Skin ADV
Venerdì 24 Marzo 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Sale la nebbia

Sale la nebbia

di Michele Panzera



22.03.2017 Vestone Valsabbia

22.03.2017 Agnosine

23.03.2017 Valsabbia

24.03.2017 Sabbio Chiese Prevalle

23.03.2017 Prevalle Valsabbia

22.03.2017 Valsabbia Provincia

22.03.2017 Bagolino Gavardo Odolo Vallio Terme Preseglie Pertica Alta Roè Volciano

24.03.2017 Gavardo Villanuova s/C

22.03.2017 Valsabbia Provincia

24.03.2017 Casto



13 Marzo 2017, 07.35

Racconti del lunedì

L'anno che verrà

di Ezio Gamberini
Dopo aver introdotto i cento lire nel jukebox digitavo J3, il braccio meccanico si attivava per andare a pescare il 45 giri prescelto e in pochi secondi potevo ascoltare “L’anno che verrà” di Lucio Dalla…
 
Così tutte le sere, per un anno, nello spaccio della caserma che a Caluri di Villafranca, all’interno dell’aeroporto, ospitava i centocinquanta militari di leva appartenenti al corpo dell’Artiglieria Contraerea.
Oddio, non che patissi troppo la malinconia, poiché ero tra i fortunati che, se lo avessero voluto, e in realtà succedeva spesso, abitando a poco più di cinquanta chilometri da casa, riuscivano nel tempo della libera uscita, dalle diciotto alla mezzanotte, col permessino di un’ora, a salutare la propria morosa e poi tornarsene in caserma.
Tutto ciò grazie alla mitica “cinquecento L” che i miei mi avevano permesso di utilizzare. 

Ma l’ascolto di quella canzone suscitava in me qualcosa di struggente, pensavo a quando avrei finito l’anno (di naja!), a cosa avrei fatto, soprattutto al futuro che aspettava Grazia e me, insieme.

Non trascorse molto tempo, perché un anno dopo aver terminato il servizio militare, era il mese di settembre, ci sposammo, e quest’anno festeggeremo il trentaseiesimo anniversario di matrimonio. 

Un paio di “brutte botte”, hanno cercato di ostacolare questo viaggio: a me nel duemilaotto, quando fui colpito da due infarti e a Grazia nel duemilatredici, quando subì un pesantissimo intervento che però, grazie al cielo, è stato risolutivo; ma siamo ancora qua, e a giugno potremo gioire per la nuova famiglia che si formerà con il matrimonio del nostro primogenito.

La scintilla che mi ha indotto a scrivere questo racconto è scoccata l’altro ieri, sabato, quando al palazzetto dello sport di Puegnago del Garda si è disputata la gara di ginnastica artistica “Trofeo Dafne”, la società presieduta dalla nostra figliola Annina.
Le gare cominciano alle due del pomeriggio e si protraggono fino a tarda sera (sabato sono terminate alle otto e un quarto!), perché le atlete si alternano in base alle categorie e i livelli, perciò gli spalti sono sempre gremiti da centinaia di genitori e parenti che si scambiano il turno ogni ora e mezzo-due.

Gli unici che sono stati fissi al loro posto per tutta la durata della manifestazione, insomma, siamo stati Grazia ed io!
Vedere le bambine che si cimentano nella competizione, specialmente quelle di cinque-sei anni, è davvero piacevolissimo, e poi nelle premiazioni finali è trionfale l’entrata che fanno i gruppi con i portabandiera che innalzano i cartelloni delle rispettive sedi: sembra di assistere alla cerimonia di apertura delle olimpiadi; là vedi scorrere le bandiere del Giappone, India, Brasile, Olanda, Honduras… qui invece i cartelloni riportano le località di Sabbio, Gavardo, Treviso, Puegnago, Nuvolento.

Ed è proprio durante la cerimonia di premiazione che scorgo Grazia fissare la piccola portabandiera di un gruppo: la scruta a lungo e poi afferma:

“L’ha saltata!”.

Quando tutte le atlete si schierano, sono fatte le premiazioni con i riconoscimenti alle prime tre per ogni specialità (corpo libero, trave e volteggio) e per la classifica generale, ma preventivamente a ogni atleta è infilata al collo una medaglia che ricorda la partecipazione all’evento; operazione che le assistenti devono svolgere alla svelta, trattandosi di decine e decine di atlete a ogni tornata!

 “L’ha saltata, vado ad avvisarla!”, ripete Grazia, e scende dalle tribune, in direzione di un’assistente che è vicina al pubblico.

Guardo la piccola portabandiera: no, al collo non ha niente, a differenza di tutte le altre atlete schierate.

L’assistente, avvisata da Grazia, corre a prendere una medaglia e la mette al collo della bimba, che si scioglie in un sorriso.

Non so cosa mi prende (e ho la consapevolezza di correre il rischio di essere deriso), ma al gesto di Grazia io mi commuovo, e mi convinco sempre più di dover ringraziare il cielo per avermi permesso di sposare una donna così sensibile, e forte, generosa, altruista.

E non voglio aggiungere altro, perché le parole non riuscirebbero sufficientemente a dare il senso di quello che provo per lei.

Quando assistiamo alla separazione di qualcuno che conosciamo, Grazia mi dice burbera:
“Non fare lo scherzo di andartene con un’altra, perché io vengo a riprenderti!”.

“Ma dove vuoi che vada, a tribolare, magari con una più giovane? Tingermi i due capelli che mi sono rimasti? Avere a che fare con una che non mi conosce come te? Fare brutte figure? Ma va là!”, le ribatto.

Giovani e belle non deve temerle (anche perché alle giovani e belle sicuramente del sottoscritto non gli frega un accidente).
Però, una anche vecchia, racchia, brutta, ma ricchissima sfondata, magari…

Vuoi mettere, alzarti una mattina e dirle:

“Cara, che ne diresti se facessi stampare tutti i libri di Giovannino Guareschi in foglia oro, magari con copertine foderate di Swarovski? La spesa è soltanto di ventiduemilacinquecento euro!”
.

“Certo caro…”.

E un’altra mattina, magari, proporle:

“Senti cara, perché oggi non andiamo a mangiare una fiorentina innaffiata da un buon Brunello? Dai prendiamo l’elicottero e andiamo in riva all’Arno. Ci costerà soltanto sette-ottomila euro…”.

“Certo caro…”.

E la terza mattina, colpito dai sensi di colpa, suggerirle:

“Cara, perché oggi non adottiamo a distanza duecento bambini africani? Dai sono soltanto trentaseimila euro l’anno!”.

“A distanza, caro? Ma facciamo quattrocento…”.
 
No Grazia, per carità, scartiamo anche la ricca sfondata; resterò sempre con te, perché è con te che voglio affrontare il futuro.
Insomma, il trentaseiesimo anno di matrimonio che sta arrivando, tra un anno passerà; io mi sto preparando, è questa la novità.
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/05/2015 07:00:00
Un amico straordinario Dopo aver cenato ci sediamo sul divano, e comincio a parlare. Tu mi ascolti, mi ascolti, senza interrompermi mai. Che rabbia mi fai venire! Sei fin troppo accomodante…

31/12/2015 10:02:00
Un videoclip per il nuovo anno Partecipa anche tu all'esperimento di vallesabbianews: la realizzazione di un video che riprende il momento magico del passaggio da un anno all'altro. Inviaci il tuo video di pochi secondi


23/05/2008 00:00:00
In scena «Sahrawi-Un deserto da ascoltare» Proseguono le iniziative di festeggiamento dei trent'anni del gruppo scout Gavardo 1. Venerdì alle 20.30, nel Parco Noventa, verrà messo in scena lo spettacolo «Sahrawi-Un deserto da ascoltare», allestito insieme alla onlus «Mandacaru 2» .

07/01/2015 09:10:00
Open Day al Cfp di Villanuova Giovedì 8 e lunedì 19 gennaio il Centro Formativo Provinciale “Giuseppe Zanardelli” di Villanuova apre le porte per presentare i propri percorsi formativi in vista delle iscrizioni per il prossimo anno scolastico

08/12/2014 06:35:00
Mai più il pennello L’avevo giurato: “Mai più il pennello!”, dopo il tour de force di qualche anno fa che mi vide impegnato a dipingere cancelli e ringhiere della nostra abitazione, dalle sei del mattino alle dieci di sera di un sabato estivo...



Altre da Racconti del Lunedì
27/02/2017

Trappist-1 e l'Isola Misteriosa

Scoperti sette pianeti simili alla terra che ruotano attorno a una stella nana! Si chiamano: Eolo, Pisolo, Mammolo, Brontolo, Dotto, Gongolo e Cucciolo…

06/02/2017

L'addestratore di galline

E’ veramente incomprensibile come certe notizie sconvolgenti non procurino l’adeguato sdegno nell’opinione pubblica

23/01/2017

Il signore dai capelli bianchi

Mi reco alla ferramenta per duplicare una chiave, la lascio all’amico B. e gli comunico che passerò più tardi a ritirarla…

09/01/2017

La rumba

La Rumba è un ballo di origine sudamericana in cui i danzatori si scatenano a un ritmo indiavolato. Ma questa è un’altra faccenda...

19/12/2016

Un Natale movimentato

“Vó si vecc”, gli diceva ogni volta in cui lo visitava per vendergli le elegantissime confezioni che avrebbero contenuto i preziosi gioielli della sua oreficeria...

08/12/2016

Porte aperte alla scuola dell'Infanzia

La scuola dell'Infanzia statale di Roè Volciano propone degli open day per genitori e bimbi per far conoscere la struttura e la proposta didattiche. Il primo questo sabato 10 dicembre

28/11/2016

Il centro scommerciale

Per impossessarsi del carrello era necessario inserire una banconota da cinquecento euro, poi si entrava ed era possibile acquistare tutto ciò che si desiderava con uno sconto del tre per cento. Che occasione!

31/10/2016

Fà mia el Mulino Bianco, va là!

Venerdì mattina, non sono ancora scoccate le sette, esco dal bagno e la raggiungo mentre sta bevendo succo di limone mescolato con acqua tiepida, che fa scorrere dal lavello in cucina sul quale è appoggiata... (1)

17/10/2016

Il Belpaese, Guglielmo Tell e la Perfida Albione

C’erano una volta un italiano, uno svizzero e un inglese. No, non è una barzelletta, ma oggi parliamo di loro…

30/09/2016

«Pacem in terris, Costruiamo il futuro»

Il primo appuntamento della rassegna “Altri Sguardi. Teatro in Valle Sabbia” porta questo sabato 1 ottobre a Sabbio Chiese Lucilla Giagnoni, una tra le attrici più amate a Brescia

Eventi

<<Marzo 2017>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia