17 Settembre 2017, 10.38
Qui Avis

Che cos'è la Chikungunya

di red.

La Chikungunya (CHIKV) è una malattia di origine virale, causata da un virus che appartiene alla famiglia delle Togaviridae (Arbovirus), del genere degli Alphavirus


Dopo un periodo di incubazione di 3-12 giorni, si possono manifestare sintomi simili a quelli dell’influenza, con febbre alta, brividi, nausea, vomito, cefalea e soprattutto importanti dolori articolari (da cui deriva il nome chikungunya, che in lingua swahili significa “ciò che curva” o “contorce”), a causa dei quali i pazienti tendono a rimanere assolutamente immobili e assumere posizioni che consentano di limitare il dolore.

Il quadro è accompagnato, in alcuni casi, da manifestazioni cutanee maculopapulari pruriginose, che talora possono assumere caratteristiche di tipo emorragico benigno (petecchie, ecchimosi, epistassi, gengivorragie). Il tutto si risolve spontaneamente, in genere in pochi giorni, anche se i dolori articolari possono persistere anche per molti mesi.

Le complicanze più gravi sono rare e possono essere di natura emorragica o neurologica, soprattutto nei bambini. In rarissimi casi la Chikungunya può essere fatale, più che altro in soggetti anziani con sottostanti patologie di base.

Il virus, nella fase di incubazione, è già presente nel sangue pertanto la donazione di sangue diventa in questo caso veicolo della malattia.
Per questo motivo sono sospese le  donazioni nelle aree della Asl 2 di Roma e del Comune di Anzio, oggetto di un focolaio confermato nei giorni scorsi.

Nel resto del comune di Roma la donazione è consentita con una quarantena di 5 giorni.
In tutte le altre aree della Regione, in base all’assunzione di un minor livello di rischio di infezione, al sangue raccolto verrà applicata la ‘quarantena’ di 5 giorni se il donatore ha soggiornato nella Asl Roma 2 o ad Anzio.

A livello nazionale i donatori che hanno soggiornato nei comuni interessati saranno invece sospesi per 28 giorni.
Queste limitazioni, necessarie al fine della tutela di chi ha la necessità di trasfusioni, potrebbero portare ad una vera e propria emergenza sangue.

IL PRESIDENTE DI AVIS NAZIONALE, ALBERTO ARGENTONI fiducioso afferma:


“Le sedi Avis, i nostri volontari e i nostri donatori sono già mobilitati per far fronte al deficit di sangue ed emocomponenti che si sta verificando in alcune zone di Roma e della sua provincia in seguito al provvedimento di sospensione per Chikungunya emanato dal Centro Nazionale Sangue.
Siamo sicuri che anche questa volta, come tante volte in passato, i donatori moltiplicheranno il loro impegno di solidarietà, programmando le proprie donazione e rispondendo alle chiamate delle nostre sedi e dei centri trasfusionali.
Quanto ai provvedimenti delle autorità sanitarie in tema di Chikungunya e di altri virus, è sempre opportuno ricordare che sono attuati per garantire la massima qualità e sicurezza del sangue raccolto e trasfuso a tutti i pazienti riceventi”.



Aggiungi commento:
Vedi anche
12/04/2017 07:32

A Vobarno con l'Avis Le prossime settimane si preannunciano ricche di appuntamenti importanti per il nuovo direttivo della sezione AVIS di Vobarno. 

02/05/2016 11:48

Crescono le Avis della Valle Sabbia  Manca poco ormai al secondo anniversario dell'inaugurazione dell'Unità di Raccolta della Valle Sabbia ed è già tempo di bilanci

15/05/2017 17:23

Il 5x1000 all'Avis, ecco come e perchè Si avvicina il periodo delle dichiarazioni dei redditi, ricordiamo che si può fare molto per le associazioni AVIS. 

28/03/2013 08:00

Nuovo capogruppo a Provaglio Si chiama Angelo Gussago, sar lui il nuovo capogruppo dell'AVIS di Provaglio Valle Sabbia per il prossimo quadriennio

13/01/2016 08:30

Con quale denaro va avanti l'Avis? Rimborsi, ma anche contributi di Enti locali ed elargizioni private. Nessun compenso è previsto per il donatore



Altre da Salute
18/09/2020

Emergenza Covid in Valle Sabbia, le problematiche del territorio

Il punto in un incontro organizzato da Comunità montana con i responsabili delle Rsa e del Terzo settore alla presenza dei consiglieri regionali valsabbini

14/09/2020

Effettuata la seconda fase di prelievi sierologici

A Borgo Chiese e a Pieve di Bono – Prezzo prosegue lo studio sulla popolazione per individuare gli anticorpi anti Covid-19

14/09/2020

A volte ritornano - 3

Nel coso della settimana fra il 7 e il 13 settembre, sono rimasti costanti nel numero i nuovo casi di contagio in Valle Sabbia

10/09/2020

Asst del Garda, arretrati da smaltire

Delle quasi 50mila prestazioni sanitarie non erogate durante il lockdown, l'Asst del Garda ne ha già riprogrammate più di 13mila, ad un ritmo di 3000 visite a settimana. Si prevede di recuperarle tutte entro la fine dell'anno, con poche eccezioni

06/09/2020

A volte ritornano - 2

Frutto di un aumento dei tamponi eseguiti, in gran parte asintomatici, i contagi valsabbini cominciano comunque a preoccupare

01/09/2020

Buone nuove dalla Irene Rubini Falck

Dall'equipe sanitaria: «Tutto ciò che sta avvenendo non sta assolutamente avendo ripercussione alcuna sul fine ultimo del nostro operato, ovvero il benessere dei nostri nonni»

01/09/2020

Yoga - e tanto altro - in Valsabbia

GardaYoga A.S.D. è un’associazione Sportiva Dilettantistica riconosciuta dal CONI con sede a Roè Volciano e distaccamenti a Salò, Villanuova sul Clisi e Gavardo.

31/08/2020

«Una spiacevole situazione che merita opportune soluzioni»

In merito alla bufera che sta investendo la Irene Rubini Falck di Vobarno, dice la sua anche Pierenzo Faberi, che ne è stato presidente per otto anni

29/08/2020

A volte ritornano

La Valle Sabbia fino ad un paio di settimane fa sembrava avviata ad uscire dal tunnel del Covd-19 presente solo in tre dei 25 Comuni che ne fanno parte. Invece no

29/08/2020

«Che succede alla Casa di Riposo di Vobarno?»

E’ la domanda che ormai corre sulla bocca di molti cittadini vobarnesi...