Skin ADV
Lunedì 09 Dicembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Prima neve a Faserno di Storo

Prima neve a Faserno di Storo

di Gianni Cortella



07.12.2019 Barghe

09.12.2019 Bagolino

07.12.2019 Bione

07.12.2019 Bione Odolo Preseglie Valsabbia

09.12.2019

07.12.2019 Barghe

09.12.2019

07.12.2019 Valsabbia

08.12.2019

09.12.2019 Pertica Bassa Valsabbia






01 Maggio 2012, 06.00

Pensieri

Alle radici della guerra

di Dru
¬ęPretendere di estirpare la guerra senza estirpare ci√≤ che la provoca √® una grande illusione¬Ľ.
 
La realtà é come stanno le cose o come vorremmo che stessero?
Aristotele diceva che "la guerra è giusta in vista della pace" e poiché giusto é "conformarsi a come stanno le cose", nel tempo dei valori e delle verità assolute, quando ancora la ricerca era nel senso dell'incontrovertibile, la guerra era cosa giusta se per la pace, come valore appunto, nel senso di adeguamento a come stanno le cose, quelle appunto incontrovertibili, inoppugnabili, di verità.
 
Se nel nostro tipo di cultura - si tratterà poi di vedere se questa sia l'ultima parola - una verità assoluta non ci può essere, allora una pace che sia giustizia non ci può essere.
La giustizia non può essere che l'adeguazione alla maggior forza.
Quindi la definizione di Aristotele è legata a una base culturale che oggi è tramontata.
 
Se non c'è la verità, perché non dobbiamo distruggere gli uomini?
Se noi ci domandiamo: ma perché siamo arrivati a questo punto?
Allora, la risposta è che la guerra non vien fuori perché disobbedisce ai buoni dettami della buona cultura e della buona volontà, perché questo è il discorso che è in circolazione.
Si fa la guerra però la grande cultura, le grandi religioni ci insegnano, o le buone volontà ci insegnano che non si dovrebbe fare la guerra.
Se si va all'origine, non è che la buona cultura sia tradita dalla guerra, ma la grande cultura tradizionale è la radice della guerra.
 
Combattere la guerra, senza estirpare questa radice, è impossibile, contraddittorio.
E in questo senso la guerra è un qualche cosa di inevitabile, perché l'abbiamo nel sangue. L'abbiamo nel concetto per il quale le cose sono manipolabili, sono costruibili, sono distruggibili, sono modificabili, sono effimere, caduche.
E allora sono lì a nostra disposizione.
 
Eraclito diceva che "la guerra è la madre di tutte le cose".
Ma, se noi intendiamo le cose - le cose: io, tu, la stanza, la città, le stelle, le piante, eccetera, gli animali, gli uomini - se noi intendiamo le cose come ciò che si lascia manipolare, modificare, distruggere, allora dobbiamo rovesciare la sentenza di Eraclito, dire: "le cose sono la madre di tutte le guerre". 
Il modo in cui si intende la cosa, nella nostra cultura, è la madre di tutte le guerre.
Cioè il modo in cui noi intendiamo l'esser cosa del proiettore, della lampada, dei miei sentimenti, del suo corpo, eccetera, ecco, il modo in cui noi intendiamo la cosa, cioè come manipolabilità assoluta, questa è la radice di tutte le guerre.
 
Pretendere di estirpare la guerra senza estirpare ciò che la provoca - e ciò che la provoca è la nostra grande cultura - è una grande illusione, ma anche un'illusione pericolosa.
Certo. Prendiamo un organismo malato, malato di una malattia inguaribile. Questo organismo ha delle fasi di cui la malattia si fa esplicita, si rende esplicita, in cui la malattia diventa visibile. Questa è la guerra.
Ci sono delle fasi in cui la malattia non vien fuori alla luce del sole. Questo si chiama pace.
Ma questo non vuol dire che la radice della malattia sia stata estirpata.
La parola "pace" √® la parte di una situazione globale che ha alla propria radice la forma pi√Ļ radicale di guerra.
 
Platone chiamava la "cosa" epamphoteristés.
Vuol dire: ciò che oscilla delle cose dal niente all'ente, qui c'è la parola éris. La parola éris è quella che usa Eraclito quando dice che la guerra è madre, - usa la parola  pòlemos - dice che "tutte le cose avvengono secondo guerra".
Allora la cosa, in quanto è oscillante tra l'essere e il nulla, combatte e si dibatte tra l'essere e il nulla, è la polemicità per eccellenza, è la violenza per eccellenza: Quindi ciò che corrisponde nella metafora a corpo ammalato è il modo in cui noi pensiamo le cose.
 
Questo modo a volte si presenta come guerra, a volte si presenta come pace, ma è una pace dei morti.
Non sono tanto io a parlare, ad affermare questa caduta dei valori, ma √® la filosofia degli ultimi duecento anni. Il che vuol dire che dopo Hegel, tutti coloro che hanno pensato - tiriamo via dalla mente l'idea che la filosofia stia da una parte e la scienza e la tecnica stiano dall'altra; no c'√® una congruenza di fondo - tutti coloro che hanno pensato, quindi: Marx, Kierkegaard, soprattutto Nietzsche, Heidegger, Wittgenstein, Dewey, Bergson, Gentile e Croce in Italia, ecco tutti quelli che hanno pensato sono arrivati - e questo √® un tema che a mio avviso √® pi√Ļ importante di tutti, perch√© decide di tutto - sono arrivati a questa conclusione: che, se esistono dei valori assoluti, non pu√≤ esistere questo mondo in cui noi viviamo.
Questa è la faccenda.
 
Se esiste un blocco, come può essere il Dio, come può essere il valore assoluto, quelle cose cui noi siamo - per la nostra educazione, anche religiosa - siamo legati, ecco, se esiste quel blocco, noi non possiamo esistere.
Nietzsche diceva: se esiste un Dio creatore, io non posso creare. Ma io creo, lo vedo, io produco, dunque non ci può essere un Dio creatore.
Allora non sono io che sostengo la caduta dei valori.
Parliamo della crisi dei giovani, i giovani stanno fiutando adesso quello che è stato raggiunto dall'alta cultura dell'Occidente, dai vari Nietzsche e Leopardi. I valori cadono.
Quindi non sono io che mi invento la caduta dei valori. √ą tutta quella cultura del nostro tempo, contro cui polemizzano le forze tradizionali.
Per esempio, contro cui polemizzava lo stesso socialismo reale, contro cui polemizza tuttora la Chiesa Cattolica.
 
Voi lo sapete che dopo la Seconda Guerra Mondiale, la musica dodecafonica venne proibita dal Partito Comunista Sovietico, perché la musica dodecafonica era un modo di esprimere, sul piano artistico, quella caduta di valori che noi conosciamo bene sul piano pratico, comportamento pratico, che vuol dire poi divorzio, eutanasia, fecondazione artificiale, ingegneria genetica, vuol dire lo smottamento delle stabilità.
Nel campo della musica dodecafonica voleva dire lo smottamento della stabilità tonale, ritmica.
 
C'entra con la guerra! C'entra con le cose che stavano e stanno per tramontare, per lasciare il posto alle cose come vorremmo che stessero, ma, secondo Severino, che sopra mi ha accompagnato per mano e che io ho seguito, questa é la follia, credere che possiamo mutare gli stati delle cose ci induce a credere che le cose sono da noi manipolabili e annientabili, é credere che le cose si annientano, questo il nostro tempo, questo l'errore di fondo che ci angoscia, questo il principio di un modo di vedere le cose non come divenienti dal niente all'ente per tornare niente di cui é impossibile che ció avvenga, ma come quelle che appaiono a noi e poi scompaiono ma sempre e per l'eterno, questo là in fondo al tunnel in cui ci siamo infilati con la grande tradizione di pensiero e dove al fondo compare la gioia di essere testimoni dell'eterno apparire delle cose e non per questo divenienti.
 
Dru
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID19249 - 01/05/2012 22:21:05 (sonia.c) mi viene in mente..
la scena di un vecchio film,in cui una donna rimprovera un soldato disertore con parole piene di retorica pro-guerra ,patria,valore, coraggio ,sacrificio ecc ecc. la spiegazione pi√Ļ chiara e efficace del soldato? mettergli in mano un coltello e dirgli: forza uccidimi! ...



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
26/02/2015 07:05:00
Ricordando la Grande Guerra Una serie di eventi organizzati nella biblioteca di Odolo, per ricordare e far conoscere la Grande Guerra a distanza di cent’anni

22/01/2015 14:54:00
Etica della guerra, etica della pace Questo venerd√¨ a Sal√≤ il primo di una serie di incontri della rassegna “Conoscere per riconoscere: conversazione sulla Grande Guerra”, dedicata al centenario della Prima guerra mondiale

02/11/2014 10:50:00
Scenari di guerra, teatri di pace Il ricordo della Grande Guerra nel teatro, nella letteratura e nel cinema in una rassegna in programma dal 4 al 9 novembre nell’Auditorium comunale di Nuvolento

19/06/2014 10:50:00
Adamello guerra e memoria Una serie di iniziative per le celebrazioni 2014/2018 del Centenario della Prima guerra mondiale nelle zone della Guerra Bianca in Adamello

06/11/2014 15:07:00
Film e teatro per riflettere sulla Grande Guerra Prosegue a Nuvolento la rassegna “Scenari di guerra, teatri di pace”, con nuovi appuntamenti fino a domenica pomeriggio




Altre da Lettere
09/12/2019

Cara Santa Lucia

Un palloncino partito da Gazzo Veronese ed inviato a Santa Lucia è precipitato sopra Vestone

04/12/2019

La ¬ęCUC¬Ľ non ha nessuna colpa

Riportiamo volentieri le precisazioni pervenute da parte della Comunità montana di Valle Sabbia in merito all'articolo qui pubblicato domenica scorsa che riguardava un ricorso per le procedure d'appalto nella sistemazione delle scuole di Vobarno


01/12/2019

Una serata ¬ęatipica¬Ľ che arriva al cuore!

Vorrei esprimere i miei pi√Ļ sentiti complimenti all'amministrazione comunale di Paitone che ieri sera ha replicato lo spettacolo "Into the mood. Dentro l'emozione. Un concerto atipico"

01/12/2019

Sportina selvaggia

Nel bene e nel male un paese cambia, fra innovazioni e forti resistenze. Anche in questo caso Mario Pavoni si dimostra osservatore attento. Pubblichiamo volentieri la sua lettera che riguarda la sua Vobarno


30/11/2019

Acque Bresciane e la Provincia di Brescia succubi di Verona?

La questione della dismissione della condotta sublacuale e della depurazione del Garda al centro di una riflessione di Gaia Gavardo e Comitato Referendario Acqua Pubblica

27/11/2019

La strada presa per un cesso

Un lettore ci scrive e ci manda una fotografia, scattata questo martedì mentre camminava per strada, a Sabbio Chiese

26/11/2019

Il Pd si fa sentire anche dal Benaco

I circoli PD del Garda (alla presenza anche degli amici dei circoli veronesi), si sono riuniti ed hanno approvato un documento. Eccolo

20/11/2019

Com'è triste... il mio fiume

In questi giorni sta piovendo molto ed il livello del fiume Chiese sale continuamente, tuttavia i lavori che di anno in anno sono stati eseguiti, stanno dando i loro frutti, preservando i paesi della valle, ed in particolar modo il mio Vobarno, dalle devastazioni (6)

19/11/2019

In ricordo di Sandro

L’azzurro del cielo autunnale, sopra la Corna Blacca, ed i colori degli alberi e dei prati, che ti vengono incontro mentre risali la strada che porta a Forno d’Ono, non li scorder√≤ mai.

16/11/2019

Testimonianza da Venezia

Vorrei condividere con i lettori una toccante riflessione pervenutaci dalla nostra ex musicante (vobarnese) e da anni cornista nell'Orchestra del Teatro la Fenice di Venezia, in merito agli effetti della eccezionale inondazione che ha investito la città

Eventi

<<Dicembre 2019>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Ro√® Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Sal√≤
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia