Skin ADV
Martedì 25 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




24.06.2019 Valsabbia Provincia

23.06.2019 Bagolino

23.06.2019 Villanuova s/C Valsabbia

23.06.2019 Val del Chiese Storo

25.06.2019 Pertica Bassa Bione Bagolino Pertica Alta

24.06.2019

24.06.2019 Roè Volciano

24.06.2019 Val del Chiese

23.06.2019 Provaglio VS

24.06.2019 Gavardo Valtenesi



20 Novembre 2018, 15.59
Valsabbia Provincia
Consultazioni

«Referendum acqua, un successo dei cittadini»

di Redazione
Il comitato referendario Acqua Pubblica si dice soddisfatto dell’esito della consultazione di domenica e attacca i partiti per non aver partecipato al dibattito sulla gestione del servizio pubblico

«Lo spoglio delle schede della campagna Referendaria per l’Acqua Pubblica ha sancito la vittoria dei cittadini nei confronti dell’ignavia dei partiti politici. 208.000 cittadini si sono recati alle urne per ribadire con forza la loro contrarietà ad una gestione privata del servizio idrico privato. Il partito dell’acqua può contare su un serbatoio di voti significativo e la volontà espressa attraverso un referendum valido non può essere disatteso dagli amministratori provinciali».

E' quanto ribadisce Mariano Mazzacani, portavoce del Comitato Referendario Acqua Pubblica.

«Gli sconfitti veri non sono i cittadini, che non sono stati informati del voto, almeno il 30% degli aventi diritto, ma piuttosto i principali partiti politici che hanno tenuto lontano, dal dibattito politico, la questione del servizio idrico, un servizio fondamentale per la vita umana e che, in quanto bene comune essenziale ed insostituibile, non può essere gestito secondo principi di utilità.

I partiti politici hanno perso una grande occasione per un confronto democratico che manca da tempo, non solo nella nostra provincia, ma nell’Italia intera.
Un arroccamento nei luoghi di potere che allontana sempre più i cittadini dalla politica e trasforma il dibattito politico in una gestione autoreferenziale del potere e che trasforma la gestione della res-publica in una difesa di ruoli che garantiscono poltrone e prebende.

Si è sprecato una grande occasione poiché non vi è stato nessun importante momento di confronto, anche da punti di vista diversi, organizzato dai partiti mainstream. Si è preferito un lavorio di sottobanco con qualche dichiarazione pubblica che è servita per lo più a salvare la faccia per garantire rendite di posizione.

Dobbiamo invece rimarcare l’assoluto successo della partecipazione popolare non solo organizzata attraverso il Comitato od i sotto comitati ma anche auto-organizzata da parte di liberi cittadini che in ogni modo si sono mossi, solo dalla voglia di partecipare, per questa battaglia di civiltà.

Ricordiamo che la nostra campagna è stata del tutto auto-finanziata ed è costata poche migliaia di euro, ed al confronto con la campagna referendaria di Roma sul trasporto pubblico, che ha avuto una visibilità anche sui media nazionali ed ha raccolto solo il 16,38% dei voti non possiamo che affermare che è stato un successo, un grande successo di partecipazione popolare.

Perciò 208.000 grazie ai cittadini bresciani e da domani ripartiamo per un ingaggio degli amministratori provinciali che ci porterà ad un lavoro di trincea su tutte le decisioni che saranno prese sulla gestione del servizio idrico, per prima quell’assemblea dei sindaci che dovrà ratificare il risultato referendario.

Si scrive Acqua si legge Democrazia!»
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID78536 - 20/11/2018 18:03:49 (MORETTI.1975) Dittatura della mini-minoranza bresciana
la democrazia funziona ?, talvolta, così: 208.000 persone, vogliono decidere in nome e per conto dei 970.000 elettori bresciani. Una volta si diceva che la democrazia è la forza della maggioranza adesso, invece è diventata la dittatura di un agguerrita mini-minoranza. E questo perché si vuol far credere che chi non va a votare (come ho fatto io) vale meno di chi va a dire un sì, oppure un no. Per come la vedo io, un referendum che non richiama al voto almeno la maggioranza dei cittadini, è semplicemente fallito. Il resto è sempre e solo propaganda nella quale ci si è messa - incredibilmente - in prima fila, anche la chiesa bresciana i cui parroci-relatori sono divenuti capi-popolo esperti di servizio idrico integrato ,si dice così, vero? Poi, magari sulla famiglia e sulla vita ti spiegano che è meglio che si impegnino i laici....robe da matti!


ID78537 - 20/11/2018 19:11:25 (PETER72) Vediamo ...
... il bicchiere mezzo pieno... per ora l'acqua resterà in gestione pubblica... fino alla prossima puntata


ID78538 - 20/11/2018 19:14:56 (gino)
Concordo quasi pienamente con il Sig. Moretti. Mi sembra un ipocrisia considerare un successo un risultato del genere. In valsabbia ci sono comuni che hanno avuto una percentuale di votanti molto al di sotto della media provinciale. In altri comuni,non molti, l'esatto contrario, 40-50% degli aventi diritto, perché? È palese il perché, non vogliono il gestore unico ne pubblico ne misto, il servizio è gestito ancora dall'omino del comune o da consorzi. Mi spiace ma io sono per il sistema misto e ben controllato dai nostri sindaci... Di pubblici disservizi ne ho abbastanza tra strade e sanità.


ID78545 - 21/11/2018 07:38:04 (Valle)
Io non ho votato ma voglio che si faccia come voglio io. Ma che discorso e'? Non hai votato e quindi hai scelto che fossero gli altri a decidere. Se adesso la decisione degli altri non ti sta bene dovevi pensarci prima.


ID78546 - 21/11/2018 08:01:57 (MORETTI.1975) Caro Valle
non ho affatto detto che si deve decidere secondo la linea di chi non vota - sarebbe impossibile. Penso però che un referendum non possa essere valido indipendentemnte dal numero di persone che votano e quanti anno votato mi sembrano veramente pochi. Ma questo, per me vale per l'acqua come per ogni altro argomento sul quale si indice un referendum e proprio per evitare il governo delle mini-minoranze. Ma è solo una opinione sul senso della democrazia . Sul tema dell'acqua preferisco che ha decidere siano i sindaci (che abbiamo eletto con grande partecipazione) piuttosto che i preti.


ID78547 - 21/11/2018 08:08:29 (MORETTI.1975) Scusate gli erroracci grammaticali!!!
I bambini fremono e le mamme corrono troppo....anche sulla tastiera!!


ID78548 - 21/11/2018 08:11:22 (roberto74) Moretti....
per prima cosa quando tu dici "un referendum non possa essere valido…" forse non ricordi che era consultativo, quindi non decide proprio niente. E' un termometro che voleva tastare il polso dei cittadini e di cui si può (o meno) tenere conto nelle stanze dei bottoni. Al momento l'acqua è gestita così, non c'è altra scelta terza. Ti è stato chiesto se volevi che la società di gestione rimanesse sempre pubblica o se potessero entrare capitali privati fino al 49%. Hai deciso di non esprimerti in merito (avrai una opinione o sbaglio?), non ti lamentare se altri decidono per te. Un referendum che non richiama al voto la maggioranza degli elettori non sempre è fallito, può anche dimostrare che il cittadino su certe cose non vuole esprimersi. Ma poi non si deve lamentare. Punto.


ID78553 - 21/11/2018 09:32:13 (gvx) gvx
Moretti Moretti ai ai ai Moretti. sei quello della Birra ?hai la memoria corta referendum Nazionale sull'acqua pubblica 2011 affluenza 57%a favore 95% ...anche questi sono 4 gatti della minoranza ..? cerca di essere serio per favore ..questo referendum locale era solo a scopo di indagine ..alla gente non ne poteva fregare di meno ..visto che anche con uno valido del 2011 ..hanno fatto finta di nulla per andare avanti con il loro affari sottobanco da leggi imposte ..sono stato assessore e conosco bene tutta la trafila di questo scippo ai danni dei cittadino



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
23/07/2018 09:52:00
Nasce in Valle Sabbia il Comitato Referendario Acqua Pubblica In vista del referendum consultivo provinciale del 28 ottobre si è costituito un comitato per difendere “l’oro blu”

01/09/2018 08:00:00
Acqua pubblica, il 18 novembre si va alle urne In gioco c’è la gestione del servizio idrico integrato fino al 2045. Il Comitato referendario: “Un traguardo nel nome della democrazia” 

01/10/2018 10:00:00
Quattro appuntamenti sull'acqua pubblica Giovedì sera a Gavardo la prima di quattro serate in Valle Sabbia in vista del prossimo referendum consultivo provinciale sull’acqua pubblica, promosse dal Comitato Referendario Acqua Pubblica Valle Sabbia

01/10/2017 08:51:00
Obiettivo: referendum provinciale «Escludere il profitto dalla gestione dell’acqua» con un referendum provinciale. E’ l’obiettivo per cui si sta muovendo il Comitato Referendario Acqua Pubblica. Con ottime prospettive di poter votare la prossima primavera


06/12/2017 10:28:00
Un passo avanti verso il referendum La Commissione di garanzia, che si è riunita in data 1 dicembre, ha dichiarato ammissibile la richiesta di referendum consultivo provinciale presentata dal Comitato Referendario per l’Acqua Pubblica di Brescia



Altre da Provincia
25/06/2019

Federfarma, ecco l'app che trova la farmacia più vicina

Si chiama “Farmacia aperta” ed è un’innovativa applicazione gratuita che consente all’utente di conoscere in tempo reale il presidio medico aperto più vicino alla propria posizione 

25/06/2019

Le Prealpi bresciane si presentano alla città

Ad Ambiente Parco, per la prima volta, le Valli Resilienti si mostrano alla città di Brescia attraverso laboratori, spettacoli, esperienze sensoriali e degustazioni 

24/06/2019

Un piano per contenere i cinghiali

La Regione ha varato le misure per contenere il numero degli animali che popolano in particolare le aree prealpine con nuove regole per prevenire abusi e improvvisazioni (1)

24/06/2019

Esprimi un desiderio

Questa sera nella Corte del Municipio di Nuvolento, nell'ambito di Acque e Terre Festival, l'esibizione del Carrozzone degli Artisti

22/06/2019

Calendari personalizzati: quali tipologie scegliere e serigrafare?

Versatili, multitasking e personalizzabili: ecco le principali caratteristiche dei calendari che ci accompagnano ogni giorno nella vita quotidiana e in quella professionale

21/06/2019

Lo Spaccadischi... sotto l'ombrellone

Ecco una selezione degli appuntamenti in programma per il fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda e in provincia a cura del nostro Spaccadischi in versione estiva

19/06/2019

Viaggi di Acqua, al via con un rural-blues tutto bresciano

La quindicesima edizione di Acque e Terre Festival prende il via venerdì 21 giugno a Calcinato con l'esibizione live dell'ultimo album di Charli Cinelli: "Nüd e Crüd"

18/06/2019

Cinghiali abbattuti, otto a giudizio

Devono rispondere a vario titolo di inquinamento ambientale, peculato, uccisione ingiustificata di animali e macellazione abusiva. Fra loro anche l’ex presidente della Provincia Mottinelli e l’ex comandante della Provinciale Caromani (4)

14/06/2019

Lo Spaccadischi... sotto l'ombrellone

Ecco una selezione degli appuntamenti in programma per il fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda e in provincia a cura del nostro Spaccadischi in versione estiva

14/06/2019

Terremoto cittadino

A noi non è arrivata nessuna segnalazione, ma questa notte all’1:30, con epicentro a Brescia, è stato registrato un terremoto di magnitudo 2.5


Eventi

<<Giugno 2019>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia