28 Maggio 2020, 19.00
Agnosine Odolo
Ambiente

Il bianco del Carfio

di val.

Tre imponenti discariche di rifiuti d’acciaieria situate nel Comune di Agnosine sono state sottoposte a sequestro dai Carabinieri Forestali di Vobarno. Nei guai quattro imprenditori


Il provvedimento su disposizione del gip del tribunale di Brescia, al termine di una lunga e complessa indagine coordinata dal Sostituto procuratore della Repubblica dott. Mauro Leo Tenaglia ed iniziata nel febbraio dello scorso anno, quando i militari si sono imbattuti in un torrente le cui acque erano diventate completamente bianche per un tratto di circa 600 metri, con alveo ricoperto da abbondanti depositi di fanghi dello stesso colore e da incrostazioni di aspetto calcareo.

Ne parla una nota diffusa in giornata dai Carabinieri forestali.
Partendo dagli indizi qui sopra esposti, i Forestali di Vobarno sono riusciti ad individuare la causa di tale fenomeno: centinaia di migliaia di tonnellate di scorie prodotte da tre acciaierie del limitrofo Comune di Odolo – di cui solo una ancora attiva, la IRO – tombate negli anni ‘80 in altrettante discariche, che insieme occupano una superficie di oltre 5 ettari e che sono ubicate a ridosso del torrente Carfio, oggi celate dalla vegetazione boschiva, senza che venisse predisposto dai rispettivi proprietari un idoneo sistema di raccolta e gestione del percolato, obbligatoriamente previsto sia dalle norme dell’epoca sia da quelle attuali.

«Ed è proprio tale omissione ad aver comportato, per quattro soggetti, l’accusa di aver commesso – con condotta permanente dal 1987 fino ad oggi – il reato di inquinamento ambientale aggravato, punito con la reclusione da due a sei anni e con la multa da 10.000 a 100.000 euro» fanno sapere i Forestali.

La mancanza di un sistema di raccolta del percolato, caratterizzato da un pH elevatissimo in quanto contenente massicce dosi di idrossido di calcio derivante dal dilavamento delle scorie, ha fatto sì che questo andasse a finire per decenni nel torrente colorandolo appunto di bianco.

«Pur essendo questa la manifestazione più evidente dell’inquinamento, non è certo la conseguenza che desta maggior preoccupazione – affermano i militari, che insieme ai tecnici di Arpa Lombardia hanno effettuato campionamenti sui sedimenti del corso d’acqua che hanno infatti consentito di accertare «come il continuo rilascio di percolato di discarica abbia determinato l’inquinamento e la compromissione di tale ecosistema fluviale, con superamento delle concentrazioni soglia di contaminazione per metalli pesanti quali Piombo, Zinco e Cadmio, nonché per inquinanti persistenti di riconosciuta cancerogenicità quali i Policlorobifenili (PCB)».

Tre degli indagati, dirigenti dell’acciaieria ancora attiva, sono inoltre accusati di aver commesso anche il delitto di attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, punito con la reclusione da due a sei anni: «Evidentemente consapevoli delle caratteristiche inquinanti del percolato prodotto dalla propria discarica, a partire dal 2008, lo hanno abusivamente raccolto e miscelato con le acque di raffreddamento degli impianti aziendali mediante un sistema di vasche, pompe e tubazioni, con lo scopo di diluire le sostanze inquinanti ed abbassare il pH grazie all’aggiunta di acido solforico, per poi scaricare il tutto nel torrente e risparmiare così i costi che una corretta gestione e smaltimento di tale rifiuto avrebbero comportato» si legge nella nota.

Oggi i Forestali sono intervenuti in forze per accedere alle aree in sequestro, perchè possano essere realizzati tempestivi ed opportuni interventi di messa in sicurezza finalizzati ad impedire ulteriori sversamenti di percolato, a cui faranno seguito le necessarie attività di bonifica e di ripristino ambientale che i responsabili saranno tenuti ad eseguire a proprie spese.



Vedi anche
28/05/2020 19:11:00

Il bianco del Carfio/2 Abbiamo chiesto ai responsabili della IRO, l’unica acciaieria rimasta fra quelle che negli anni ’80 hanno utilizzato le tre discariche dismesse, di offrirci il loro punto di vista

07/07/2018 06:49:00

Emergenza alla IRO, ecco cosa è successo Una lunga notte di preoccupazione quella trascorsa a Odolo fra giovedì e venerdì, dopo che in serata uno dei sensori posizionati a controllo dei fumi dell’acciaieria della IRO ha segnalato un “preallarme” per la presenza di radioattività

26/03/2016 10:33:00

Leali Steel acquisisce l'impianto di Borgo Valsugana Il gruppo svizzero Klesch, già proprietario dell’ex acciaieria Leali di Odolo, ha acquisito anche l’impianto trentino del gruppo odolese

09/12/2013 06:54:00

Discarica alla Fratta Le fotografie sono state scattate da un nostro lettore venerdì scorso e documentano la presenza di materiale da discarica abbandonato fra i boschi di Sabbio

27/06/2008 00:00:00

L’ex discarica «salvata» dai bambini A Odolo nella discarica di Vergomasco troveranno posto le piste per monopattino e bob, il campo di pallavolo, i giochi per bambini, le aiuole fiorite, uno scivolo, i distributori di sacchetti per i bisogni dei cani, una teleferica ed altro ancora.



Altre da Odolo
25/06/2020

I cento «in prigionia» del Remigio

Tanti auguri a Remigio Garzoni, di Lavenone, che proprio oggi, giovedì 25 giugno, ha raggiunto il secolo di vita, con una salute invidiabile

19/06/2020

Anche Odolo è covid-free

A oggi, fra le persone che risultano residenti nel centro valsabbino della Conca d'Oro, tutti i contagiati si sono liberati dal pernicioso virus. Ne abbiamo parlato col sindaco Fausto Cassetti

07/06/2020

Guanti e mascherine gettati a terra

Un fenomeno che si sta riscontrando un po’ ovunque e nemmeno la nostra valle è esente, come dimostrano queste foto inviateci da un nostro lettore

05/06/2020

Tamponi gratis per tutti

E’ quello che hanno chiesto 65 sindaci bresciani scrivendo a Fontana e Gallera. Al massimo il pagamento del ticket. Cinque i firmatari valsabbini

02/06/2020

«I giorni del silenzio»

In occasione della Festa della Repubblica, la Ferriera Valsabbia di Odolo ha pubblicato un video con le immagini della fabbrica durante la chiusura per l'emergenza coronavirus
• VIDEO

02/06/2020

Inversione e scontro

Un’inversione di marcia all’origine di uno scontro che ha avuto luogo sulla circonvallazione di Odolo fra un furgone e una motocicletta. Due le moto che si sono scontrate ad Anfo

01/06/2020

Nel 2011 accadde

Così ci scrive il WWF da Brescia: «Era il 30 novembre del 2011 quando due Guardie Giurate Venatorie WWF Italia nel corso di un servizio di vigilanza si trovarono di fronte ad uno scenario incredibile...»

28/05/2020

Il bianco del Carfio/2

Abbiamo chiesto ai responsabili della IRO, l’unica acciaieria rimasta fra quelle che negli anni ’80 hanno utilizzato le tre discariche dismesse, di offrirci il loro punto di vista

17/05/2020

I 14 di Lorenzo

Tanti auguri a Lorenzo di Odolo, che proprio oggi, domenica 17 maggio, compie i suoi primi 14 anni

16/05/2020

Cade in bici e finisce all'ospedale

La disavventura è capitata ad un ciclista 76enne di Odolo, arrivato “lungo” nell’affrontare una curva in discesa sulle Coste di Sant’Eusebio

boxlat.inc.html
Odolo, il paese la sua gente

La Fucina di Pamparane

14/04/2020

Inaugurato ufficialmente nel 2008 il muncipio di Odolo è ubicato in via Dino Carli al civico numero 62.
Si trova in un fabbricato che tradisce le sue origini settecentesche (1)

14/04/2020

La chiesa parrocchiale che Odolo dedica a S. Zenone fu eretta nel 1667 sullo stesso luogo dove preesisteva una costruzione risalente al XIV secolo

14/04/2020

Si tratta di un “Museo del Ferro” che fa parte del Circuito museale della Valle Sabbia. E’ collocato al civico 2 di via Massimo d'Azeglio. Locali donati dall’imprenditore Dario Leali al Comune di Odolo che si propongono di evocare il sapere dei forgiatori odolesi