11 Luglio 2015, 07.27
Pensiero

Ancora su Calamandrei

di Dru

Dicevo, nel mio ultimo scritto sul lavoro, che l'esistente è l'identità della totalità delle differenze dove l'identità è vera identità, non è volontà di identificazione dei differenti


Calamandrei specifica che scendere da cavallo è un modo di comprendere ciò che sul cavallo non sta, costringendo il lettore ad intendere il cavallo come le ideologie e la loro discesa come loro negazione .

L'ideologia è una filosofia apparente, riguarda una parte della visione che sa essere totalizzante.

Apparente perché appunto è parte di ciò che appare, come la fotografia è parte di ciò che sa apparire e cioè e il soggetto da fotografare, e il fotografato, e il fotografo, dove l'interezza non è affatto definita .

La filosofia è la visione totalizzante delle singole parti e è a questa ulteriore dimensione che il Calamandrei ammonisce l'amico Don Sturzo di rivolgere il suo sguardo.

Ma è un richiamo disperato, come le parole che lo riecheggiano.
Scusi, davanti a tutti questi ‘feriti?, buttati a terra dai ‘ladroni’, cosa deve fare un Sindaco?

È vero, la filosofia in nome della dimensione totalizzante fallisce il suo scopo in nome della civiltà della tecno-scienza, del particolare sull'intero, ma questo suo fallire dipende proprio dalla sua inesistenza o come sola volontà di esistere.

Come volontà di identificazione dei differenti l'esistente è contraddizione, è volere che i differenti si identifichino, è volere, è volontà di potenza (vedere miei articoli: l'essere altro da sé significa essere nulla e l'essere nulla).

La filosofia ha inteso costituirsi come argine a questa impossibile identificazione, ma non ha saputo far di meglio che negare l'innegabile, collocandosi all'interno della dimensione nichilista, costituendo essa stessa quella identificazione.

L'"essere è" afferma  Parmenide di ciò che è e nel frammento 7 rincarando afferma "Infatti, questo non potrà mai imporsi: che siano le cose che non sono. Ma tu da questa via di ricerca allontana il pensiero,né l'abitudine, nata da numerose esperienze, su questa via ti forzi a muovere l'occhio che non vede, l'orecchio che rimbomba e la lingua, ma con la ragione giudica la prova molto discussa che da me ti è stata fornita."

Insomma, dice Parmenide, smettila con la fede (via di ricerca) nell'essere delle cose che non sono, smettila di perseguire una tua fede, una tua ideologia, una tua filosofia, che non è l'essere, poiché l'essere  non può non essere.

Eppure lo stesso Parmenide, affermando che ciò che è diverso dall'essere non può essere, fondando la "necessità dell'essere, nega la molteplicità e la relega a pura illusorietà.

Nasce da qui l'ambiguità della filosofia nei confronti della verità, che l'illusione non sia produce una contraddizione per cui ciò che non è l'essere è, seppur illusione, l'illusione non è l'essere ma non è neppure nulla.

Anche Parmenide, che intuisce dove sia la verità smentisce la stessa, identificando l'illusione all'inesistenza e apre alla storia del nichilismo.

Calamandrei tutto questo non lo sa, ma concede alla verità una dimensione apparente, quando richiama Sturzo alla realtà, assicurando una dignità a quanti sono "buttati a terra dai ladroni".



Aggiungi commento:
Vedi anche
18/11/2015 09:07

Vi prego, non stracciatevi le vesti Nel pensiero lineare una porta o è aperta o è chiusa, nel nuovo pensiero il sistema è contemporaneamente aperto e chiuso. Logica "And"...

26/06/2014 07:25

Restare liberi nella tecnica E' significativo il pensiero che rende il senso della cosa, o il significato che è la sua essenza. differentemente il suo esser quella cosa, quel pensiero, vuole la trasformazione di essa. La trasformazione di essa è lo scopo dell'azione voluta

20/11/2014 07:00

I nove comandamenti e il grande assente In questi tempi difficili si avverte il bisogno di un elemento fondamentale per la nostra esistenza. Esso, da qualche tempo, è latitante...

03/10/2012 10:00

Tutto un giramento di cause Aristotele una mattina di buon ora riusc a raccogliere un pensiero dal frutteto della sua ampia mente e lo volle subito fissare in uno scritto: il rapporto tra causa ed effetto era di tipo lineare...

31/08/2015 17:28

È il mondo ad essere nel pensiero e non viceversa La desolazione nel riconoscere un fallimento è grande, ma più grande della desolazione è la volontà che prende il posto dell'avidità, causa di quel fallimento, di ogni fallimento



Altre da Terza Pagina
13/08/2020

Con «Pensieri africani» chiude San Rocco In Musica

Ultimo concerto, a Bagolino, per la rassegna musicale. Domenica 16 agosto, alle ore 21 nella Parrocchiale di San Giorgio, la prestigiosa manifestazione chiuderà con lo spettacolo del duo Dudu Kouaté e Guido Bombardieri

12/08/2020

«Emozioni vista lago»

Domani sera – 13 agosto – il primo evento del Festival promosso dall'associazione Cieli Vibranti a Polpenazze del Garda. Concerti, letture e spettacoli per riscoprire il territorio attraverso la musica

11/08/2020

«Una musica un film»

Questo mercoledì, 12 agosto, nella bella cornice di Tignale si terrà il concerto dell'Infonote Ensemble, con la voce di Elisabetta Cois per l'ottava edizione di “Suoni e Sapori del Garda”

11/08/2020

Gianni e Simona

Gianni era un signore di 70 anni, una vita trascorsa nel suo laboratorio di falegnameria creando mobili e giochi...

08/08/2020

La grande musica torna in scena con «Suoni e Sapori del Garda»

La rassegna musicale, quest'anno alla sua ottava edizione, avrà inizio mercoledì 12 agosto e animerà l'estate e l'autunno del Garda con concerti imperdibili

08/08/2020

La sorgente

Angelo non aveva smesso di pensare alla Valle dei Cuel e, soprattutto, non riusciva a smettere di ricordare l’attimo in cui il capriolo era sbucato dal bosco distraendo il suo sguardo dal ruscello...

07/08/2020

Un omaggio alle Pertiche

Sarà inaugurata nel pomeriggio di questo sabato 8 agosto a Livemmo di Pertica Alta la mostra "Alla scoperta delle Pertiche" con gli scatti realizzati dai soci del Cinefotoclub di Brescia

06/08/2020

I miti di Baruelli in mostra a Villanuova

Le opere dell’artista prevallese Roberto Baruelli, che ridanno vita a materiali di scarto utilizzati nella rappresentazione di grandi miti dell’arte e della musica, sono esposte in questi giorni nella galleria interna del Centro commerciale Italmark

06/08/2020

Luca Flocchini presenta la sua autobiografia

Questo venerdì, 7 agosto, a Prevalle per la rassegna “Degustazione con l'autore” l'odolese Luca Flocchini presenta “Eh già... sono ancora qua”. Protagonisti, come di consueto, anche i prodotti locali del paese

04/08/2020

Franco Arminio a Livemmo per «Oro in bocca»

Questa domenica, 9 agosto, una breve camminata dalla frazione di Pertica Alta fino al Prato delle Casine, ove si terrà l'incontro mattutino con il poeta e “paesologo”