29 Ottobre 2018, 10.31
Dossier

Migranti di oggi e di ieri (1)

di Ernesto Cadenelli

Emigrare non è una pacchia, nè oggi nè ieri. Il racconto nazional-populista sulla migrazione, oggi tanto in voga, ha completamente rimosso dalla memoria le migliaia di italiani morti nelle traversate oceaniche...


...le tragedie come quelle della miniera di Marcinelle, le sopraffazioni e le violenze subite da chi dall’Italia andò in cerca di fortuna lontano.

Quando gli immigrati eravamo noi, espatriavamo illegalmente, eravamo accusati di rubare il lavoro ed eravamo delinquenti e mafiosi.
Non si può dimenticare.
Tornerò in seguito su alcune testimonianze di vita vissuta dai nostri emigranti.

Vorrei con questo scritto ricostruire i dati dell’esodo italiano nel mondo.

Sottolineo solo il disgusto per le parole di Di Maio che recentemente ha sostenuto che non bisognava emigrare e che è inutile commemorare tragedie come Marcinelle. Da un ministro figlio del Sud non me lo sarei aspettato.

Tornando all’esodo, esso comincia subito dopo l’Unità d’Italia.

Già nel 1861, dal censimento emerge che oltre un milione di italiani è espatriato (allora i cittadini erano poco più di ventidue milioni).
Col passare degli anni fino al 1980, diventeranno più di 24 milioni. I rientrati sono stati alcuni milioni, per cui il saldo dell’emigrazione conta circa 18 milioni non più tornati in Italia.

Nel 1861 su un milione che migrarono, 47.000 sbarcarono a Ellis Island porto di New York (per lo più toscani, campani, siciliani e friulani). Gli altri in Europa.

Ogni Regione fornì braccia: tra il 1861 e il 1900 espatriarono 940.000 veneti, 709.000 piemontesi, 519.000 lombardi, 847.000 friulani, 117.000 liguri, 220.000 emiliani e romagnoli, 70.000 marchigiani, 136.000 molisani, 109.000 abruzzesi, 15.000 laziali.
Dalle regioni meridionali partirono in 520.000 campani, 50.000 pugliesi, 191.000 lucani, 275.000 calabresi, 266.000 siciliani, 8.000 dalla Sardegna.

Per le destinazioni in totale negli anni si contano circa 4 milioni verso la Francia, quasi 4 milioni verso la Svizzera, oltre 2 milioni verso la Germania, oltre 500.000 verso il Belgio, oltre 1 milione verso l’Austria; 5 milioni verso gli USA, quasi 3 milioni verso l’Argentina, 1,5 milioni verso il Brasile, circa 650.000 verso il Canada, quasi 500.000 verso l’Australia, 300.000 verso il Venezuela, quasi 300.000 verso Gran Bretagna.

Pensando al periodo storico e all’assenza di mezzi di comunicazione, possiamo immaginare le sofferenze patite da chi è partito e dai familiari rimasti.
Situazioni drammatiche che hanno toccato anche le comunità della Valle Sabbia e della Valle del Chiese.
Probabilmente oggi si è disperso un patrimonio collettivo di testimonianze e di memoria che alcuni custodiscono nei loro ricordi familiari e nei legami parentali che nel tempo si sono potuti ricostruire tra gli eredi dei partiti e gli eredi dei rimasti.

Io ricordo di un signore che chiamavamo l’Americano
che ogni tanto tornava e raccontava a noi bimbi le grandezze esagerate dell’America, frutto del lavoro, della fatica e sfruttamento degli italiani.
Credo però che, se si fa mente locale, ognuno nella propria comunità, sia possibile riportare alla memoria di tutti circostanze, fatti, nomi di persone che in questo processo sono stati coinvolti e loro malgrado protagonisti.

In molti paesi del Sud sono stati inaugurati monumenti ai migranti, ma anche al nord.
Il bel viale di Pinzolo è lastricato di nomi di città di tutto il mondo dove il “mòleta” è arrivato e si è fermato. Quella comunità, che ha organizzato i suoi migranti, affigge manifesti funebri di morti negli Usa o in Australia.
Anche in Valle Sabbia “la famèa bagossa” è testimonianza del legame tra la terra natia e il migrante.

Ci sono luoghi che la migrazione ha spopolato, la Valvestino, ma in generale i paesini di montagna.
Paesi del fondovalle dove la chiusura dei grandi stabilimenti tessili, si pensi Roè, ha provocato l’esodo di tante persone.
Recentemente ho incontrato due signore migrate in Svizzera sul finir degli anni ’50 e poi tornate, che mi hanno raccontato dei patimenti e dei maltrattamenti subiti.

Ed eravamo già nel secondo dopoguerra.
Proviamo a immaginare il clima verso gli stranieri negli Usa durante la grande crisi del ‘29.
Ma questo sarà oggetto di un prossimo articolo.

Non dimenticare il passato per poter costruire il futuro!

Ernesto Cadenelli

(continua)



Commenti:
ID78086 - 29/10/2018 21:01:00 - (PETER72) - Bene ricordare...

ma certe ricostruzioni storiche andrebbero per magari completate... Ci si dimentica infatti facilmente che gli emigranti italiani che lavoravano duramente all'estero vivevano tra rinunce e sacrifici ammucchiati spesso in baracche fatiscenti mentre i pochi che erano soliti delinquere venivano dai paesi ospitanti presi prontamente a manganellate o nei casi pi gravi spediti facilmente alla forca sulla sedia elettrica, vedi la storia di Sacco e Vanzetti. Oggi invece grazie anche agli (omissis)

ID78087 - 29/10/2018 21:39:37 - (ubaldo) - Peccato PETER72

Peccato aver dovuto censurare parte del suo commento per la presenza di un insulto che avrebbe certamente potuto evitare. Peccato, perchè per il resto le sue argomentazioni erano certaamente interessanti.

ID78088 - 29/10/2018 21:48:19 - (PETER72) - x ubaldo

la dimostrazione che sei un po' (tanto) di parte… se non lo fosti stato avresti forse censurato solo l'insulto (e magari anche il disgusto espresso nell'articolo dal signor Cadenelli verso Di Maio)

ID78089 - 29/10/2018 22:03:06 - (PETER72) - ... proviamo a riscrivere il concetto...

… Oggi invece, grazie anche a chi ci ha governato fino all'altro ieri, gran parte degli emigranti se ne stanno per anni comodamente con il loro smartphone in panciolle in comodi alberghi al costo nostro di 35euro e più al giorno, mentre chi invece delinque quella volta che viene "per sbaglio" beccato spesso viene rilasciato il giorno seguente

ID78090 - 29/10/2018 22:14:26 - (ubaldo) - No PETER72

E' la dimostrazione che lei non ha idea della differenza che c'è fra l'esprimere una propria emozione (il disgusto) e l'insultare. Vede che ce l'ha fatta a farsi capire senza insultare nessuno? Grazie.

ID78091 - 29/10/2018 23:12:12 - (PETER72) - Friedrich Dürrenmatt diceva..

"Il mondo è una polveriera dove non è vietato fumare", forse "purtroppo" aggiungerei io

ID78097 - 30/10/2018 18:17:24 - (Tc) - ...

pero' non dimentichiamo che i 35 eur giornalieri in Italia non c'e' nessun extracomunitario che se li piglia,non dimentichiamo che sulle spalle di questa gente,ci si lucra alla grande,Onlus comprese,non dimentichiamo che in baracche fatiscenti e pagati 1 euro l'ora,ci vivono loro,per raccogliere arance e pomodori,non dimentichiamo che purtroppo tra loro ci sono anche delinquenti,ma lo erano gia' prima di arrivare su suolo italiano,non dimentichiamo che vengono da altre colture,tradizioni e non e' semplice nemmeno per loro ambientarsi,da naturalmente fastidio,quando in un paese ospitante,cercano di imporre le loro usanze,pero' non dimentichiamo che tra di loro c'e' anche delle brava gente,che qui ha voglia di fare e rimanere,anche perche' gli italioti,certi lavori non li voglio piu' fare,non dimentichiamo che il 60% delle delinque deriva da gentaglia comunitaria e non serve si dica chi,li ospitiamo,ma ci vorrebbero condizioni diverse e seri,sopratutto ai controlli alla frontiera...

Aggiungi commento:
Vedi anche
07/04/2016 11:19

L'emigrazione verso l'America Questo venerdì a Storo la prima di tre serate dedicate alla storia dell’emigrazione verso l’America, organizzate da Servizio Emigrazione, Trentini nel Mondo, Società Americana e Gruppo Piano Giovani

05/07/2019 10:04

A Storo la Festa Provinciale dell'Emigrazione Nel fine settimana il paese valligiano accoglierà i tanti trentini residenti all'estero in una grande rimpatriata organizzata dalla Società Americana in collaborazione con l'Amministrazione comunale 

29/08/2015 08:00

Balcani, via dei migranti per l'europa Nel nuovo secolo, come nel vecchio, la storia sembra passare dalla penisola balcanica

18/01/2017 09:55

I tre italiani che hanno stregato l’America Ci sono tre italiani fra i 102 destinatari della più alta onoreficenza del governo federale degli Stati Uniti d'America per i giovani ricercatori all'inizio della loro carriera

02/04/2020 11:36

L'emergenza, l'Italia e l'Europa Una riflessione sull’Italia e sugli italiani, sul loro modus operandi in questo periodo di emergenza sanitaria e sui possibili scenari futuri in rapporto all’Europa



Altre da Politica e Territorio
14/08/2020

«Al passo del Chiese», tappa al lago d'Idro

Sono giunti ieri sera stanchi ma soddisfatti i partecipanti al “Cammino al passo del Chiese”. Tante le persone incontrate lungo il tragitto

14/08/2020

Una nuova Casa delle associazioni

È il nuovo edificio pubblico che sarà costruito a Vallio Terme grazie ai fondi regionali, a una donazione e con uno stanziamento del bilancio comunale. In programma anche altri interventi

13/08/2020

A Serle viabilità ed edilizia pubblica

200mila euro in tre anni, tanto è stato assegnato dalla Regione Lombardia al Comune di Serle nell’ambito di quello che è stato definito, con poca attinenza nelle proporzioni, “Piano Marshall”

13/08/2020

Il Fontanone di Paitone, un monumento naturale da recuperare e tutelare

L’area della sorgente pedemontana sarà recuperata e l’amministrazione comunale intende sfruttarla anche come fonte idrica

13/08/2020

«Al passo del Chiese» arriva in Valsabbia

Nella terza tappa del cammino lungo il Chiese, ieri Mirko Savi e i suoi accompagnatori sono passati da Gavardo per giungere a Roè Volciano da dove oggi ripartiranno per Idro

12/08/2020

Trekking sull'Alta Via dei Forti

È il percorso che permette di scoprire le tracce della Grande Guerra intorno al lago d’Idro: un’idea per alcune escursioni non lontane da casa anche per queste giornate estive

12/08/2020

Guardia Costiera, massima vigilanza per Ferragosto

Controlli ancora più serrati, in vista del ponte più atteso dell'estate, sul lago di Garda. La Guardia Costiera di Salò punta a garantire la sicurezza di diportisti e bagnanti

12/08/2020

Presentate le liste per le elezioni comunali

Poche sorprese per le candidature in viste delle elezioni nei Comuni della Valle del Chiese concomitanti con il referendum del 20 e 21 settembre. Nessuna lista presentata a Bondone che si va verso il commissariamento

11/08/2020

Nuova sede per i Servizi Sociali

Gli uffici dei Servizi alla Persona di Gavardo sono stati trasferiti al piano terra di via Quarena 63, nei locali lasciati liberi dall’Asl

11/08/2020

Scuole dell'infanzia, riapertura il 7 settembre

Nonostante il Miur abbia citato il 14 settembre come data indicativa, ogni Regione farà da sé. In Lombardia le scuole dell'infanzia riapriranno con una settimana di anticipo, agevolando così le famiglie