Skin ADV
Lunedì 15 Luglio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Purezza

Purezza

by Giuly





30 Novembre 2018, 08.00
Salò
Lettere

L'Anpi contro la propaganda neofascista

di Anpi Medio Garda
La neonata sezione dell’Anpi Medio Garda prende posizione contro la continua presenza a Salò di un gruppo di chiara impronta neofascista

La neo sezione Anpi “Medio Garda”, nata dalla fusione delle sezioni di Salò e di Roè Volciano in chiave di rilancio della sua presenza ed attività sul territorio,

- constatando il ripetersi di banchetti nel comune di Salò di gruppi palesemente neofascisti e le loro provocazioni nei comuni limitrofi;

- ­ fortemente preoccupati da un clima generale remissivo, se non complice, rispetto il radicarsi di atteggiamenti razzisti, di intolleranza verso tutto ciò che viene bollato come “diverso” , dal riemergere del culto della violenza e della giustificazione della negazione di diritti che si credevano universali ed acquisiti;

- assistendo all’ambiguità di molti che alimentano il ruolo simbolico, anche se improprio, di Salò come capitale della RSI;

rivolge un appello a tutta la comunità locale per una reazione unitaria volta ad isolare e contrastare queste forme organizzate neofasciste e al contempo per tenere alta la bandiera dei valori e dei diritti con una scelta di campo decisa ed inequivocabile.

Dobbiamo rendere la nostra zona di Salò
non più richiamo simbolico di un fascismo che mantiene radici profonde nel nostro paese, ma di una comunità in grado di mettere in campo iniziative volte a promuovere culture e politiche che siano l’opposto del fascismo, quindi democratiche e anti-fasciste.

Rivolgiamo quindi un appello affinché il prossimo 25 Aprile,
a fianco delle celebrazioni ufficiali, possa esserci un momento di grande festa sovracomunale per rimarcare questa volontà di ribaltamento di prospettiva e di farlo programmando un percorso di iniziative, di stimolo e di riflessione, in preparazione a quell’evento...  con chiunque voglia affiancarci in questo percorso. In risposta alla presenza di giovani neofascisti sul territorio comunale di Salò (e non solo) alleghiamo una lettera aperta della staffetta partigiana, classe 1929, Gloria che diffondiamo ed invitiamo a diffondere con questo comunicato.

Cordiali saluti

per Sezione Anpi – Medio Lago di Garda
Antonio Bontempi – Salò
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID78666 - 30/11/2018 08:30:29 (DiegoA) Ecco
in pratica una associazione neo-comunista. Gia' che volete fare 30, fate anche 31: PRIMA di tenere alta la bandiera dei valori e dei diritti iniziate a lavorare affiche' ognuno faccia il prorio DOVERE al fine di guadagnarsi i DIRITTI.


ID78667 - 30/11/2018 08:42:31 (Ila77)
Terrapiattisti, antivaccinisti, fascisti...tutte categorie che fioriscono grazie alla diffusa ignoranza di molti, facili prede di chi con il web tenta di ribaltare le verità storiche. Il web, come la tessera elettorale non dovrebbe essere dato a tutti, è come se si desse la patente dell'auto per diritto ad una certa età.


ID78668 - 30/11/2018 10:22:02 (Carletto) PAROLE SANTE
Il nostro paese è proprio l'esempio di come la democrazia che funzionava lo scorso millennio non abbia saputo resistere alla globalizzazione ed alle distorsioni del web. Speriamo che da qui parta una presa di coscienza che pian piano sta facendo breccia in qualcuno.


ID78670 - 30/11/2018 13:09:08 (Denis66) ......
Da buoni comunistelli importante ANTI,poi non fa niente il restoClap clap clap clap


ID78671 - 30/11/2018 13:25:51 (Antonio-Bontempi) Antonio
L'Anpi è un associazione trasversale che nasce dalla lotta anti-fascista, cioè contro il fascismo. Al tempo tra i pochi antifascisti c'erano anche i comunisti e i socialisti che immagino per lei non facciano differenza. Ve ne erano anche di altra estrazione culturale e politica ovviamente. Tutti perseguitati.Doveri: è ovvio .. ai diritti seguono i doveri. E un dovere è proprio rispettare i diritti altrui. Poi viene la buona educazione, il rispetto, la capacità di risolvere le dispute in modo civile e pacifico, ecc. Investire nell'odio, nel razzismo, nel disprezzo, nella derisione non aiuta ne i DIRITTI ne i DOVERI. Faccia lei se vuole nascondersi dietro un dito del "prima i doveri e poi i diritti"


ID78672 - 30/11/2018 13:27:37 (Antonio-Bontempi) Il messaggio precedente era in risposta a DiegoA
Il messaggio precedente era in risposta a DiegoA ... se no ... non si capisce.


ID78673 - 30/11/2018 14:00:12 (bernardofreddi)
Antifascismo sempre (basta leggere il Diario di Ciano - non di Arrigo Boldrini! - per capire quanto il fascismo fosse, prima che criminale, stupido: del resto, come ha perso la guerra?). Ma non confondiamo la lotta contro i rigurgiti neri con altre cose, per piacere: essere per il controllo dell'immigrazione o per l'espulsione dei delinquenti comprovati non significa simpatizzare per la RSI!


ID78676 - 30/11/2018 15:28:33 (DiegoA) Sig. Antonio
Credo ci sia stato un misunderstanding: ai DOVERI seguono i DIRITTI. Non il contrario, proprio dove doveva cadere l'asino c'è cascato. Al tempo e' stato quello che e' stato, la storia non si cambia purtroppo. Qui si parla di oggi e di domani. Spezzo una lancia in favore del sig. Bernarda a tal proposito. Saluti


ID78680 - 30/11/2018 16:23:34 (tonga7) 1922-1942
20 anni di azioni partigiane hanno fiaccato il regime fascista fino a portarlo alla sconfitta finale.


ID78681 - 30/11/2018 16:29:33 (Greg) Sig.Tonga
... ma quali 20 anni!! i primi partigiani in Italia si sono visti solo nel 42


ID78685 - 30/11/2018 18:57:42 (And75)
Ida, 20 anni, Primo, 22 anni, Augusto, 27 anni, Giuseppe 30 anni, Emo, 31 anni, Marino 33 anni, Dino, 41 anni. Sono tutti morti l’11 maggio 1945. E tutti facevano di cognome Govoni. Li hanno assassinati a guerra finita dopo averli torturati per una intera notte, i partigiani comunisti delle brigate Garibaldi ad Argelato, in comune di Pieve di Cento nel Bolognese. Ma se chiedete oggi agli studenti chi erano questi fratelli Govoni, forse uno su mille saprà darvi la risposta, mentre la percentuale è altissima se chiedete chi erano i fratelli Cervi. E quale studente, o giornalista, o storico, sa chi era Jolanda Crivelli, la giovane ventenne rapita, percossa a sangue, violentata, assassinata e lasciata appesa per un piede a un albero per due giorni a Cesena solo perché moglie di un combattente della Repubblica Sociale? A guerra finita? Pochi, o forse nessuno.


ID78686 - 30/11/2018 18:58:31 (And75)
Questa è la prova che ancora oggi, sin da dopo la guerra, le vicende della guerra civile italiana sono state rappresentate e raccontate in maniera falsa, omettendo tutto ciò che di male avevano commesso i partigiani ed esaltando tutto ciò che avevano fatto i combattenti della Repubblica Sociale italiana. A scuola non si insegna che pochi eroi con scarsi mezzi si levavano ogni giorno in volo contro nemici anche cento o duecento volte superiori di numero, per difendere la popolazione civile italiana dai bombardamenti terroristi dei cosiddetti “alleati”, alleati che rifornivano anche i partigiani di tutte le risorse affinché potessero compiere i loro attentati, come quello di via Rasella. A scuola non si insegna che una donna incinta è stata assassinata per strada dai partigiani perché colpevole di essere fidanzata con un marò della Decima Mas. A scuola non si insegna delle centinaia di ausiliarie della Rsi torturate, stuprate


ID78687 - 30/11/2018 19:00:01 (And75)
stuprate e assassinate dai partigiani rossi. Ma si insegna che i partigiani erano tutti eroi e i combattenti della Rsi mostri. Non è così. Sono pochissimi anni, dopo una cortina di silenzio e di omertà voluta dai comunisti e attuata dai democristiani, che la verità storica lentamente sta emergendo, e forse ci vorranno altri decenni per capire che in una guerra non ci sono buoni e cattivi. La interpretazione manichea della tragedia italiana sta per essere sconfessata, e solo quando si conosceranno tutte le verità sarà possibile dare un giudizio storico e morale su quelle vicende. Si sappia, i giovani sappiano, che per oltre settant’anni i vincitori hanno raccontato menzogne.


ID78689 - 30/11/2018 19:24:24 (Valle) Certo certo
Adesso arriviamo al fatto che le vittime erano i fascisti. Poveri fascisti trascinati dai partigiani in una guerra che non volevano.


ID78690 - 30/11/2018 19:39:41 (ubaldo) Ogni guerra
...porta le sue tragedie, i suoi orrori e i suoi errori. Che non stanno mai da una sola parte. Però c'è una differenza abissale fra chi l'ha voluta e chi l'ha subita, organizzandosi sugli ideali di libertà e giustizia. Antifascista sempre.


ID78692 - 30/11/2018 22:00:49 (Jongrapewine)
Un applauso ad Ubaldo, il tuo commento mi trova per la prima volta d'accordo con te !


ID78693 - 01/12/2018 06:13:35 (bernardofreddi)
Andy 75, che alcuni partigiani abbiano commesso atti di barbarie non lo nega nessuno: non è una scusa valida per assolvere le porcherie (SISTEMATICHE, non episodiche) attuate dall'occupante tedesco e dai suoi servi, consapevoli o meno di essere tali. E' comodo dimenticare il contesto in cui la "guerra civile" si è collocata, vero? Dimenticare che la RSI copriva la sistematica spoliazione dell'Italia, i rastrellamenti dei giovani da spedire in Germania e degli Ebrei da gasare? Dimenticare che eravate alleati di Hitler e avete collaborato con tutte le sue nefandezze? Dimenticare che Mussolini in persona aveva chiesto ai tedeschi l'onore di partecipare ai bombardamenti su Londra, e i manifesti del regime esaltavano la capitale britannica in fiamme? Dimenticare, come ricorda bene Ubaldo, che la guerra l'avete voluta VOI: e i tedeschi hanno cominciato a massacrare gli italiani (a Cefalonia, a Meina, a Boves e in tanti altri posti) PRIMA che nascesse la Resistenza.


ID78694 - 01/12/2018 06:22:06 (bernardofreddi)
La differenza fra i Cervi e i Govoni è abissale: i primi lottavano per un mondo migliore, i secondi per il dominio nazista. Rispetto per i morti, di qualunque parte, ma il motivo per cui si muore non è lo stesso.PS e cercate di non dare via del vostro:il regime fascista era costruito sulla menzogna: dalla leggenda degli squadristi che avevano salvato l'Italia dal comunismo, al bluff della potenza militare italiana, all'occultamento sistematico dei problemi del paese, alle ricchezze dell'Abissinia a i negretti da salvare (mentre c'era l'apartheid) e qui mi fermo se no non la finisco più.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
20/04/2019 08:00:00
«Numerosi il 25 Aprile a Salò» L'appello dell'Anpi Medio Garda ai cittadini salodiani per una partecipazione convinta alle prossime celebrazioni della festa della Liberazione

