15 Aprile 2009, 00.00
Valsabbia - C
Libri

La grande guerra nell’Alto Garda

di Giancarlo Marchesi

Tra i settori del fronte italiano della grande guerra, quello altogardesano e ledrense (tra Passo Tremalzo e i monti di Tremosine e tra Limone e Pregasina) tra i meno conosciuti e studiati, nonostante l’importanza ricoperta da quelle zone.

Tra i settori del fronte italiano della grande guerra, quello altogardesano e ledrense (tra Passo Tremalzo e i monti di Tremosine e tra Limone e Pregasina) è tra i meno conosciuti e studiati, nonostante l’importanza ricoperta da quelle zone. Delle difficoltà incontrate dall’esercito italiano su fronte tra Garda e Ledro, scrisse uno dei protagonisti di quelle vicende, Cesare Maria De Vecchi di Val Cismon, che durante il ventennio fascista divenne una figura di primo piano della politica italiana. Comandante della Batteria di Bocca Fortini, De Vecchi volle ricordare che «[…] non vi fu mai luogo di guerra, né sul Carso né sopra altri monti, che si presentasse più difficile di quanto lo fosse la guerra di posizione vissuta e combattuta nei piccoli posti della Valle Di Ledro. Avrei voluto che tutti li avessero visitati per rendersene conto; ma purtroppo assai pochi li visitarono. Pochi metri dal nemico, alpini e fanti ma specialmente alpini vivevano e combattevano in luoghi dove ci si domandava come avessero potuto arrivare per la prima volta nonché sotto il fuoco nemico, anche semplicemente come rocciatori. […]».

A far luce sui drammatici eventi che, nel corso del periodo 1915-1918, videro protagonisti sui monti dell’Alto Garda e del Basso Trentino migliaia di giovani provenienti da tutta Europa contribuisce ora il volume dal titolo: «La grande guerra nell’Alto Garda. Diario storico del Battaglione Vestone», a cura di Domenico Fava, Mauro Grazioli e Gianfranco Ligasacchi.
Il volume s’inserisce in un ampio percorso di ricerca ideato dall’Associazione storico-archeologica della Riviera del Garda (Asar), in collaborazione con l’Associazione trentina «Il Sommolago».
La pubblicazione del Diario di guerra del Battaglione alpini Vestone, che dal maggio 1915 al marzo 1916 combatté sul fronte militare altogardesano e ledrense, è appunto la prima tappa di questo affascinante viaggio nella storia del Novecento.

Nell’introduzione Domenico Fava si sofferma prima sulle vicende che negli ultimi decenni dell’ottocento portarono alla nascita del Battaglione Vestone (sancita da un regio Decreto del 13 gennaio 1889) e sull’avventurosa Campagna di Libia per poi dedicare la sua attenzione ai quattro anni della Grande Guerra e alla minuziosa descrizione del fronte militare tra il Garda e la Valle di Ledro. A corredo dell’introduzione, sono elencati gli ufficiali del Battaglione Vestone morti in combattimento; i militari decorati; gli ufficiali e i capitani che hanno comandato il Vestone; i servizi prestati da Battaglione e infine il riepilogo delle perdite subite.
Le vicende vissute dai soldati del Vestone sul fronte gardesano rivivono nelle dense pagine della trascrizione integrale del Diario militare tenuto dai comandi del Battaglione (ora custodito presso l’Ufficio storico dello stato maggiore dell’Esercito) con le annotazioni giornaliere e gli allegati relativi al periodo 23 maggio 1915 - 16 marzo 1916.

Grazie alla pubblicazione di questo prezioso documento tornano attuali le ansie, le preoccupazioni, le sofferenze che gli alpini del Battaglione Vestone patirono sul fronte dell’Alto Garda. Per i giovani militari furono mesi resi difficili dall’impervia morfologia del territorio, dalla sostanziale impreparazione dei soldati e dalla povertà e inadeguatezza dell’armamento.
Per lungo tempo gli alpini furono impegnati sia in una guerra di posizione, sia a realizzare strade, costruire baracche e scavare trincee.
Al termine di quei dieci mesi, il bilancio dell’avventura del Battaglione Vestone fu drammatico: si contarono 33 morti, 115 feriti e 8 dispersi.

Scheda Libro:
Titolo: La grande guerra nell’Alto Garda. Diario storico del Battaglione Vestone 23 maggio 1915 –16 marzo 1916
A cura di: Domenico Fava, Mauro Grazioli e Gianfranco Ligasacchi
Editore: Il Sommolago - Associazione storico-archeologica della Riviera del Garda
Pagine: 253
Agosto 2008
23,00



Aggiungi commento:
Vedi anche
26/02/2015 07:05

Ricordando la Grande Guerra Una serie di eventi organizzati nella biblioteca di Odolo, per ricordare e far conoscere la Grande Guerra a distanza di cent’anni

22/05/2015 08:28

Con gli Alpini sui luoghi della Grande Guerra Anche la sezione “Monte Suello” di Salò ha predisposto due iniziativa, in Valsabbia sul monte Stino e sull’Alto Garda a Passo Nota, per ricordare il centenario dell’inizio del primo conflitto mondiale

11/12/2014 14:40

Pagine sulla Grande Guerra Questo venerdì a Salò un convegno presenterà il volume degli atti del convegno “La Grande Guerra nell'Alto Garda” a cura dell’Asar e Il Sommolago e inaugurerà una mostra dedicata al fronte di guerra nell’Alto Garda

31/07/2015 16:56

«Ta-pum: La Grande Guerra degli Italiani» L'ensemble di ottoni Milano Luster Brass sarà protagonista questo sabato 1 agosto a Passo Nota di un concerto commemorativo per il centenario della Grande Guerra

17/07/2008 00:00

Il Battaglione Vestone sul fronte gardesano Torna prepotentemente all'attenzione il tema della Grande guerra sull'alto Garda. Il merito va all'Asar (Associazione storico archeologica della Riviera) che sta diffondendo un fascicolo monografico di 32 pagine su questo argomento.



Altre da Valsabbia
18/09/2020

Emergenza Covid in Valle Sabbia, le problematiche del territorio

Il punto in un incontro organizzato da Comunità montana con i responsabili delle Rsa e del Terzo settore alla presenza dei consiglieri regionali valsabbini

18/09/2020

Depuratore, nuova mozione in Provincia

L'ha presentata il consigliere Marco Apostoli di “Provincia Bene Comune”, chiedendo al Consiglio provinciale di bocciare il progetto dei due nuovi depuratori a Gavardo e Montichiari. Continuano, nel frattempo, le adesioni al fronte del “no”

18/09/2020

L'assessore Magoni ad Ecomuseo: «La vostra ricchezza è il lavoro di squadra»

Meravigliata dalla ricchezza dell'enogastronomia e della cultura del nostro territorio, l'assessore regionale al Turismo Lara Magoni, in visita a Prevalle, si è complimentata con Ecomuseo del Botticino per la sinergia vincente tra i suoi Comuni

18/09/2020

Omsi, maxi investimento da 30 milioni

Futuro in chiave 4.0 per la Omsi Trasmissioni, da due anni impegnata nel nuovo sito logistico e produttivo di Prevalle

18/09/2020

Al traguardo dei cento

Compie oggi cent'anni Giovanni Soncina, fondatore della Omsi trasmissioni. Una vita la sua ancora oggi dedicata al lavoro

17/09/2020

Oggi l'ultimo saluto ad Angelo Ziglioli

Il grande imprenditore gavardese, impegnato per tanti anni anche nello sport, nella cultura e nel sociale, lascia un grande vuoto nella comunità di Gavardo e in quella bresciana. Oggi – giovedì – alle 16 i funerali

17/09/2020

Nuovi volontari per l'antincendio boschivo

Sono una trentina i partecipanti al corso di formazione organizzato dalla Comunità montana che andranno a rimpinguare i ranghi dei gruppi antincendio valsabbini

16/09/2020

Ricominciano i corsi di Atletica leggera giovanile

Da martedì 22 settembre riprendono presso la pista di atletica di Vobarno le iniziative della Libertas Vallesabbia per i bambini della scuola primaria, delle medie e delle superiori

16/09/2020

«Effetto ambra» per ricaricare le nostre comunità

Si è tenuto a Villanuova sul Clisi un incontro nell’ambito di un progetto di housing sociale promosso dalla Cooperativa Area. Quali comunità sono abitate dai giovani? Come possiamo rivitalizzare la partecipazione sociale?

16/09/2020

Risorse per la montagna

La Regione ha stanziato i fondi per le Comunità montane lombarde per progetti cantierabili nel biennio 2021-2022. Più di un milione e 600 mila euro per quella valsabbina