Skin ADV
Domenica 19 Gennaio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Alba a Suersòc

Alba a Suersòc

di Paola Abatti



17.01.2020 Valsabbia

18.01.2020 Bagolino Anfo

17.01.2020 Vobarno

17.01.2020 Salò Valsabbia Garda

17.01.2020 Vestone

17.01.2020 Valsabbia

18.01.2020 Gavardo

17.01.2020 Gavardo Valsabbia Provincia

17.01.2020 Vobarno

18.01.2020 Gavardo






12 Gennaio 2015, 07.00
Sabbio Chiese
Briciole di Cultura

Un museo del libro in valle Sabbia: una sfida realizzabile?

di Alfredo Bonomi
Quando si scrive sulla valle Sabbia ci si sofferma poco sui “creativi” che, nel corso dei secoli, con il lavoro e l’ingegno, hanno prodotto “fatturati di qualità” riuscendo ad imporsi nel contesto di sofisticate e difficili ragnatele commerciali e culturali

E’ il caso degli stampatori dopo l’invenzione della stampa a metà del 1400 che ha permesso la diffusione dei libri e del sapere.
E’ stata una vera rivoluzione culturale, paragonabile a quella prodotta dalle attuali tecnologie informatiche.

Un nutrito gruppo di valligiani, smentendo il luogo comune del “valligiano, uomo solo di braccia e di pesante lavoro”, ha contribuito in maniera significativa a questa diffusione, operando sin dai primi anni del 1500 a Venezia, “capitale europea indiscussa dell’editoria e della cultura del libro” sicuramente per quasi centocinquant’anni, a partire dagli ultimi decenni del 1400 sino alla prima metà del 1600.
Solo recentemente si sta riservando un’adeguata attenzione al ruolo avuto da Venezia ed in molti altri centri italiani dagli stampatori valligiani.
Scorrendo la geografia della Valle si incontrano i paesi d’origine di molti di questi “artigiani dell’ingegno”, partiti giovani in cerca di lavoro e diventati imprenditori di notevole spessore.

Da Presegno sono venuti i Presegno, da Lavenone i Ginamni, da Navono Troiano Navò, attivo anche a Regusa, da Nozza Bartolomeo Fontana, da Bione Mattia Cancer, uno dei più dinamici stampatori della Napoli del ‘500, da Vobarno i Bertelli, da Gazzane i Lantoni ed i Bonfadini, da Soprazocco i Bizardi, Antonio Rizzardi, i Sarzina, i Pavoni, ed ancora Comin Presegno.

Si potrebbe continuare, ma s’impone il caso di Sabbio Chiese, unico in provincia di Brescia.
E’ proprio da questo paese che molti giovani, a partire dal primo decennio del 1500, si sono portati a Venezia in cerca di lavoro seguendo il flusso dei commercianti di carta prodotta nella valle di Toscolano, ma anche nel centro valligiano.

Dopo un duro tirocinio nelle più affermate stamperie cittadine sono diventati dinamici ed intelligenti stampatori, veri “impresari di cultura” che hanno lasciato un’impronta ben definita nella storia dell’editoria italiana.
E’ veramente strabiliante il numero delle famiglie sabbiensi dedite a quest’arte.

Il ventaglio è assai vasto.
Gli studi fino ad oggi intrapresi hanno messo in luce i nomi dei Nicolini, dei Tini e dei Gelmini, dei Ventura, dei Boscarini, degli Antoni, dei Bericchia, dei Pelizzari, dei Carampelli, dei Bonibelli, ai quali probabilmente va aggiunto anche Giovanni Paoli, il primo a portare l’arte della stampa in America, precisamente a Città del Messico.
Hanno conquistato i mercati editoriali più prestigiosi per quell’epoca, da Venezia a Ferrara, Trento, Bergamo, Milano, Roma, Napoli, Campobasso, Messina, Brescia, ma pure Oltralpe.

Adeguate ricerche permetteranno sicuramente di aggiungere altri nomi ed altre conquiste editoriali. Una cosa è certa: non furono semplici stampatori, ma “agenti di cultura” a pieno titolo e questo contribuisce a smentire il ruolo di una valle “appartata” e dedita soltanto alla lavorazione del ferro.

Se questa è la storia, richiamata assai succintamente, cosa può rimanere oggi di una così luminosa esperienza, in un presente nel quale si punta sulla qualità del prodotto e dell’ingegno?

Cosa può insegnare oggi questa “storia”?
Una risposta c’è, anche se sembra di difficile realizzazione, ma la forza delle idee elimina gli ostacoli mentre la quotidianità senza fantasia non vince mai.
L’idea è quella di realizzare in valle, e naturalmente a Sabbio Chiese per il ruolo avuto dal paese nella “storia degli stampatori”, un museo del libro antico che chiami a sintesi questa “vicenda d’ingegno” che ha portato in alto il nome della valle Sabbia per ben due secoli, dal 1500 alla fine del 1600.

Non si tratta di immaginare un museo “ammuffito” e fisso, con soli libri, ma di fare della preziosa raccolta delle “cinquecentine” valligiane l’occasione per creare un nucleo attivo, aperto alle esperienze didattiche, a convegni tematici, a conferenze di qualità, ad un discorso del valore della carta accanto all’informatica, in rete con altri musei attivi sullo stesso tema.
Ci sono gli esempi di Fabriano, la culla della produzione della carta e, più vicino a noi, della valle delle Cartiere a Toscolano, meta fissa per i turisti che visitano il lago di Garda.

