Skin ADV
Sabato 20 Aprile 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE




18.04.2019 Sabbio Chiese Odolo

18.04.2019 Idro Valsabbia

19.04.2019 Vestone

18.04.2019 Vestone Valsabbia

19.04.2019 Sabbio Chiese Odolo

19.04.2019 Valtenesi

19.04.2019 Bagolino

19.04.2019 Casto

18.04.2019 Treviso Bs

18.04.2019 Serle






15 Aprile 2019, 06.46

Racconti del lunedì

Debbo firmare?

di Ezio Gamberini
Da vent’anni Remo Pascutti era il capo del personale di un’azienda con un centinaio di dipendenti, e dopo ciò che accadde in quel venerdì di Pasqua, tutto cambiò per lui…

L’aria era frizzantina, dopo le burrasche che qualche giorno innanzi avevano ripulito l’atmosfera, ma ora il sole cominciava a far sentire i suoi effetti benefici, sia sulla superficie terrestre, sia nell’animo, perciò quel giorno, un Venerdì Santo azzurrissimo e terso, sarebbe stato perfetto per consegnare ai dipendenti, personalmente, uno ad uno, il resoconto delle loro fatiche: il CUD, in altre parole la certificazione dei redditi percepiti l’anno precedente, documento necessario per compilare le dichiarazioni nel caso in cui si volessero detrarre delle spese o si possedessero altre rendite o beni.

Il gran pacco di attestati, che aveva occupato buona parte della sua scrivania, gli era stato consegnato il giorno prima e il dirigente, come ogni anno, l’avrebbe consegnato a ciascun dipendente dell’azienda non tramite una convocazione nel suo ufficio, ma recandosi personalmente nei luoghi dove ognuno svolgeva il proprio incarico.
Era un ottimo sistema per “annusare” l’aria che tirava in azienda, sentire gli umori e, se possibile, comprendere in maggior misura le persone con le quali giornalmente condivideva l’attività lavorativa, e che pensava di conoscere a fondo.

Ma il seguito prova che aveva torto.

Cominciò la distribuzione alle otto, dai magazzini, poco prima che gli autisti partissero con i loro camion carichi di merci.
Ormai la cerimonia si ripeteva da anni, perciò tutti i dipendenti si avvicinavano al capo del personale, scambiavano due parole, firmavano la ricevuta del CUD e tornavano al loro posto.

L’ultimo autista, che non aveva ancora ricevuto il suo documento e stava partendo, si avvide del dirigente quando era già nel piazzale, così bloccò l’autocarro, scese al volo e dopo aver ricevuto il plico gli chiese:

“Debbo firmare?”.

Per Remo Pascutti quel “debbo firmare” pronunciato da Alberto, l’autista più fidato in azienda, fu come una schioppettata, e ci restò quasi secco:

“Debbo firmare… debbo firmare? Ma Alberto, che bella forma arcaica, che finezza… caspita, ma tu sei unico!”, pensò tra sé, piacevolmente stupito.

Mai si sarebbe aspettato una così elegante espressione, e poi “debbo” gli richiamava “babbo”, che ispira simpatia.
Coloro che chiamano il proprio papà “babbo” gli erano sempre parse delle persone gradevoli, gli infondevano fiducia e un senso di rispetto, oltre che d’innata intelligenza.

Ma non era finita, e l’apoteosi fu raggiunta quando Alberto rincarò la dose, dopo aver osservato lo stupore sul viso del suo “capo”:
“Guardi che quando ho fatto la maturità…”, “oh Gesù...la maturità, ha fatto la maturità!”, gemette dentro di sé il dirigente, “… quando ho fatto la maturità – proseguì l’autista – c’erano ancora i sessantesimi, e io sono stato licenziato con cinquantasei sessantesimi!”.

Remo Pascutti restò impietrito, gli balbettò confusamente qualche apprezzamento, perché non voleva manifestare apertamente la tempesta interiore che lo aveva investito, e poi era convinto che, in ogni caso, tra il capo del personale e i dipendenti fosse necessario mantenere un certo “distacco”:

“Ah, complimenti Alberto, non lo sapevo…”, e proseguì nel suo giro, dirigendosi verso il reparto nel quale le merci erano immagazzinate, pronte per essere spedite.

Prima di accedervi, si fermò dietro un muretto per risistemare il suo pacco di documenti, perciò il capo magazziniere non poteva notarlo e sicuramente ignorava la sua presenza, mentre impartiva alcuni ordini ai suoi sottoposti:

“… e per motivi logistici bisogna provvedere ad una diversa e più proficua dislocazione di questo particolare tipo di merci, che soddisfi integralmente le nostre esigenze… ”.

Il capo del personale scosse il capo, incredulo:

Ma qui mi sembra di essere all’Accademia della Crusca, quest’azienda è un pozzo di cultura, e non me ne sono mai accorto!”.

Quanto avvenuto in quella mattina del Venerdì Santo, nell’arco di pochi minuti, aveva dell’incredibile, soprattutto riflettendo sulla natura della piccola città industriosa in cui risiedevano, popolata da trentamila abitanti: la minuscola bibliotechina comunale, sessanta metri quadrati in tutto, aveva in dotazione e poteva offrire in prestito ai cittadini la miseria di duemila volumi, uno ogni quindici abitanti, mentre la laboriosa cittadina contava tremila aziende, tra grandi e piccole, vale a dire una ogni dieci abitanti!

Dopo quel giorno, per Remo Pascutti nulla fu più come prima: gli parve di nascere a nuova vita, o di resuscitare, quasi fosse una Pasqua, e alla fine, dentro di sé, pensò che avrebbe dovuto modificare il suo modo di ragionare e di rapportarsi alle persone, aprendosi alla possibilità che ogni uomo, indipendentemente dall’impressione offerta al primo impatto o il ruolo che ricopre, può sempre riservare sorprese, impreviste e piacevolissime.

Ed ebbe questo pensiero:

“Debbo proprio cambiare testa!”, e rise di gusto al suo “debbo”, che conferiva alla riflessione un’efficacia e un’eleganza straordinarie.

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
15/07/2009 07:00:00
I primi vent’anni della Stip in Trentino L’azienda di Tormini festeggia i primi due decenni della filiale di Saone, nel vicino trentino. Oggi ha 13 dipendenti. L’imprenditore Mario Perlotti fu pastore e musicista.

02/10/2010 07:00:00
Vent'anni di vento Sono trascorsi vent’anni da quando Alfredo Magagnini fondò la Cotrair, azienda gardesana che produce ventilatori, estrattori d’aria, filtri e accessori per condizionamento.

01/05/2017 06:44:00
Mal dei Primitives Toccata e fuga di due giorni a Jesolo, un paio di anni fa. Arriviamo nella località veneta sabato mattina, e dopo esserci goduta la spiaggia tutto il giorno, a sera ci rechiamo sulla “rambla” nostrana, per cercare un po’ di cibo…

05/11/2018 06:57:00
Il mio amico Fabio “Dai, svelto, dobbiamo fumarle tutte e venti, e abbiamo soltanto mezz’ora!”, dissi al mio amico Fabio, vent’anni in due perfettamente ripartiti, essendo coetanei, mentre c’eravamo nascosti al lavatoio sul fiume, una domenica pomeriggio di quasi mezzo secolo fa…

07/02/2008 00:00:00
Dopo vent'anni, la cittadinanza E’ arrivato in Italia vent’anni fa in cerca di lavoro, ligio alla sua cultura d’origine e desideroso di rimanere tale. si è integrato nella comunità che lo ha accolto. Si chiama Mohamed Elwardi ed è un cittadino italiano.



Altre da Racconti del Lunedì
18/03/2019

I finestroni di nonna Lina

“Ma nonna Lina, cosa te ne fai del primo premio della Lotteria, cinque milioni di euro?”

04/03/2019

Una domenica mattina

Potrei starmene in letto, ma non c’è verso: all’alba del dì di festa, di tanto in tanto, mi sveglio anche prima delle sette, allora mi alzo e nella quiete ovattata del villaggio ancora silenzioso comincio a godermi la domenica mattina…

11/02/2019

A rider in the Smoke Valley - Un cavaliere in Val di Fumo

Fatto bollire il riso che servirà per il minestrone di stasera, la nostra pausa pranzo volge al termine, quando Grazia sale a cambiarsi per tornare al lavoro...


21/01/2019

Il porziuncolatore

“Ma che belle porzioncine… sembrano delle porziuncole!”, mi dice Grazia alle sette di mattina, guardando nel piatto in cui ho sezionato alla perfezione il mio toast mattutino, come potete vedere qui a lato. Oggi ha proprio voglia di tirarmi in giro, e quando ci si mette, è davvero irresistibile…  (1)

07/01/2019

La scuola materna San Giorgio

“Dai, smettila di fare lo stupidino e fai il bravo!”, mi disse Grazia quando eravamo alla scuola materna San Giorgio, entrambi cinquenni, facendomi vedere come si dovevano incollare i chicchi di riso sul cartoncino… 

17/12/2018

Re Magi 2.0

Roberto Melchiori avrebbe lavorato anche quel Natale. Turno di notte, dalle dieci di sera della vigilia fino alle sei di mattina, all’ospedale Maggiore della grande metropoli, reparto maternità… (1)

03/12/2018

Il pimpinello

Avrei voluto intitolare questo racconto “Il pistolino”, e ora vi spiego il perché, ma il direttore non me l’avrebbe permesso… (2)

05/11/2018

Il mio amico Fabio

“Dai, svelto, dobbiamo fumarle tutte e venti, e abbiamo soltanto mezz’ora!”, dissi al mio amico Fabio, vent’anni in due perfettamente ripartiti, essendo coetanei, mentre c’eravamo nascosti al lavatoio sul fiume, una domenica pomeriggio di quasi mezzo secolo fa…

08/10/2018

La saggezza di Anouk

Anouk è la cagnolina di nostra figlia Anna. La sua razza, Basenji, di origine africana, è nobile e antica: si può notare dal portamento regale, immortalata accanto ai Faraoni. E’ incredibile come ci si possa affezionare a un “affarino” del genere...
(5)

17/09/2018

Le monete d'oro

Alla mitica “pesca” della Madonna della Rocca compro un biglietto, tolgo il minuscolo elastico che lo avvolge e lo apro. Non credo ai miei occhi: “Hai vinto 500.000 euro!”, e la Fabiana me li dà subito: tre sacchi di monete d’oro da cinque o sei chili l’uno!…  (1)

Eventi

<<Aprile 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia