11 Marzo 2020, 07.13
Agnosine Valsabbia
Lettere

«Compilatione delli veri et fideli rimedii»

di Andrea Cavagnini

A Shanghai in tempo di coronavirus, pensando alla natia Agnosine e al momento difficile che tutti stanno vivendo, rispolverando antichi rimedi che ci riguardano da molto vicino. Andrea Cavagnini ci scrive e pubblichiamo volentieri la sua lettera


“Non si esca fuor di casa, tengasi mondo tutto il corpo, ci si lavi più volte al giorno le mani, la faccia e la bocca con vino bianco odorifero bagnato con un poco di acqua rosa, le stanze della casa siano mondate spesso […]”

Queste alcune delle indicazioni igieniche del mio avo Giovan Battista Cavagnino, contenute nella “Compilatione delli veri et fideli rimedii da preservarsi, et curarsi dalla peste”, edito a Brescia da uno stampatore sabbiense nel 1576, durante il biennio della cosiddetta Peste di San Carlo (si intende, ovviamente, il gran Borromeo).

Un testo nato dietro l’impulso di Andrea Benini, prete di Agnosine, che convinse l’amico Philosopho et Medico Eccellentiß. Cavagnino a illustrare nella sua erudizione “li veri e efficaci rimedij e ripari medicinali et maßime de simplici preservativi e curativi contra la pestilenza, regina di tutte le infirmità humane, che hoggidì regna in molte Città et Terre et di giorno in giorno si va allargando il suo regno..”

A distanza di cinquecento anni
la nostra terra è di nuovo piagata da un simile morbo, certamente meno macabro e teatrale nei suoi effetti, ma altrettanto insidioso nel piegare la struttura portante del nostro vivere sociale e nell’evidenziare criticità che si credevano superate grazie all’avanzamento della tecnologia e dell’arte medica.

E tuttavia ancora ai medesimi precetti dobbiamo ricorrere
, soprattuto al “non si esca fuor di casa”, la migliore fra tutte le forme di prevenzione per evitare il propagarsi del morbo.

Ne parlo con particolare cognizione di causa, scrivendo da Shanghai, dove risiedo da quindici anni, e dove sono restato anche negli ultimi tre mesi, resistendo alla tentazione di rientrare in Italia quando sembrava che la Cina sarebbe implosa in una crisi sanitaria senza precedenti, con la convinzione che qualsiasi movimento avrebbe aggiunto rischio al rischio sia per me, sia per i miei cari, sia per la comunità.

Ci siamo segregati in una sorta di quarantena volontaria per quasi due mesi, mettendo prudenza personale e senso civico al primo posto, la società ha retto la sfida, le autorità hanno saputo infondere la giusta fiducia nonostante alcune manchevolezze iniziali, la logistica ha funzionato mantenendo costanti le forniture nei supermercati, prevenzione di carattere occidentale unite all’etica sociale confuciana hanno fatto il resto e sembra ora finalmente a portata di mano una possibile vittoria contro il virus.

L’Italia è indubbiamente in grado di replicare questo percorso, la sfida sarà sicuramente vinta, e noi italiani ne usciremo da cittadini ancor più forti e consapevoli.

Seguiamo allora le poche, fondamentali regole prescritte “primieramente per gloria dell’Altissimo et poi ad utilità e commodo delle sue creature humane, viandanti e massime poveri, et in particolare della Valle di Sabbia mia patria (laqual amo et riverisco, imperochè a tutti è dolcißima la patria sua et per conseguente dolcißime le cose che ad essa trovasi giovare).”
——————————-
Andrea Cavagnini



Vedi anche
05/11/2012 09:00

Podio e competitività ritrovata a Shanghai Alberto Cerqui rientra dalla Cina dopo una positiva prestazione sul circuito di Shanghai, teatro del penultimo appuntamento del FIA WTCC 2012.