Il “museo del libro antico” quindi come sfondo culturale non solo per ricordare il passato di qualità di un paese, in questo caso Sabbio Chiese, (che non sarebbe comunque cosa da poco!), ma come elemento dinamico all’interno di un percorso culturale ed artistico della Provincia di Brescia.

In sintesi
, una nuova attrattiva per turisti che dal Garda risalgono la valle Sabbia ed uno strumento di educazione delle menti creative delle nuove generazioni, che non possono essere lasciate alle banalità che abbondantemente popolano le “cosiddette” offerte culturali e ricreative.
I giovani comprendono più di quello che gli adulti percepiscono e ne trarrebbero sicuro beneficio.

Certo, è una sfida
, ma perché non iniziare il 2015 proprio con l’idea di affrontarla?

Alfredo Bonomi


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID54295 - 27/01/2015 11:35:13 (nimi) ma magari!!
Il guanto di sfida è stato gettato? Ovvero: la proposta è stata fatta alle istituzioni o per ora si tratta di un canovaccio di idee scritto sul vallesabbianews? Perché nel caso in cui si prendesse sul serio l'iniziativa, non nascondo che non mi dispiacerebbe collaborare e prenderne parte. Nicola Cargnoni



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
19/05/2014 08:22:00
Briciole di cultura Come un novello Pollicino, il professor Alfredo Bonomi ha viaggiato nella storia e nella cultura della Valsabbia lasciando dietro di sè delle "briciole". Pubblicate su Vallesabbianews, sono poi diventate un libro, che verrà presentato giovedì a Vobarno


28/07/2014 11:07:00
Alone, un lembo di terra ricca di fascino e storia Il “Parco delle Fucine” in quel di Casto è meritatamente diventato un’attrattiva per molti bresciani perché coniuga felicemente la particolarità del paesaggio e le peculiarità naturalistiche, quasi uniche a livello provinciale

18/04/2016 10:34:00
Un sogno per Sabbio Chiese L'ultima, in ordine di tempo, delle "briciole" di Alfredo Bonomi riguarda la "Settimana dell'ingegno creativo". Si tratta di un'idea/sogno che ben si addice alla realtà storico culturale di Sabbio Chiese


03/11/2014 09:11:00
Donne di Valsabbia Tre donne legate alla Valle Sabbia hanno anticipato l’emancipazione intellettuale femminile

28/09/2014 07:39:00
Tra Vestone e Casto pulsò il “cuore politico” della Valle Sabbia per più di 100 anni. E ora? A partire dal periodo risorgimentale la Valle Sabbia...



Altre da Sabbio Chiese
11/01/2020

A Sabbio coi Fratelli d'Italia

Buongiorno Direttore, le chiedo di pubblicare sul suo seguitissimo giornale una relazione sulla serata organizzata da Fratelli d’Italia Vallesabbia Vestone a Sabbio Chiese lo scorso 10 gennaio

03/01/2020

Borse di studio, pochi i premiati a Sabbio

Dei 15 assegni messi a disposizione degli studenti meritevoli ne sono stati assegnati solo 8. Il numero di domande pervenute in Municipio è stato addirittura inferiore a quello previsto dal bando


03/01/2020

«Il presepe a scuola», istituti premiati

Anche alcune scuole valsabbine riceveranno un contributo di 250 in materiale didattico per la partecipazione al concorso promosso da Regione Lombardia

02/01/2020

L'ultimo saluto a Giovanni Pilotelli

Era stato direttore delle officine Gra di Condino per quasi vent’anni. I funerali si terranno oggi – giovedì 2 gennaio – alle 15 a Bione

28/12/2019

Arriva la Stella, si illuminano i presepi

Ad illuminare il percorso dei presepi di Bagolino, nella giornata di Santo Stefano è arrivata anche la Stella di Sabbio Chiese e di Treviso Bresciano, portando questa antica tradizione nel borgo montano valsabbino, dove non è conosciuta

28/12/2019

A piedi e in bici a sbalzo sul Chiese

Ci sarà anche un tratto a sbalzo sul fiume, come succede a Limone sul Garda, lungo la ciclopedonale che unirà Nozza a Sabbio Chiese. Partiti i lavori per la realizzazione del primo lotto


09/12/2019

«Grazie per il Ringraziamento»

Una trentina di trattori quelli hanno sfilato dalla sede del Caseificio Valsabbino di Sabbio Chiese fino alla parrocchiale di Provaglio Valsabbia, benedetti da don Alberto Cabras alla fine della messa.

06/12/2019

A un passo dalla finale

Si è fermata ad un passo dalla finale l’avventura di Alberto Bianchi a “Cuochi d’Italia”, programma televisivo condotto da Alessandro Borghese su TV8

03/12/2019

Alberto Bianchi è in semifinale

Lo chef valsabbino ha superato il terzo turno della trasmissione televisiva “Cuochi d’Italia”, condotta da Alessandro Borghese su TV8.

29/11/2019

Alberto Bianchi supera il turno a TV8

Lo chef valsabbino supera la prova contro la rappresentante della regione Puglia e accede al terzo turno del programma televisivo Cuochi d’Italia



 
Eventi

<<Gennaio 2020>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia