Skin ADV
Martedì 25 Febbraio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


24 Novembre 2006, 00.00
Valsabbia - C
Libri

Il Leone nella Valle

di Sergio Re
Il volumetto raccoglie gli atti del convegno tenuto a Nozza l'11 novembre 2001, alla ricerca di alcuni tra i principali aspetti che hanno caratterizzato il periodo del dominio veneto in Valle Sabbia.

Iconografia, politica ed economia nel dominio veneto in Valle Sabbia

Titolo: Il Leone nella Valle
Autore: Beggiato Ettore, Bonomi Alfredo, Marchesi Giancarlo, Rizzi Alberto, Zalin Giovanni
Editore: Comunità montana di Valle Sabbia
Pagine: 123
Prezzo: S.i.p.

Il libro:
Il volumetto raccoglie gli atti del convegno tenuto a Nozza di Vestone il giorno 11 novembre 2001, alla ricerca di alcuni tra i principali aspetti – artistici, culturali e storici – che hanno caratterizzato il periodo del dominio veneto in Valle Sabbia.
Il leone è naturalmente quello di San Marco, che – si sa – non è difficile rinvenire, e anche in abbondanza, in quelle terre che furono soggette al dominio della Serenissima Repubblica di Venezia.
Non sembra quindi strano che in Valle Sabbia ne sia emerso un esemplare, in modo fortunoso e quasi inopinato, tracciato sulla parete di un antico edificio di Alone, e non sembra strano che a questa scoperta si sia immediatamente collegata una simpatica e ardua storia di recupero.

Ma il Leone più importante è quello – come emerge anche in questi atti – scritto a caratteri indelebili nel cuore storico dei valsabbini che, anche nel momento più drammatico della vicenda di San Marco sul loro territorio, non vollero dimenticare la grandezza di Venezia e la sua generosità.
E scrissero pagine di un eroismo che, incurante della realtà militare, si riallacciava alla tenace memoria collettiva di uno stretto rapporto di collaborazione storicamente esistito tra il territorio valsabbino e la Signora dell’Acqua.

La ricerca – eterogenea come abbastanza consueto nei lavori a più mani – si sviluppa su almeno due fronti, ma si mantiene agevole nella inappuntabilità e nella scorrevolezza del testo, favorita anche dalle ridotte dimensioni del volumetto che non richiede un particolare impegno di lettura.

Da un lato il discorso s’incentra su un aggiornamento del Rizzi allo studio – recentemente edito – dal titolo “I Leoni di San Marco”. Due preziosissimi volumi, già esauriti, che tracciano la storia del simbolo e della sua iconografia (in marmo, in gesso o a fresco) rinvenibile su pareti, colonne e portali di tutto il Mediterraneo, inseguendo le avventure di Venezia nei suoi possedimenti da Terra e da Mar.
Il lavoro del Rizzi è così prezioso che ci aspetteremmo ora a breve una riedizione integrale dell’opera, arricchita da quei “paralipomeni” tracciati in questo agile volumetto bresciano.

Il centro comunque di questo primo studio resta la scoperta di Alone, quel Leone (dai tratti ingenuamente antropomorfi) tracciato da un anonimo artista sulla facciata di un edificio semi abbandonato che ora è stato amorevolmente recuperato e pazientemente riportato alle sue origini.
Anche il fabbricato, recuperato all’uso dopo avventurose destinazioni dell’ultimo secolo, ha svelato notazioni artistiche e storiche di un certo rilievo per la storia Sei e Settecentesca della Valle Sabbia, fino a individuarne la destinazione originale come fabbricato municipale (vicinia o comune) in seno alla comunità valligiana.

Altri contributi s’incaricano invece di fare il punto su traffici e commerci (Zalin Giovanni) e sulla situazione antropica e occupazionale della Valle (Giancarlo Marchesi) allo scadere del XVIII secolo, quando già si profilavano all’orizzonte le scorrerie dei francesi e di Napoleone.

La storia è quella di una comunità valsabbina che oppone una tenace – quanto sfortunata – resistenza, assoggettandosi di malavoglia a digerire l’albero della libertà, simbolo di una “indipendenza” non richiesta, che portava con sé il naufragio della lunga storia di reciproco rispetto veneto/valsabbino dal quale la valle aveva beneficiato di un certo benessere, quel benessere che i tempi duri della storia moderna potevano concedere.

Si fa il punto quindi sulla consistenza numerica degli abitanti, ricorrendo a quella relazione ordinata dal Grimani – capitano e vicepodestà di Brescia – e inviata a Venezia, suscitando gli apprezzamenti del Senato che ne estenderà il modello a tutti i territori.
È quasi naturale a questo punto un raffronto – sia pur sommario – delle rilevazioni fatte effettuare dal Grimani nell’anno 1764, con quelle del Catastico bresciano del Da Lezze, effettuate tra il 1609 e il 1610, ottenendo un interessante raffronto sulla consistenza numerica, anagrafica e occupazionale a cavallo di quell’avvenimento tremendo, ricordato nella storiografia come la peste del Manzoni (1630), dalla quale ancora al tempo del Grimani la valle non si era adeguatamente risollevata.

Si indagano quindi le capacità occupazionali dell’agricoltura e la potenzialità dei lavoratori della lana e del ferro. Entrano quindi in gioco la grande massa dell’allevamento ovino, che sosteneva la produzione laniera in buona parte esportata da Venezia anche oltre mare, così come i movimenti commerciali trasversali, che collegavano la valle alle miniere della Val Trompia per rifornire le fucine valsabbine di materia prima da lavorare.

Uno spaccato insomma della vita locale giusto al culmine di un excursus storico determinante nella vita della futura nazione italiana, ma anche un pregevole lavoro concepito nel piano di in un agile volumetto che ricostruisce i punti salienti di questa storia riferita alla Valle Sabbia.

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
25/09/2009 07:00:00
«Archeologia lungo il Chiese» È stato presentato nei giorni scorsi dal direttore del Museo Archeologico di Gavardo il volume che raccoglie gli atti del convegno di archeologia riguardante anche scavi in Valle Sabbia.

22/09/2015 17:21:00
La Valle e le sue imprese: convegno sabato 3 ottobre a Nozza L’inaugurazione di una nuova filiale, già operativa da lunedì 21 settembre, vale l’organizzazione di un convegno per fare il punto sull’evoluzione economica della Valle Sabbia


18/11/2008 00:00:00
Esperienze positive in ambito giovanile Si è tenuto sabato scorso al Cfp di Villanuova un convegno sulle politiche giovanili che ha voluto evidenziare esperienze positive sorte in ambito giovanile in alcuni comuni della Valle Sabbia.

13/02/2020 06:43:00
Per una storia della Resistenza Sarà presentato nella sede della Comunità montana di Valle Sabbia il volume che raccoglie le più recenti riflessioni sulla Resistenza in Valle Sabbia. Un impegno assunto da un Centro studi appositamente fondato

27/11/2010 07:00:00
Cucina regionale del Veneto Il Veneto è caratterizzato da un cucina rustica, poco nota al di fuori dei confini regionali ma ben radicata nella tradizione gastronomica locale.



Altre da - C
19/05/2009

Tutta un’altra musica dalla Corea

La Kia si lancia in un settore in cui fino ad ora non era presente: il settore dei crossover compatti, grazie alla Soul, proposta con un 1600 a benzina da 126 cv e un 1600 common rail CRDI da 128 cv, negli allestimenti Active e Cool.

19/05/2009

Il sorriso e la mamma

Un sorriso ad una mamma è un sorriso per tutte quante le mamme. Ci sono quando si nasce, quando si cresce, quando si soffre. Il pensiero va a lei anche quando si muore. Un amore incondizionato il loro: basta un sorriso a ripagarlo.

18/05/2009

Terza parte: speciale cinghiale

Negli ultimi anni nei boschi che circondano la Valle Sabbia sono ricomparsi numerosi i cinghiali. Non di rado scendono fino a fondo valle dove, per nutrirsi, riescono a devastare orti e piantagioni. Necessarie alcune regole sanitarie.

18/05/2009

«In cerca di identità» e i Peripatetici volano

Saranno I Peripatetici a rappresentare Brescia nelle due finali di due festival cabarettistici in Toscana, al termine di un percorso che li ha portati a superare importanti selezioni.

16/05/2009

Aiuti da Distretto 12 e Comunità montana

Arriva dal Distretto sanitario numero 12 e dalla Comunità montana della Valsabbia un nuovo provvedimento di sostegno alle persone più colpite dalla crisi economica: sul tavolo c’è un «buono famiglie» per un ammontare complessivo di 120 mila euro.

15/05/2009

Fondi a sostegno dello sviluppo della montagna

È di 1.961.000 euro il contributo assegnato dalla Giunta regionale lombarda alle Comunità montane della provincia di Brescia per iniziative a sostegno dello sviluppo della montagna. Di questi, 388 mila euro a quella valsabbina.

15/05/2009

Un weekend pieno di cultura

Sono numerose anche in Valle Sabbia le realtà culturali, biblioteche e musei, che proporranno eventi, da venerdì a domenica, in occasione dell’iniziativa regionale “Fai il pieno di cultura”.

15/05/2009

La Cpf80 convoca i propri soci

La Commissionaria popolare familiare 80 (Cpf 80) convocherà il suoi 2610 soci ad approvare il bilancio dell’esercizio 2008, questa sera alle 20.30 presso l’Auditorium comunale di Vestone, via Glisenti 7.

13/05/2009

Bontempi pronto a volare con la Catullo

Giorgio Bontempi, 46 anni, sindaco di Agnosine e commercialista, vicepresidente della Comunità montana di Valle Sabbia, è in pole position per la nomina bresciana nel Consiglio di amministrazione della Catullo Spa. (4)

12/05/2009

Una straordinaria festa di popolo

Va in archivio anche l’82 Adunata nazionale degli alpini che si è svolto nel fine settimana a Latina. Tanti anche dalla Valle Sabbia. Come sempre è stata una straordinaria festa di popolo, con tanta gente per le strade e per le piazze.

Eventi

<<Febbraio 2020>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
2425262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia