperta che potrebbe portare a realizzare un farmaco contro il mieloma multiplo

07/06/2020

Fra timori per l'economia e speranza per il turismo

Anche a Idro l'emergenza coronavirus è stata superata grazie alla collaborazione dei cittadini e delle associazioni che hanno supportato l'Amministrazione comunale. Ora si guarda con speranza alla stagione estiva sul lago

04/06/2020

La maschera e la corona

Si tratta di un romanzo fantasy: settecento pagine in cui lo scrittore racconta cinque avventure di uomini e donne che sfidano il loro destino. Lo scrittore è un valsabbino di Idro

26/05/2020

Lago e montagna, mete ideali per le prossime vacanze

Dai contatti ricevuti da opertori turistici, Agenzia territoriale per il turismo e dalle Pro loco, la Valle Sabbia e il lago d'Idro stanno suscitando interese per le prossime vacanze estive

26/05/2020

I primi sedici di Anna

Tanti auguri ad Anna, di Idro, che proprio oggi, 26 maggio, compie i suoi primi sedici anni

20/05/2020

Una sorpresa bella «fes»

È quella realizzata dal cantautore bresciano Piergiorgio Cinelli agli ospiti della Comunità Socio-Sanitaria di Idro gestita dalla Cogess

07/05/2020

Le difese del lago d'Idro

È un progetto portato avanti da Sirio Dolcetti, di Idro, che ha pubblicato in questo periodo di quarantena una serie di interessanti video su YouTube