26/05/2020 10:32

Si torna in quota, dieci regole per frequentare i rifugi E' il “Piano rifugio sicuro” stilato dal CAI per il ritorno in montagna dopo l'emergenza Coronavirus. Necessario prenotare il pernottamento e rispettare scrupolosamente le indicazioni del gestore

02/11/2012 09:45

Alberto Cerqui, ottimismo alla vigilia di Shanghai Dopo il round giapponese di Suzuka il finale di stagione asiatico del FIA WTCC prosegue il prossimo weekend in Cina, dove a Shanghai in programma il penultimo round del 2012.

23/01/2012 07:33

La peste a Treviso La peste di manzoniana memoria, quella che con i lanzichenecchi entr in Lombardia nel 1630 a Treviso Bresciano fece strage di almeno 1000 morti?

08/12/2007 00:00

La peste a Treviso Bresciano - quarta parte Un male oscuro che periodicamente falcidiava intere comunit. Questa era la peste. Cos era anche a Treviso Bresciano, dove alcune tristi vicissitudini sono state narrate da don Sandro Gorni.
Un racconto che abbiamo diviso in quattro puntate.



Altre da Valsabbia
05/08/2020

Non è andato tutto bene

Dal PD della Valle Sabbia, una presa di posizione, in merito ai "moti" nagazionisti registrati nei giorni scorsi al Senato, che si contrappongono ai dati sulla pandemia registrati in Regione Lombardia

05/08/2020

Appello per reperire plasma iperimmune

L'Avis di Gavardo cerca donatori idonei per la raccolta di plasma iperimmune attivata dall'Asst del Garda per la cura dei malati affetti da Covid-19

05/08/2020

Le mamme del Chiese e del Garda confidano in una soluzione di buon senso

Mamme del Chiese e mamme del Garda, unite per il buon esito della questione depurazione del Garda, in risposta ad alcune affermazioni lette a seguito del rinvio del Tavolo Tecnico, ritengono necessarie alcune puntualizzazioni. Pubblichiamo volentieri

05/08/2020

Fondi per le strade agro-silvo-pastorali

Dalla Regione oltre 500 mila euro per le strade agro-silvo-pastorali della Valsabbia e dalla Val Trompia

04/08/2020

Una ciclopedonale per l'Eridio

Un tracciato sicuro per ciclisti e pedoni per girare attorno al lago. Un progetto ormai storico e futuristico insieme, che con gran fatica comincia a prendere corpo

03/08/2020

Comuni di confine, «riparto dei fondi non equilibrato»

Quattro milioni a testa per quattro anni ai due Comuni di confine della Valtellina e solo 700mila euro ciascuno all'anno per gli undici Municipi bresciani, tra cui i valsabbini Bagolino e Idro. La polemica

03/08/2020

Valsir, controllo totale

Non solo in Valsir, ma anche per Oli, Marvon e Alba, è stata messa in pratica una massiccia operazione di controllo e prevenzione del rischio Covid

02/08/2020

Fiume Chiese e Lago d'Idro, per un uso sostenibile dell'acqua

E' stata approvata qualche giorno fa, a firma del consigliere trentino del Movimento 5 Stelle Alex Marini, la proposta per un progetto di ricerca applicata per assicurare un uso sostenibile delle risorse idriche dei territori trentini e bresciani

01/08/2020

«Le risposte è bene che arrivino dal Ministero»

Comitati e associazioni ambientaliste, in un comunicato unificato che riportiamo integralmente, invitano i sindaci dei Comuni dell'asta del Chiese, in merito al Tavolo tecnico sulla depurazione del Garda, a respingere qualsiasi soluzione tecnica non vagliata dalla politica

01/08/2020

A piedi e in bici per credere in sé stessi

Torna il progetto educativo di cooperativa Area che utilizza l’esperienza del viaggio di gruppo come strumento di riabilitazione e integrazione sociale alternativo al carcere minorile. Coinvolti 20 adolescenti posti in regime di “messa alla prova” da parte Tribunale dei Minorenni di Brescia