19/06/2019 09:49:00
Sulla cittadinanza onoraria a Benito Mussolini L’Anpi Medio Garda e le associazioni della “Rete 25 aprile sempre - Garda Valsabbia” chiedono al riconfermato Sindaco di Salò, in una lettera pubblica, di mantenere l’impegno preso prima delle elezioni e discutere la mozione che chiedeva la rimozione del titolo assegnato a Mussolini 

11/04/2019 07:00:00
Neofascismo e Salò, il sodalizio è tornato L'Anpi Medio Garda prende posizione sulla mancata rimozione della cittadinanza onoraria a Mussolini da parte del consiglio comunale di Salò e dà appuntamento a venerdì 12 aprile per un incontro sul neofascismo

25/01/2019 11:00:00
In ricordo di Massimo Lowy e di tutte le vittime Questa domenica – 27 gennaio – l’ANPI di Salò e del Medio Garda e l’ANED provinciale vogliono ricordare e onorare le vittime della follia nazista e fascista, e in particolare i salodiani deceduti nei lager nazisti 

20/05/2017 08:41:00
Basta con sto Bigio a Salò! Sulla questione della collocazione al museo di Salò della statua del Dazzi, rilanciata ultimamente anche dai “grillini” dice la sua il presidente della sezione Anpi “I. Nicoletto” di Salò Paolo Canipari



Altre da Salò
15/07/2019

Vela, Pizzatti e Bianchini vincono la Salò Sail Meeting

La 34esima edizione della competizione, appuntamento fisso di metà estate per i monotipi gardesani, ha visto protagonisti sul lago di Garda Baraimbo di Giovanni Pizzatti e L’Ombra del Vento guidata da Davide Bianchini

15/07/2019

Un'Orchestra di fiati al Festival Violinistico

Un paradosso che nella sua originalità si è rivelato un’idea vincente, quello di inserire l’Orchestra di Fiati “Gasparo Bertolotti” nel cartellone del Festival Violinistico Internazionale di Salò. Lo conferma il grande successo di “Romeo e Giulietta"


14/07/2019

Nuoto, Alessandro Mora protagonista ai Regionali

Ben cinque medaglie per il giovane nuotatore della Canottieri Garda ai Campionati Regionali categoria Ragazzi, che si sono svolti a Milano dal 5 al 7 luglio


13/07/2019

Oro e argento ai Para World Sailing Championships

Li ha conquistati l’Italia a Cadice, in Spagna, grazie ai due velisti della Canottieri Garda Salò Davide di Maria e Antonio Squizzato 

13/07/2019

Enrico Fagone e il contrabbasso di Gasparo da Salò

Questa sera a Salò il celebre musicista avrà l’opportunità di suonare il prezioso strumento del 1590. Con lui sul palco la violinista Francesca Bonaita e la Savaria Symphony Orchestra 

11/07/2019

L'Orchestra di Fiati «Bertolotti» all'Estate Musicale del Garda

Anche quest'anno l'Orchestra di Fiati "Gasparo Bertolotti" di Salò avrà l'onore di prendere parte al rinomato "Festival Violinistico Internazionale - Estate Musicale del Garda". Appuntamento questo venerdì, 12 luglio, in piazza Duomo a Salò 

11/07/2019

Terapia con onde d'urto

Le onde d'urto si dividono in onde d'urto focalizzate ed onde d'urto radiali o balistiche. Queste due ultime sono quelle impiegate in ambito fisioterapico

09/07/2019

Canottaggio, record di medaglie al Festival dei Giovani

Con 7 ori, 10 argenti e 6 bronzi la Società Canottieri del Garda di Salò ha ottenuto il miglior risultato di sempre (1)

07/07/2019

Itaca Day

Oncologia ed Ematologia in barca a vela nel Golfo di Salò, con la Canottieri Garda che ha ospitato la tappa in notturna del "Progetto Itaca"


05/07/2019

A Salò il Circo Arbell

Il Circo Mario Orfei più le attrazioni di Le Cirque Montecarlo nella frazione di Cunettone dal 5 al 14 luglio. La tradizione circense delle famiglie Bellucci, Canestrelli e Moroni

Eventi

<<Luglio 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia