Skin ADV
Giovedì 18 Luglio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Temporale in arrivo

Temporale in arrivo

di Gianfranco Fenoli



16.07.2019 Odolo Valsabbia

16.07.2019 Vestone Provaglio VS

16.07.2019 Bione

16.07.2019 Vestone Villanuova s/C

16.07.2019 Odolo Lavenone

17.07.2019 Vobarno

16.07.2019 Val del Chiese Storo

17.07.2019 Casto

16.07.2019 Agnosine

16.07.2019 Bagolino






07 Marzo 2016, 08.30
Vobarno Valsabbia
Lettere

Igiene urbana, quale?

di Claudio Zanoni
Rifiuti, la Vallesabbia prepara la rivoluzione. Questo il titolo dell’articolo riportato su Brescia Oggi, venerdì 4 marzo 2016. L'opinione del consigliere delegato Claudio Zanoni

Vorrei esprimere alcune considerazioni in qualità di semplice Consigliere con delega all’ambiente, del Comune di Vobarno, che ha accettato l’incarico, non certo in qualità di spettatore, di fare parte della Commissione Tecnica costituitasi per la pianificazione della prossima gestione dei rifiuti che, in effetti, ha in sé una rivoluzione virtuosa del sistema, ma presenta un aspetto alquanto delicato quale la scelta dei metodo di raccolta. La modalità di raccolta sarà infatti assolutamente determinante sul risultato finale dell’obbiettivo che si vorrà raggiungere.  

Il progetto, veramente ambizioso
, è stato realizzato da CMVS in stretta collaborazione con CEM Ambiente S.p.A. e con la partecipazione della Commissione Tecnica della quale faccio parte, come scritto precedentemente, insieme  ad Armando Papotti. CEM Ambiente S.p.A. gestisce i servizi di igiene urbana per i Comuni soci, ne fanno parte la Provincia di Milano, la Provincia di Monza e Brianza e 49 Comuni dell’Est Milanese, tutti comuni che utilizzano il sistema PaP per un bacino di circa 460.000 abitanti

Per l’Amministrazione di Vob
arno, l’argomento principale della sua campagna elettorale è stato proprio una rivoluzionaria gestione dei rifiuti, riportando argomentazioni molto simili a quelle proposte oggi da CMVS, ma che allora nessuno nell’intera Valle Sabbia aveva mai osato presentare. Vobarno inoltre è stato sicuramente il paese che ha dato il primo scossone, mettendo in evidenza tutte le criticità del metodo a calotta.

L’Associazione Facciamo Rivivere Vobarno, della quale sono Presidente, organizzò delle serate informative invitando esperti del settore come Stefano Ambrosini (13 Marzo 2014).
Il suo intervento servì a scuotere tutti, noi dell’associazione e i cittadini presenti mettendo in evidenza tutti gli aspetti critici del cassonetto stradale peggio ancora se equipaggiato con calotta.
Grazie a Stefano abbiamo potuto poi entrare in contatto con Forum Rifiuti Zero di Brescia.
Da Stefano e dal Forum personalmente ho potuto acquisire tantissime informazioni.

Altra serata importante organizzata dall'Associazione FRV fu quella con  Ezio Orzes (14 Novembre 2014). L’invito venne esteso non solo alla cittadinanza ma anche alle amministrazioni dei comuni della Comunità Montana di Valle Sabbia, per poter divulgare il pensiero, l'esempio e il modo di operare di questo paladino del riciclo, che ha saputo trasformare in breve tempo il comune di Ponte nelle Alpi nel Comune più riciclone d’Italia. In questa “rivoluzione” Orzes è stato “misteriosamente” ignorato e non potrà aiutarci con la sua esperienza e la sua competenza. Sicuramente con lui all’interno della Commissione, l’unico metodo proponibile sarebbe stato l’ormai collaudato sistema porta a porta, che permette di raggiungere risultati di raccolta differenziata con un’alta qualità del materiale raccolto e unico sistema che permette una tariffazione puntuale per ciascuna utenza basandosi sul principio: “Pago per la quantità di rifiuto indifferenziato che produco”.

Nei prossimi mesi
l’Associazione FRV, con il sostegno dell’Amministrazione di Vobarno, inviterà Rossano Ercolini, un semplice insegnante elementare che, animato dall’amore per la sua terra, è stato un pioniere del “RIFIUTI ZERO”, di battaglie contro nuovi inceneritori, mostri come quello che abbiamo in casa, è stato ricevuto alla Casa Bianca ed ha vinto il premio internazionale per l'ambiente, il “Goldman Enrivonmental Prize 2013” che può essere considerato come il "Premio nobel per l’ambiente".

Torniamo ora all’articolo che vorrei analizzare punto per punto.

Che CMVS dimostrasse, nei vari incontri fatti con la Commissione Tecnica, una certa preferenza per la raccolta mista era abbastanza chiaro e questo articolo conferma l’evidente propensione per questo metodo.
Nell’immagine si vede un cassonetto a calotta con una giovane di bell’aspetto che sta “conferendo”. Il sottotitolo riporta: “Raccolta differenziata con la calotta: Un sistema già adottato in valle” È proprio questo già che stona. Perché proprio già? Significa quindi che si può proseguire su questa strada?

L’obbiettivo è quello di tenere insieme i vari comuni che sono per loro natura diversi, spiega il Presidente della Comunità Giovanmaria Flocchini, Gavardo con i suoi 12.000 abitanti non ha le stesse esigenze di Pertica Alta. Contemporaneamente però, il Comune di Vallio Terme viene usato come test importante per verificare le reali possibilità che il metodo di raccolta misto ha di raggiungere gli obiettivi prefissati, e, proprio come Brescia, Vallio inizierà il primo di aprile la sperimentazione di raccolta mista.

Ora se questo metodo rappresenta un esperimento può forse funzionare a Brescia ma per questo non è detto che possa funzionare in Valle Sabbia, visto la disomogeneità dei vari comuni. Es. Gavardo/Pertiche!
L’80% dei comuni grandi e piccoli in Lombardia ed in Veneto utilizza il metodo collaudato del PaP, Milano utilizza il PaP eppure non uno di questi vuole inserire il cassonetto stradale e trasformare il metodo in raccolta mista.

Gli obiettivi di Brescia pubblicati su Brescia Oggi mercoledì 9 febbraio 2016, sono quelli di raggiungere il 50% per le elezioni del 2018 e il 65% in cinque anni. Inoltre verrà aumentata la tassa dei rifiuti minimo del 6% per fare fronte all’aumento dei costi che tale sistema richiede. Aspettative un po’ misere!!!

Sempre il presidente Flocchini riguardo all’articolo: “Comune capofila della “rivoluzione” sarà Vallio, che andrà in avanscoperta con il sistema misto”. È questa la Rivoluzione? Il Misto?
Condivido pienamente l’operato di Floriano Massardi, Sindaco di Vallio: la sua scelta rappresenta  una tappa di avvicinamento al PaP spinto, cominciando con il domiciliare per le frazioni della carta, vetro, lattine e plastica e lasciando solamente i vecchi cassonetti a calotta dell’indifferenziato e dell’organico agevolando l’inizio del cambiamento.
Nonostante ciò dopo una estenuante contrattazione con Aprica, i costi sono comunque lievitati.

Il contratto con Aprica terminerà il 31/12/2017.
Per quella data tutti i cassonetti dovranno essere ritirati, perché il nuovo gestore eventualmente dovrà fornirne di nuovi.

Questo significa che:
• i comuni che vorranno adottare il sistema misto, dovranno farsi carico dell’onere di acquisto dei cassonetti e della rispettiva calotta.
• Il servizio dovrebbe avere costi maggiori, perché tale sistema richiede automezzi specifici per lo svuotamento dei cassonetti e altri di diversa dimensione e modalità di impiego per il PaP.
• Anche se i cassonetti si riducono a due sole tipologie, questo non elimina il problema dell’abbandono del rifiuti per strada.
• Incentiva la migrazione dei rifiuti dai comuni con il PaP verso i comuni che utilizzeranno il sistema misto.
• Siamo sicuri che le nuove calotte non presenteranno le stesse problematiche di inceppamento e rottura come quelle che stiamo usando?
• Il cassonetto dell’umido (FORSU) sarà ricettacolo di molti rifiuti. Se lo sportello del cassonetto può rimanere aperto finché non si estrae la chiave, possono essere immessi più sacchetti con una sola operazione, probabilmente incentivata della raccolta mista.
• Il costo di smaltimento della FORSU da cassonetto, con una impurità che va dal 15 al 25% costa il 18% in più rispetto a quello raccolto con il PaP con un indice di impurità di un 1%.
• Dal punto di vista estetico i cassonetti non forniscono alcun contributo all’abbellimento del paese ed ingombrano inoltre marciapiedi e parcheggi.
• Se un comune dovesse decidere di passare al  PaP in un secondo momento dovrebbe provvedere a trovarsi qualcuno che gli ritiri i cassonetti. Diversamente dovrebbe accollarsene tutti i costi.

Quasi tutti abbiamo esposto, nelle riunioni nella sede della CMVS, le problematiche dei cassonetti a calotta, tanto abbiamo fatto per toglierceli di torno ed ora che riusciremo a sbarazzarcene vogliamo riaverli? È proprio un oggetto di difficile estinzione. Chissà quale santo lo protegge! E’ forse S. Aprica?

Anche se la scelta del tipo di raccolta per ciascun comune sarà libera, mi auguro di non vedere i cassonetti uscire dalla porta principale e rientrare dalla finestra… e non solo loro!

Claudio Zanoni

--------------------------------------------------------------
Non ho letto l'articolo su Bresciaoggi, ma mi sono interessato della faccenda per scriverne su Vallesabbianews e sul Gdb.

A me pare che - differenziato spinto o misto che sia saranno le diverse municipalità a decidere - la rivoluzione sia un'altra, ovvero la gestione della raccolta dei rifiuti "in house", a livello di Comunità montana.

Mi risulta che la Valle Sabbia, quando ha scelto di lavorare insieme, qualunque fosse la compagine amministrativa del momento, ha dimostrato straordinaria lungimiranza, tanto da fare spesso scuola ad altre realtà.

Confido dunque che i sindaci valsabbini, riuniti per il bene di tutti (per questo li abbiamo votati), ancora una volta sappiano distinguere fra gli interessi del proprio Comune e quelli dell'intera valle.

Ubaldo Vallini

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID64736 - 08/03/2016 11:19:56 (Zanoni Claudio) Zanoni Claudio
Stimatissimo Ubaldo Valliniritengo che nel bene o nel male l'importante è parlarne. È un occasione per mandare messaggi alle amministrazioni e ai cittadini. Poche persone si interessano ai rifiuti. In valle si comincia a parlarne in particolare da quando mi hai dato l'opportunità di pubblicare articoli su Vallesabbia News. I comuni si troveranno di fronte a un bivio o scegliere il porta a porta o il metodo misto e questo farà la "differenza".


ID64743 - 08/03/2016 21:50:56 (blurex) Considerazionisullu considerazioni
La modalità di raccolta NON è determinante per il risultato finale, lo è la sua gestione, se gestirete il PaP come gestite (o meglio NON GESTITE) le calotte,dovremo andare a cercare il Chiese sotto una montagna di rifiuti.Devo dedurre che esistegià un progetto a conoscenza di pochi intimi che verrà imposto alla popolazione senza possibilità di replica? Su quali basi i sindaci decideranno il tipo di raccolta? Perchè se non condivisa questa esperienza è fallita ancora prima di cominciare!!!Non è vero che in Valsabbia non si è mai parlato di PaP, nel 2008 l'assemblea dei sindaci della CMVS lo ha bocciatoA quei signori che vanno in giro per l'Italia osannano il PaP vorrei ricordare che per informare correttamente oltre a elencare i lati positivi del PaP e quelli negativi della calotta occorre fare anche il contrario e con un minimo di onestà!


ID64744 - 08/03/2016 21:59:12 (blurex) segue
Che il servizio PaP e ancor più il sistema misto costino più del sistema a calotta è evidente, basta fare due conti, il recupero delle MPS non può coprire la differenza di costo del servizio, il vero risparmio può venire solo dal servizio "in house" e corrisponde agli attuali utili di APRICA spa maggiorati magari anche da una gestione più oculata del servizio.E' vero che le cose troppo lunghe non vanno bene, mi sembra però che i tempi che vi siete dati siamo molto tirati per fare qualcosa di buono. Buon lavoro!!


ID64746 - 09/03/2016 08:21:35 (Zanoni Claudio)
Non è vero che i costi con il PaP sono maggiori. La purezza della raccolta dei materiali con il PaP copre anche il costo dell'eventuale costo di maggiori assunzioni di personale addetti alla raccolta e questo non è poco. È invece strategica la modalità che verrà scelta. un motivo di ordine economi es. Se il sistema misto, come è prevedibile, avrà dei costi maggiori, perché richiede una doppia tipologia di automezzi, una specifica per i cassonetti e una per il PaP e in più maggiori assunzioni di personale addetti alla raccolta. Questi saranno spalmati su tutti i comuni o saranno a carico solamente dei comuni che adotteranno questo sistema?



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
15/03/2016 10:02:00
Raccolta rifiuti, il coraggio di cambiare Nel dibattito, innescato sul nostro giornale, sul tema della raccolta differenziata dei rifiuti in Valle Sabbia, prende posizione e dice la sua anche il gruppo politico gavardese “Gavardo in movimento”

05/01/2017 07:07:00
Ecco come sarà il «porta a porta» Il consigliere di riferimento Claudio Zanoni spiega come avverrà il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti a Vobarno e la scelta di effettuarlo "spinto"

04/03/2017 07:19:00
Differenziata «in house» Sarà una società a capitale pubblico tutta valsabbina a gestire dal 1 gennauio 2018 il ciclo dei rifiuti in Valle Sabbia, dalla raccolta col metodo della differenziata alla vendita dei materiali riciclabili. Una rivoluzione, che prevede anche una cinquantina di assunzioni. VIDEO

02/12/2015 09:55:00
Raccolta differenziata, top e flop in Valle Sabbia Nei Comuni dove c’è un sistema che obbliga a differenziare, nella maggior parte i cassonetti a calotta, la raccolta differenziata supera la soglia richiesta del 65%, negli altri arranca. Vallio Terme Comune “riciclone”, maglia nera Provaglio Val Sabbia

11/03/2016 07:54:00
A proposito di rifiuti Leggo su Valle Sabbia News dello storico risultato ottenuto dalla Comunità Montana di Valle Sabbia che, su mandato dei comuni, ha anticipato di sei mesi (sic!) la scadenza del contratto con Aprica per la gestione del sevizio rifiuti in Valle



Altre da Valsabbia
17/07/2019

Laboratorio Gastronomico per valorizzare i prodotti locali

Lunedì 22 e 29 luglio al via i momenti formativi per elaborare il Menù delle Valli Resilienti creando una sinergia tra ristoratori e produttori agricoli locali

16/07/2019

Da Bruna con Carletto

Inaugurazione col botto per lo storico “Da Bruna” di Odolo. La ristorazione si arricchisce del forno a legna per le pizze e c’è anche l’area bimbi, mentre l’albergo guadagna una stella

16/07/2019

Stampa estera in valle

Le bellezze e i sapori della Valle Sabbia e del lago d’Idro sono stati apprezzati dai cinque giornalisti danesi e polacchi invitati da Visit Brescia - Bresciatourism a un tour promozionale (1)

15/07/2019

Un valsabbino ai vertici Lions

La Valle Sabbia ai vertici del servizio alla comunità con Lions Clubs International. Eletto Governatore del Distretto di Brescia -Bergamo - Mantova il gavardese Filippo Manelli


12/07/2019

Abbasso o rialzo delle tasse?

Quando calerà il sipario sull’argomento di distrazione di massa qual’è l’immigrazione e si dipanerà il mistero dei rapporti con la Russia, a Salvini e di Maio resterà di rispondere alle mirabolanti promesse sulla riduzione delle tasse. (9)

12/07/2019

Lo Spaccadischi... sotto l'ombrellone

Ci attende un altro fantastico weekend di musica e teatro tra Valle Sabbia, Garda e Provincia

12/07/2019

Giovanni Raccagni nuovo presidente del Rotary Valle Sabbia

Con lo slogan “Connettere il Mondo”, ha preso il via il 1° luglio il nuovo anno sociale del Rotary Club Valle Sabbia sotto la guida dell’architetto Raccagni

12/07/2019

«Ma davvero il presidente Alghisi è l'unico responsabile?»

In merito alla richiesta delle minoranze di emendare la posizione gavardese sulla realizzazione del depuratore del Garda, anche “Insieme per Gavardo” dice la sua (5)

11/07/2019

Argento nazionale per il Volley Vallesabbia

Grandissimo traguardo quello raggiunto dalle ragazze dell’Omsi Volley Vallesabbia Juniores C.S.I., che hanno conquistato l’argento ai Nazionali di Cesenatico  (1)

11/07/2019

Gavardo e deturpatore: la voce della Minoranza

“Gavardo Ideale Centrodestra", in Consiglio a Gavardo, ha chiesto le dimissioni del presidente Alghisi. «Con il voto contrario, l'attuale maggioranza mette in secondo piano correttezza e coerenza nei confronti dei gavardesi e del territorio» (4)

Eventi

<<Luglio 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia