Skin ADV
Venerdì 29 Maggio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








27.05.2020 Sabbio Chiese Barghe

27.05.2020 Vobarno Gavardo Roè Volciano

28.05.2020 Agnosine Odolo

27.05.2020 Bagolino

28.05.2020 Val del Chiese

28.05.2020 Agnosine Odolo

27.05.2020 Vobarno

28.05.2020 Vobarno Gavardo Serle

27.05.2020

27.05.2020 Gavardo



21 Marzo 2016, 15.42
Valsabbia Pertica Alta
I monelli della Corna Blacca

La testimonianza di Carla Leali

di Redazione
«Ho maturato le mie convinzioni antifasciste nell’ambito della Fuci e dell’ambiente dell’oratorio filippino della Pace a Brescia...»

Iniziai la mia attività antifascista distribuendo il giornale clandestino “Il ribelle”.
Quando la mia famiglia si trasferì in Val Sabbia, a Livemmo, con l’aiuto di mia madre, svolsi un’attività di sostegno e di collaborazione con il movimento partigiano valsabbino e con la Brigata Fiamme Verdi Perlasca, fornendo ospitalità in casa, assistenza e informazioni.

Non abbiam fatto la guerra noi; no, abbiam fatto le donne: assistevamo i vivi, onoravamo i morti, cercavamo di lavare i feriti, si curavano gli ammalati, si dava da mangiare e da dormire ai rifugiati e poi ci si trovava e si facevano anche le nostre riunioni più o meno intellettuali.
Quando si sapeva che c’erano i nazi-fascisti si suonavano le campane. E poi noi tutte donne, quand’era possibile, facevamo dei grandi bucati e stendevamo.
E queste lenzuola stese, magari anche se c’era brutto tempo, era l’avviso che c’erano repubblichini o tedeschi. Questo era l’accordo di tutto il paese con i partigiani.

I funerali, anche nelle fasi più cruente dello scontro, quando i paesi e le vallate erano sconvolti dai rastrellamenti e dal pericolo delle rappresaglie sui civili inermi, rappresentano un momento di forte identificazione emotiva e ideale della popolazione con i valori per cui combattevano i ribelli.

Dopo la morte di Emiliano Rinaldini per due giorni si registrò un pellegrinaggio continuo di gente; gli uomini facevano la ronda e controllavano che non arrivassero reparti nazi-fascisti, le ragazze preparano corone e addobbi con pungitopo, bucanevi, elleboro: una serie di manifestazioni che erano omaggio a Emi e dichiarazione di spirito antifascista e che contrastavano con l’immagine dei fascisti che trascinavano il prigioniero per i paesi sputandogli addosso e, dopo averlo fucilato, portavano in giro, come grotteschi e macabri trofei, le sue scarpe apostrofando i paesani e chiedendo loro se avevano visto in giro un bandito scalzo.

Tutti sanno che nella tasca di Emi abbiamo trovato l’imitazione di Cristo insanguinata, ma la cosa che ho trovato io e mi ha fatto piangere, mi ha fatto una pena, erano due nocciole.
Venivano da tutti i paesi, perfino i vecchi, tutti proprio lì a trovare questa salma. Io ho anche fatto scattare le fotografie; avevo anche tagliato uno dei suoi riccioli. Appena finita la guerra sono andata dalla sua mamma e le ho dato tutto.

Un funerale partigiano fortemente legato alle tradizioni della gente di montagna è anche quello che i compagni d’arme avevano organizzato con grande semplicità a “Fabio” Mario Pelizzari nel settembre 1944. Mi ricordo quella pioggerellina lenta, un pretino davanti a noi. Nel cimiterino c’era la fossa già aperta e i partigiani hanno cantato “Stelutis Alpinis”.

Nei paesi si registrava una coralità di aiuto ai partigiani, evidente fin dal 8 settembre, come un fatto di estrema naturalezza. La comunità rurale riusciva a isolare i potenziali pericoli: il fascista, il segretario del fascio o il segretario comunale, poche altre figure di notabili locali che si sono schierate con la RSI, addirittura a valutarne i diversi gradi di pericolosità e a collocare su piani differenti “fascisti”, “fascistelli” e “ragazzotti” che hanno risposto ai bandi di arruolamento della Rsi.

Mentre con i primi era scontro aperto, i “fascistelli” potevano essere resi inoffensivi con “una spaventatina” come capitò al segretario comunale di Livemmo trascinato fuori dal letto una notte da un gruppo di partigiani della “Perlasca” e minacciato di morte.

(Adattamento dal libro Dalle storie alla Storia, a cura di Bruna Franceschini, Grafo, 2007)

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/06/2014 15:01:00
Segnali per la memoria Il 2 giugno, mentre a Roma c'era la parata militare, sotto i monti ventosi della Valle Sabbia veniva installato il nuovo cartello per il sentiero della Resistenza bresciana, intitolato alla Brigata Perlasca delle Fiamme Verdi


12/10/2019 17:14:00
A Barbaine per i Caduti della Brigata «Perlasca» Nel 74° anniversario della Liberazione questa domenica, 13 ottobre, nella frazione di Livemmo si terrà la consueta celebrazione per ricordare i “Ribelli per amore”


06/08/2019 05:48:00
Digitalizzati i documenti della Brigata Perlasca Studenti ed insegnanti al lavoro, nell’ambito delle iniziative del Centro studi Brigata Perlasca, per rendere immortali documenti e testimonianze sulla Resistenza valsabbina

09/10/2015 09:00:00
A Barbaine l'omaggio ai «Ribelli per amore» Domenica presso la chiesa di Sant’Andrea di Barbaine di Livemmo, la commemorazione dei caduti della Brigata “Perlasca” nel settantesimo anniversario della Liberazione

06/03/2015 11:25:00
Ricordo dei partigiani, morti per la Libertà Appuntamento domenica 8 marzo a Cesane di Provaglio Val Sabbia, per ricordare l’eccidio dei 10 giovani partigiani uccisi nel 1945 durante la Resistenza in Valsabbia




Altre da Pertica Alta
18/04/2020

Un grazie dalla Francia

«Buongiorno a tutti, sono un valsabbino residente in Francia ed in questi giorni ho perso mio padre, originario di Livemmo di Pertica Alta...»

06/03/2020

La neve marzolina

Se gennaio e febbraio sono stati particolarmente siccitosi e con temperatura quasi primaverili, questi primi giorni di marzo ci stanno regalando dei giorni prettamente invernali

27/02/2020

Maestra Baldo

Si usava così in anni passati, neanche tanto lontani, quelli delle nostre madri per intenderci, ma ancora in uso oggi, residuo di una consuetudine superata.

26/02/2020

Piccola storia di una Madonna

A Po di Pertica Bassa la Madonnina del cooèl occupa un posto speciale nel cuore del paese e degli abitanti delle Pertiche, ancora molto legati alle tradizioni rurali e alla vita di comunità


26/02/2020

Il coraggio delle scelte, un pensiero per Carla Leali Baldo

Abbiamo chiesto al prof. Alfredo Bonomi un ricordo di chi è stata Carla Leali e perchè sia da annoverare fra i personaggi illustri della nostra Valle


26/02/2020

Addio a Carla Leali Baldo

Era nata a Livemmo nel 1922, ad aprile, da madre perticarola e padre di Nozza. Si è spenta all'età di 97 anni


17/02/2020

I protagonisti del Carnevale di Livemmo

Grande festa e tanta gente ieri nella frazione di Pertica Alta per uno dei carnevali più tipici della Valle Sabbia
• Video

14/02/2020

A Livemmo scendono in piazza le maschere doppie

Questa domenica nella frazione di Pertica Alta rivive uno dei carnevali etnografici più tipici dell'arco alpino che affonda le radici in un mondo ancestrare e rurale


01/02/2020

Emi Rinaldini, maestro e ribelle per amore

Dopo 75 anni, quale traccia resta della Resistenza e delle persone che nel Bresciano vissero, e morirono, per gli ideali della lotta partigiana? Domenica 16 febbraio a Belprato, a 75 anni dalla barbara uccisione, si ricorda la figura di Emiliano Rinaldini


28/01/2020

I Gioielli sotto casa

Da giovedì 30 gennaio su Cremona1 TV quattro puntate dedicate alle bellezze della Valle Sabbia, nell’ambito dei progetti di promozione turistica dell’Agenzia territoriale per il turismo e della Comunità montana

Eventi

<<Maggio 2020>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia