16 Gennaio 2009, 00.00
Lavenone
La montagna silenziosa

Sono rimasti in venti a Presegno e Bisenzio

di Giancarlo Marchesi

Sono rimasti in venti a Presegno e Bisenzio, frazioni del Comune di Lavenone, in Valle Sabbia. Venti abitanti, per la maggior parte anziani, che tengono ancora vivi questi antichi borghi delle Prealpi bresciane.

Sono rimasti in venti a Presegno e Bisenzio, frazioni del Comune di Lavenone, in Valle Sabbia. Venti abitanti, per la maggior parte anziani, che tengono ancora vivi questi antichi borghi delle Prealpi bresciane grazie al loro attaccamento ad una tradizione, quella dei piccoli campi da coltivare, delle poche bestie al pascolo, che sembra ormai perduta alle nostre spalle.
Quanto nel novembre del 1928 Presegno e Bisenzio furono uniti a Lavenone, perdendo la secolare autonomia amministrativa, solo una mulattiera li collegava al fondovalle, distante oltre 11 chilometri. Tuttavia ottant’anni fa le loro antiche dimore erano popolate da 305 abitanti. Ora sono luoghi simbolici che testimoniano gli esiti amari dello spopolamento della montagna, di quella non lambita dal turismo invernale.

Le contrade di Presegno e Bisenzio, senza bambini, sono silenziose ma anche perché la gente che vi abita è silenziosa: raramente ha fatto sentire la propria voce per far conoscere problemi ed esigenze. È rimasto nella memoria di molti valligiani il gesto di ribellione che nel 1951 vide protagonisti gli abitanti delle frazioni di Lavenone. Quella volta, con estrema dignità, rimandarono all’esattoria consorziale della Valle Sabbia le cartelle delle tasse che erano state recapitate ai singoli contribuenti. Alle cartelle esattoriali respinte fu allegato un esposto nel quale spiegavano le cause che avevano provocato quella ribellione. Cause che si possono sintetizzare in tre punti essenziali: mancanza di strade, di scuole e di assistenza sanitaria. All’epoca il medico condotto doveva fare alcune ore a dorso di mulo attraverso uno stretto e ripido sentiero per giungere a Presegno dal fondovalle. Quella vita senza telefono, senz’assistenza, senza strade è finita.

Adesso, seppure con innegabili difficoltà, Presegno è vivibile, peccato che sia spopolata. Negli anni Cinquanta e Sessanta del Novecento decine di famiglie sono scese a valle in cerca di una vita meno dura, e anche se non sono più ritornate nutrono un forte attaccamento verso la loro terra natale. Molti di quelli che sono stati costretti a emigrare si sono riuniti nell’associazione denominata “Amici di Presegno” che da qualche tempo, durante la stagione estiva, organizza eventi e raccoglie fondi per effettuare restauri ai suggestivi edifici ecclesiastici della borgata che ci ricordano il significativo passato di questa zona che era un fondamentale crocevia di comunicazione tra Bagolino e le Pertiche, grazie al passo della Berga.

Come ha bene evidenziato Patrizia Zorzi nella sua documentata tesi di laurea, recentemente discussa presso l’Università di Verona, Presegno e Bisenzio nel corso dei secoli passati presentavano un tessuto sociale estremamente coeso che, anche attraverso una oculata trasmissione della proprietà fondiaria, aveva saputo ritagliarsi un ruolo di qualche rilievo nell’economia valsabbina: l’allevamento e le attività legate al bosco, come la carbonizzazione, erano i cardini di quella realtà montana. Ma dagli ultimi decenni dell’Ottocento le trasformazioni che avevano investito in quella fase l’economia della nostra provincia cominciarono produrre i propri effetti negativi anche in quelle contrade: la domanda di carbone vegetale era in netta contrazione e l’allevamento non era più competitivo. Così iniziò l’esodo che è continuato fino ai nostri giorni.
Ora nel territorio di Presegno e Bisenzio non vi è nessun negozio, l’ultimo piccolo emporio ha chiuso oltre vent’anni fa. Vi sono invece un agriturismo e un ristorante che continuano la ricca tradizione d’ospitalità che ha sempre contraddistinto la gente della montagna bresciana.


Aggiungi commento:
Vedi anche
24/07/2014 11:43

Presegno e Bisenzio riprendono vita Le due frazioni montane di Lavenone d’estate si ripopolano e si animano di iniziative grazie all’impegno dell’associazione Amici di Presegno e Bisenzio

13/06/2018 10:45

Bisenzio e Presegno, un'estate in musica

Prenderà il via questa domenica, 17 giugno, nelle frazioni montane di Lavenone la rassegna di eventi organizzata dall’Associazione “Amici Bisenzio e Presegno”, che si protrarrà per tutta l’estate
 

14/08/2014 09:30

Musica popolare a Presegno e Bisenzio Nei due borghi montani di Lavenone dal 16 al 19 agosto si esibiranno i gruppi musicali “Al Tei” dal Cadore, e il Trio Filippo Gambetta da Genova, con annunciati fuoriprogramma

21/07/2013 07:00

Estate a Presegno e Bisenzio Prendono il via questa domenica con una estemporanea di pittura riservata ai bambini a Vaiale le iniziative estive messe in campo dall'associazione Amici di Presegno e Bisenzio

13/07/2018 11:00

Ermes Pirlo in concerto È in programma per questa domenica, 15 luglio, a Presegno l’evento musicale organizzato dagli “Amici Bisenzio e Presegno” all’interno della rassegna estiva nelle frazioni di Lavenone 



Altre da Lavenone
12/09/2020

Un video tour tra le vie di Lavenone

Il piccolo Comune montano valsabbino ha conquistato il travel blogger bresciano Gio Del Bianco, che ha girato un video in cui racconta la sua esperienza di viaggio e l'incontro con i ragazzi del progetto Labis di Co.Ge.S.S.
•VIDEO

29/08/2020

Rientro al buio

Partiti troppo tardi per raggiungere la meta che si erano prefissati, sono stati sorpresi dalle tenebre a pochi chilometri dalla “base"

28/08/2020

«A macchia di barolo»

Nuova distribuzione dei fondi per i Comuni di confine, quella mediata a Brescia, che premia anche i Comuni “di seconda fascia”

22/08/2020

Anche Frapporti in gara ai Nazionali

ll ciclista professionista di Lavenone Marco Frapporti partecipa, questo fine settimana, ai Campionati Nazionali come corridore del team Vini Zabù - KTM

06/08/2020

Tamponamento davanti alla CPF80

Ad avere la peggio il conducente 72enne di una Yamaha, finito a terra dopo lo scontro. Chilometri di coda lungo la 237 del Caffaro

06/08/2020

Nuova piastra polivalente e nuovo marciapiede

Sono le due opere che saranno realizzate a Lavenone con i fondi regionali per il rilancio economico e produttivo post pandemia, ma in cantiere c'è dell'altro

03/08/2020

Vento forte ed energia

Un albero caduto sulla linea elettrica che affianca Via del Tram a Lavenone, ha tolto nottetempo energia elettrica a gran parte dell’abitato di Idro

23/07/2020

Giorgio Montini e Pietro Bonomi

Nella corrispondenza epistolare fra Giorgio Montini ed il figlio Giovan Battista, il futuro papa Paolo VI, anche il riferimento ad una famiglia di Lavenone. Una "chicca" riportata dal nostro Guido Assoni

21/07/2020

Taglio di strada

Esce con la Panda da una strada privata, senza accorgersi dell’arrivo dello scooter. Inevitabile l’urto

19/07/2020

Lavenone, buoni lavoro per le famiglie

Superata l'emergenza sanitaria ora gli strumenti di sanificazione degli ambienti vengono impiegati per la Rocca d'Anfo. Per il sostegno delle famiglie un apposito bando per buoni lavoro