Skin ADV
Mercoledì 01 Aprile 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE




30.03.2020 Vobarno Garda Valtenesi

30.03.2020 Agnosine

30.03.2020 Valsabbia

31.03.2020 Valsabbia

30.03.2020 Vestone

30.03.2020 Vestone Valsabbia

31.03.2020 Agnosine

31.03.2020 Agnosine Lavenone Valsabbia

31.03.2020 Valsabbia

31.03.2020 Valsabbia Provincia



15 Giugno 2013, 12.00

Punti di Vista

Ecologia e cultura di massa

di Aldo Vaglia
La cultura della televisione che dei giornali e del Web, è una cultura un tanto al chilo. Niente di male se si usa per le discussioni da bar, assai più complicato se la politica se ne serve per fare scelte


L’ecologia una scienza molto più vasta di quanto possa apparire dagli articoli di giornale può solo per una parte coinvolgere scelte politiche. Ma il potere politico ha il dovere di indirizzare le attività umane comprese quelle economiche.

L’equilibrio, la complessità, i rapporti tra l’uomo e gli ecosistemi, sono materie che coinvolgono  non solo le scienze naturali, dalla botanica, alla zoologia, alla chimica, alla fisica, alla matematica, ma economia e diritto sono altrettanto importanti se si vogliono conservare la biodiversità e le risorse disponibili.
In un precedente articolo dal titolo “Economia ed Ecologia” si è toccato il tema dello scontro tra le due discipline ed i motivi  che le hanno condotte molte volte a contrapporsi.
Sembrerebbe perciò, al primo approccio, che le due materie siano in antitesi. Se si esce dal semplicismo ci si accorge però: che ciò che è antiecologico è anche antieconomico.

Nella nostra società le scelte economiche sono parziali, settoriali e a breve termine, mentre l’ecologia è globale.
Se l’economia non è capace di una visione più ampia non può che essere la politica che corregge i meccanismi di chi si  occupa dei benefici immediati senza tener conto dei danni che si possono arrecare alle generazioni future.
Nemmeno la politica è però in grado di svolgere il compito che le si affida, di indirizzare le attività economiche, se oltre alla volontà non è sorretta da profonde conoscenze.

L’ambiente fa parte degli argomenti della “cultura di massa” e questo è un bene, ma pone dei quesiti alla democrazia.
Il popolo è sicuramente sovrano e piuttosto che le scelte le facciano i tecnici è meglio che rimangano alla politica.
Ma come ci si può affrancare dalla demagogia e dal populismo?
Per prima cosa servirebbe una politica assai più preparata, ma come non c’è la scuola per l’ecologia non c’è nemmeno la scuola per la politica.
Almeno gli studenti potrebbero uscire dallo stereotipo riduzionista che vede i problemi ecologici come problemi settoriali, l’ecologia è una scelta obbligata per la sopravvivenza della specie umana, ma non va perseguita attraverso la punizione o la soppressione di attività inquinanti, ma con la ricerca di tecnologie non inquinanti di per sé.

Sicuramente nel campo dell’energia avvengono la maggior parte dei nostri comportamenti antiecologici, ma non si pensi che ne siano immuni industria, agricoltura o turismo.
I vari “No” se si crede veramente di fare il bene pubblico vanno perciò valutati e soppesati. Occorre ispirarsi a criteri di economicità globale e non settoriale e preoccuparsi della “compatibilità” dei vari usi per la stessa risorsa.
Chi verrà dopo di noi troverà un mondo vivibile se alla cultura di massa si saranno aggiunti approfondimenti tecnico scientifici e una politica responsabile e consapevole sarà stata in grado di sviluppare un’economia rispettosa dell’ambiente e della comunità.

 

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID33204 - 16/06/2013 07:04:37 (Dru) il tuo auspicio
è necessità e la tecnica,benché lo si abbia capito solo a livelli sublimi, sostituirà inevitabilmente ogni altro scopo come appunto quello di far politica.


ID33215 - 16/06/2013 14:29:18 (Aldo Vaglia)
Caro Dru, per fortuna e' la politica che domina la tecnica, purtroppo oggi la politica e' solo questione di marketing e chi lo sa fare meglio (tecnica di marketing) vince.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
09/04/2013 07:00:00
Tranquilli non cambierà nulla I veri problemi, quelli del lavoro, del denaro, dell'energia, dell'ambiente, della salute, della scuola, della cultura rimarranno sullo sfondo

21/02/2008 00:00:00
Un percorso letterario sulla follia Scegliere un tema e affrontarlo da vari punti di vista, con un approccio multidisciplinare. Con questa modalità la Commissione cultura del Comune di Gavardo propone al pubblico delle serate sul tema della folli.

16/12/2014 11:02:00
Biù Cultura Costituita ai primi di dicembre, l’associazione culturale “Biù Cultura” è già attiva e propone per il periodo natalizio una collettiva d’arte

18/03/2011 07:00:00
Paura del nucleare Non è questione di sciacallaggio come dice il governo, ma di paura. Piuttosto che "fare danni", la nostra politica continui con il "non fare niente”.

09/03/2014 07:27:00
Destra e sinistra sono scatole vuote Nei prossimi mesi un’overdose di dichiarazioni su destra e sinistra, su ladri e comunisti, conservatori e riformisti,liberisti e statalisti, ingorgherà il dibattito politico e sarà tanto più urlata quanto meno gli  schieramenti  politici avranno da proporre discussioni sensate



Altre da
20/12/2013

«Precisazioni doverose»

Il sindaco di Gavardo, con un comunicato stampa, replica ad una delle accuse rivoltegli dalla minoranza consiliare anche dalle nostre pagine. Pubblichiamo in forma integrale (1)

20/12/2013

Maroni: «Se necessaria l'emodinamica si farà»

Nei discorsi degli amministratori pubblici locali intervenuti nel corso della cerimonia, la richiesta alla Regione di garantire le risorse necessarie al funzionamento e quella di un nuovo reparto per l'emodinamica

19/12/2013

«Più trasparenza nei conti della Gavardo Servizi»

Una critica circostanziata della minoranza consiliare di Gavardo al Centro contro la municipalizzata gavardese e alcune scelte della giunta Vezzola su Tares e Ufficio di Polizia locale

19/12/2013

Mafia: unanimità d'intenti

Girelli: «Ok dal Consiglio; Regione Lombardia sostenga gli Enti locali nel recupero dei beni confiscati alla mafia» (1)

17/12/2013

Presidio investigativo antimafia

Sull'onda delle dichiarazioni del procuratore antimafia Franco Roberti, il consigliere regionale Gianantonio Girelli chiede di istituire anche a Brescia un presidio della Dia

17/12/2013

«Rimpatriamo gli stranieri che delinquono»

In merito alla drammatica vicenda di Serle, prende posiizone la Lega Nord della Circoscrizione della Valle Sabbia. Pubblichiamo il comunicato a firma del segretario circoscrizionale Sebastiano Baruzzi (27)

17/12/2013

Regalo di Natale per la Siae

Un balzello di 3 e 4 euro sul prezzo di smartphone, tablet e computer: in gran segreto sta per passare l'innalzamento di oltre il 300% della tassa sui dispositivi tecnologici destinato ad ingrossare le casse della Siae

17/12/2013

«Operazione di facciata»

Girelli: «Quella della giunta Maroni è stata un'operazione di facciata e i ticket per i lombardi rimangono costosi ed iniqui». Il consigliere regionale rilancia (1)

15/12/2013

Forconi di Valsabbia

Anche la Valle Sabbia ha scoperto il suo movimento di protesta. Per ora poco organizzati, ma arrabbiati, si sono fatti vedere per la prima volta questa domenica sera a Pregastine (8)

15/12/2013

Marina, motore vobarnese

La giornata giusta per ricordarla era stata programmata per settembre, in occasione della visita del ministro Kyenge nel Bresciano, che poi non è avvenuta. Si farà questo lunedì (1)

Eventi

<<Aprile 2020>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia