dossier1 L'armadio della vergogna
06 Dicembre 2017, 14.57
Storia

L'armadio della vergogna

di Guido Assoni

E’ indubbia la responsabilità collettiva di molti italiani per quanto concerne la identificazione degli ebrei su base razziale come entità da discriminare e perseguitare, da stanare casa per casa, da deportare nei campi di sterminio e da consegnare ai tedeschi per la soluzione finale del problema ebraico


Gli ebrei vennero arrestati e deportati non per quello che avevano fatto o avrebbero potuto fare, ma per quel che erano.
Diverse le modalità di coinvolgimento e le forme di partecipazione al progetto di annientamento del popolo ebraico:

◄ Da coloro che compirono materialmente gli arresti: polizia, carabinieri, finanzieri, membri della milizia e della Guardia Nazionale Repubblicana e volontari fascisti;

◄ A coloro che compilarono la lista delle vittime: i podestà, segretari ed impiegati comunali e statali dell’anagrafe razzista, funzionari di polizia, prefetti, questori e capi gabinetto;

◄ Ai delatori che segnalarono, denunziarono, consegnarono e tradirono i propri vicini, i colleghi e persino i propri amici per procacciarsi vantaggi immediati ovvero laute ricompense economiche a prezzi fissi magari differenziati in caso di segnalazione di bambini, oppure per subentri in incarichi rilevanti o avanzamenti di carriera o semplicemente per invidia e ignobiltà.

Non dimentichiamo i giornalisti, pubblicisti e fanatici ideologi del fascismo che fecero da battistrada alle leggi razziali:

•  Telesio Interlandi, direttore dell’indifendibile “La difesa della razza”, fondatore del quotidiano “Il Tevere” e del settimanale “Il Quadrivio” e autore del libello “Contra judaeos”;

•  Giovanni Preziosi, ex sacerdote e agitatore, fondatore della rivista di stampo antisemita “La vita italiana”, presidente dell’ispettorato per la razza e che curò la diffusione de “I protocolli dei savi di Sion”, in edizione ampliata da una ottusa prefazione di Julius Evola e da una nutrita appendice di propri scritti a sfondo razzista;

•  Roberto Farinacci, fondatore del quotidiano “Il regime fascista” in cui auspicava la “soluzione radicale” antiebraica;

•  Paolo Orano, sindacalista rivoluzionario definito “la memoria storica dell’antisemitismo italiano” autore del pamphlet “Gli ebrei in Italia”;

Per non parlare di coloro che sequestrarono e confiscarono i beni agli ebrei, descrivendone i patrimoni requisiti nei minimi dettagli, conservandoli o trasferendoli ad altri uffici o autorità e non di rado accaparrandoseli per uso personale o per destinarli alla vendita traendone profitto.

Nella catena delle responsabilità vanno annoverati anche coloro che stettero supinamente a guardare o che rivolsero lo sguardo altrove mentre imperversava la bufera razziale.

Certamente gli italiani coinvolti nel genocidio non spararono sui bambini ebrei e tantomeno non azionarono le leve per l’introduzione del gas nelle camere della morte, ma hanno “contribuito a creare le condizioni spirituali perché si uccidesse e si deportasse, perché si consumasse il più orrendo dei crimini, quello che ci fossero razze e non uomini”.

Numerosi fascicoli processuali relativi a crimini di guerra perpetrati sul territorio italiano durante l’occupazione nazifascista per “motivi di opportunità politica, in un certo senso una superiore ragion di stato” vennero occultati per decenni in un armadio girato appositamente con le ante verso il muro in un locale di palazzo Cesi-Gaddi di Roma.

L’armadio della vergogna.

Vergogna per il contenuto, vergogna per l’occultamento, vergogna per l’insabbiamento dei nomi dei responsabili.

Solo nel 1994, l’armadio venne rigirato nella posizione naturale e vennero alla luce episodi raccapriccianti avvenuti nei campi di concentramento per ebrei di Fossoli e Bolzano, oltre alle stragi naziste come gli eccidi di Sant’Anna di Stazzema, delle Fosse Ardeatine, di Marzabotto, dell’alto Reno e molti altri ancora.

Due grandi storici, uno ebreo e l’altro italiano,
rispettivamente Meir Michaelis e Renzo De Felice hanno sempre sostenuto che l’antisemitismo fascista fu determinato dalla volontà di facilitare l’avvicinamento tra la Germania nazista e l’Italia fascista.

Una tesi che non regge all’evidenza dei fatti nonostante siano stati pochi i fascisti, artefici del genocidio degli ebrei, ad essere condannati per tali efferati crimini.

La stessa cosa non si può dire per i gerarchi nazisti alla sbarra al processo di Norimberga.

Guido Assoni

Biografia
Simon Levis Sullam:  “I carnefici italiani. Scene dal genocidio degli ebrei, 1943-1945”;
Mimmo Franzinelli: “Le stragi nascoste: l’armadio della vergogna, impunità e rimozione dei crimini di guerra nazifascisti. 1943-2001”;
Marino Ruzzenenti: “Shoah. Le colpe degli italiani”;
Marino Ruzzenenti: “La capitale della RSI e la Shoa. La persecuzione degli Ebrei nel Bresciano (1938-1945);
Vincenzo Vitale: “In questa notte del tempo”;
Francesco Germinario: “Latinità, antimeridionalismo e antisemitismo negli scritti giovanili di Paolo Orano (1895-1911);
Relazione conclusiva del Consiglio della magistratura militare, plenum del 23 marzo 1999.



Commenti:
ID74344 - 06/12/2017 20:54:53 - (Giacomino) - Grazie all'autore della lettera

per avere ricordato ancora una volta quei fatti. Mi riesce ancora impossibile capire come tutto sia potuto accadere in Italia, con un monarca che promulgò quelle leggi razziali, ma sopratutto non riesco ad accettare il fatto che furono tanti gli italiani che collaborarono più o meno zelantemente per rendere possibile quella infamante vergogna. Ma la storia non è maestra di vita, me lo dicono i tanti commenti che seguono degli articoli di giornali in rete.

ID74347 - 06/12/2017 23:20:10 - (Iva) - COMPLIMENTI GUIDO

Hai confezionato un ottimo articolo e ti faccio i miei più sentiti complimenti. Mi hai fatto ricordare mio padre che ha lottato per la libertà e che a 17 anni ha combattuto sui monti e salvato anche persone e che prima di morire era ossessionato ancora da incubi e dalle visioni dei tedeschi che arrivavano e bisogna scappare e trovare rifugio. Iva Benetelli

ID74352 - 07/12/2017 11:29:22 - (sorech) -

Grazie!!!E complimenti anche da parte mia per la concisione,essenzialità e corettezza. Spero che leggano i giovani, gli abulici e quelli che hanno dimenticato, o preferiscono farlo.

ID74354 - 07/12/2017 16:43:48 - (bernardofreddi) -

Preciso, documentato ed obbiettivo.

ID74358 - 07/12/2017 20:38:41 - (genpep) -

bravo Guido, sempre ben documentato

Aggiungi commento:
Vedi anche
27/01/2017 11:24:00

«Meditate che questo è stato» Numerose anche in Valle Sabbia le iniziative dedicate alla Giornata della Memoria, per ricordare il genocidio degli ebrei e di tante altre persone, una delle pagine più atroci del Novecento

16/12/2008 00:00:00

Anpi: «tornano le leggi razziali» A 70 anni dalla loro promulgazione tornano le leggi razziali. Dura l'affermazione affidata ad un comunicato stampa, da parte della sezione Anpi di Vobarno che se la prende con una mozione approvata dalla maggioranza di Governo.

02/02/2018 09:10:00

Dalle leggi razziali allo sterminio La vicenda dei fratelli Arturo e Umberto Soliani da Gardone Riviera a Auschwitz sarà presentata questo sabato pomeriggio alla biblioteca di Muscoline

11/04/2016 07:05:00

Mario e Ferruccio Sorlini I più fascisti dei fascisti, i più accaniti persecutori degli oppositori del regime. Giallo sulla morte di Ferruccio

27/01/2020 10:31:00

Il Giorno della Memoria Tante le iniziative anche in Valle Sabbia per questa giornata dedicata al ricordo della Shoah, contro l’antisemitismo e la xenofobia



Altre da Terza Pagina
13/07/2020

«San Rocco in Musica» in San Giorgio, buona la prima

È andata bene a Bagolino la prima serata della rassegna musicale "San Rocco in Musica", svoltasi in una sede più spaziosa per le note esigenze di distanziamento sociale

12/07/2020

«Gli infiniti mondi», una nuova stagione al Teatro Sociale

E' stata presentata ieri – venerdì -al Teatro Sociale la stagione 2020/2021 del CTB di Brescia, che vedrà protagonisti di una proposta di alto livello culturale i maggiori nomi del teatro nazionale

10/07/2020

Roè Volciano è la «Città che Legge»

Il prestigioso riconoscimento è stato attribuito al Comune valsabbino per l'impegno della sua Biblioteca nelle attività di promozione alla lettura

09/07/2020

Tornano le rassegne estive alla Biblioteca di Salò

Quattro conferenze sul cinema, tre “Sere d'estate” e quattro lunedì di cinema all'aperto e letteratura, il tutto all'aperto e su prenotazione. Si parte questa sera – 9 luglio – con il primo appuntamento di “Incontriamoci al cinema” a cura di Camilla Lavazza

08/07/2020

«San Rocco in musica» ora in San Giorgio

La rassegna musicale organizzata dalla Pro Loco di Bagolino con “Habitar in sta terra” e la Parrocchia riprenderà questo sabato, 11 luglio, in una sede più spaziosa per rispettare le norme di sicurezza anti Covid-19

08/07/2020

L'arte in Valle Sabbia: valutazioni critiche e nuove prospettive

Quarta e ultima puntata della serie dedicata all’arte e cultura nel bresciano a cura di Giovanni Baronchelli stavolta dedicata all’ambito artistico valsabbino moderno e contemporaneo
• VIDEO

07/07/2020

Ennio Morricone, quando la musica ti rende immortale

Non è morto Ennio Morricone, perché la sua musica l'ha reso immortale e questo capita solo a pochi grandi artisti in un secolo

03/07/2020

Marmo rosso per l'anfiteatro

Saranno inaugurati questo sabato i lavori di completamento della coperura in marmo rosso di Verona dell'anfiteatro del Vittoriale di Gardone Riviera, secondo il desiderio di d’Annunzio e il progetto originale degli anni Trenta