Skin ADV
Mercoledì 01 Aprile 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








30.03.2020 Vobarno Garda Valtenesi

30.03.2020 Agnosine

30.03.2020 Valsabbia

31.03.2020 Valsabbia

30.03.2020 Vestone

30.03.2020 Vestone Valsabbia

31.03.2020 Agnosine

31.03.2020 Agnosine Lavenone Valsabbia

31.03.2020 Valsabbia

01.04.2020 Gavardo Valsabbia Garda



02 Novembre 2017, 11.00
Casto
Blog - Ecomuseo di Valle Sabbia

Il Sant'Antonio Abate del Moretto

di Emanuele Busi
Ho inaugurato questo blog parlando del meraviglioso dipinto morettiano di Paitone. L’articolo di oggi tratta di un’altra importantissima opera dell’artista bresciano, il Sant’Antonio Abate ubicato ad Auro

Casto è un Comune che fa del paesaggio circostante il suo punto di forza: immerso nella natura, è una delle mete predilette per gli amanti della natura e del trekking. In questo paesino è conservata forse l’opera più preziosa del panorama artistico valsabbino: la tela raffigurante Sant’Antonio Abate, opera del Moretto.
 
Quest’opera fu commissionata dopo che, il primo agosto 1527, secondo la tradizione, la Madonna, presso i monti di Auro, frazione di Casto, apparve al pastore Bartolomeo Silvestri, storpio ad un braccio e ad una gamba, guarendolo. Quattro anni dopo si ottenne la licenza, da parte del Vescovo di Brescia, di costruire un santuario sul terreno donato dal miracolato, dedicato a ‘Santa Maria della Neve’. 
 
La profonda devozione che legava gli abitanti a questo luogo fece sì che tra i fedeli più benestanti sorgesse una sorta di “gara” per commissionare opere sempre più importanti. 
 
Per quanto riguarda il Sant’Antonio Abate, il committente dev’essere probabilmente stato Donato Savallo, originario di questi luoghi, arciprete del Duomo di Brescia a partire dal 1524.
 
Il tema iconografico di questa tela era molto sentito dagli abitanti del Savallese, in quanto questo Santo taumaturgo era invocato contro le malattie che potevano colpire uomini e animali da fattoria (cosa assai nefasta per la società agreste valsabbina dell’epoca), come sta a dimostrare il porcello in basso a sinistra del quadro; inoltre era considerato il protettore contro le presenze malefiche che si credeva infestassero i monti circostanti.
 
La tela è databile tra il 1530 e il 1535. In essa la scena è dominata dal Santo - seduto su di un trono e vestito di ricchi paramenti - che, con sguardo severo, tiene in una mano il bastone pastorale, nell’altra, fiamme vibranti simbolo della malattia della quale è guaritore, l’herpes zoster, detto volgarmente “fuoco di sant’Antonio” appunto.
 
In questo dipinto, come osservato per la prima volta da Roberto Longhi, Moretto non utilizza la vecchia prospettiva tipicamente quattrocentesca ma si serve di nuovi effetti di illusionismo intenso, tipicamente lombardo, ottenuto tramite un’illuminazione più radente e grazie a forme che fuoriescono dal tracciato del quadro (come dimostra il porcellino nero sul primo scalino a sinistra).

Il realismo aggressivo e la violenza gestuale dominano dappertutto; ciò può essere la risposta ai dettami di una committenza legata al mondo rurale.
 
 
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
27/02/2007 00:00:00
Sant'Antonio Abate chiede aiuto A Casto la parrocchiale «ferita» dagli oltraggi del tempo e in parte anche dal terremoto è ormai quasi guarita. Ma dei 111.153 euro (più Iva) necessari, per Sant’Antonio Abate servono ancora 39.766 euro.

20/01/2008 00:00:00
Sant'Antonio abate, festa in musica Come di consueto, il Concerto augurale di Sant’Antonio Abate della banda musicale di Casto si terrà oggi, nella palestra delle scuole medie, a partire dalle ore 17.

13/01/2020 10:25:00
Agrone in festa per Sant'Antonio Abate Grande partecipazione come ogni anno alla Messa e alla processione in onore di Sant’Antonio Abate, patrono di Agrone, frazione del comune di Pieve di Bono e Prezzo

19/01/2020 09:00:00
Allevatori riuniti per Sant'Antonio Abate A Condino per la ricorrenza si sono date appuntamento diverse generazioni di allevatori, tutte concordi sul fatto che gli antichi metodi nell'allevamento degli animali rimangono i migliori

19/01/2019 08:00:00
Belprato in festa per Sant'Antonio Abate Sarà festeggiata questa domenica nella frazione di Pertica Alta la ricorrenza del patrono degli animali da allevamento, a cui è dedicata la chiesa parrocchiale



Altre da Casto
20/03/2020

Fondital e Raffmetal, altra settimana di fermo

Le due aziende valsabbine del gruppo Silmar hanno preso la decisione con l'intento di tutelare lavoratori e famiglie


16/03/2020

Don Diego è andato avanti

Cappellano ed ufficale degli alpini, don Diego Gabusi doveva ancora compiere 67 anni. Lascia un grande vuoto in chi, e sono in tanti, gli hanno voluto bene. Si è sentito male al mattino e verso sera è morto


04/03/2020

Cade in bici, vola in elicottero

Un settantenne cade in bici lungo la strada della Selva. Non è grave, ma l’unico modo per soccorrerlo in meno di un’ora è quello di raggiungerlo con l’elicottero

02/03/2020

Visto dal cielo, ecco lo scempio

Per tre giorni, da mercoledì 26 a venerdì 28 febbraio, il fuoco ha imperversato sulle montagne attorno a Bione e Casto, spingendosi nei territori di Lumezzane, Lodrino,, Mura, Pertica Alta e Marmentino. VIDEO


29/02/2020

Fiamme domate... forse

Il condizionale è d'obbligo: ieri sera, infatti, il rogo ha ripreso a distruggere sopra Mura, anche se sembrava possibile da controllare anche in orario notturno


27/02/2020

Coronafumus

Altro che virus. L’aria fra la Conca d’Oro e il Savallese, ma anche verso la vicina Valtrompia, questa mattina è irrespirabile a causa del fumo.
Aggiornamento ore 13


26/02/2020

Mortale a Casto

Non ce l’ha fatta Bruno Dolcetti, 81enne di Casto, finito col suo Apecar contro una smart. E’ morto subito dopo il ricovero in ospedale

26/02/2020

Fiamme a Bione e a Casto

Prosegue senza sosta, da terra e dal cielo, l'impegno sui fronti d'incendio fra Bione, Casto e Lodrino.
Aggiornamento ore 16


10/02/2020

Iscrizioni aperte per la classica del Savallese

Da oggi, 10 febbraio, si aprono le iscrizioni per il Km Verticale e 21 km in montagna, un week end di gare ma anche di spettacolo e divertimento da vivere a Casto

10/02/2020

Fiamme sul crinale

Un incendio boschivo al confine fra la Valtrompia e la Valle Sabbia, alle spalle di Alone, ha ridotto in cenere un ettaro di “paglioni” e ceduo degradato


 
Eventi

<<Aprile 2020>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia