Skin ADV
Lunedì 18 Giugno 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Specchi riflessi

Specchi riflessi

di Renato Sorice



16.06.2018 Sabbio Chiese

17.06.2018 Sabbio Chiese Bagolino

18.06.2018 Vestone

18.06.2018 Sabbio Chiese Bagolino Valsabbia

16.06.2018 Vobarno Valsabbia Garda

17.06.2018 Gavardo

17.06.2018 Casto Valsabbia

16.06.2018 Gavardo

17.06.2018 Gavardo Valsabbia

16.06.2018 Anfo





18 Giugno 2018, 05.46

RAcconti del Lunedì

La tintoria

di Ezio Gamberini
La signora Maria considerò come un miracolo, il nuovo colore dei pantaloni di Adelmo, l’amato marito, anche se burbero e scontroso. Osvaldo, il padrone della tintoria, era proprio un mago nella sua arte…

...Il vero miracolo avvenne però quando il marito li indossò per la prima volta: all’improvviso, da sgarbato e scortese, divenne gentile e premuroso, tutto miele e moine nei confronti della moglie, che non credeva ai suoi occhi. Le fece dei complimenti che non le rivolgeva da anni, era carino e amabile.

Cos’era successo? 

La tintoria dell’attempato Osvaldo era accanto alla torre civica, nel centro del paese, e tutti lo conoscevano e apprezzavano per la sua semplicità e benevolenza.
Con i clienti poi, specialmente di sesso femminile, era di una cortesia squisita, che generava empatia sin dal primo incontro.

Capitava così che, lava una camicia oggi, tinteggia un paio di pantaloni domani, soprattutto le signore lo consideravano come un fratello, e finivano per confidargli pene e delusioni, dispiaceri e dolori, crucci, tormenti, sospetti, dubbi, angosce, inquietudini; cosicché Osvaldo, per ogni problema, infilava nella lavatrice l’additivo appropriato a ogni caso, che conservava in fialette trasparenti sotto il bancone, e trattava in questo modo gli indumenti che appartenevano ai congiunti delle “sventurate”.

Si trattava di una serie di fialette, contenenti polverine di vari colori, che aveva ereditato da suo padre, e da generazioni i suoi avi si tramandavano il prezioso e stupefacente tesoro.

Così la signora Maria poté rallegrarsi per il marito, mentre la signora Brunella, che in un momento di debolezza aveva confidato a Osvaldo tutte le sue preoccupazioni per il figlio che aveva dilapidato una fortuna al gioco, quando gli fece indossare la giacca che aveva appena ritirato dal bottegaio, rimase incredula nel vederlo dichiarare di volerla smettere con quella vita, riuscendo a mantenere la parola!

Anche Silvana, la giovane mamma di un bambino simpatico e vivace, il cui consorte ormai da qualche tempo non faceva che ubriacarsi, da quando aveva perso il lavoro, assistette a una vera trasformazione del marito, dopo che quest’ultimo indossò il giaccone fresco di tintoria, riconsegnatole da Osvaldo con un sorriso.

E pure Rebecca rimase stupita nel vedere improvvisamente rinsavito il suo fidanzato che, dopo aver indossato la camicia appena ritirata dalle mani del mite esercente, non si azzardò più a toccare “roba” di alcun tipo, e in modo permanente.

Osvaldo ascoltava, ascoltava, e poi meditava, a lungo, e secondo i casi aggiungeva ai capi d’abbigliamento un particolare tipo di polvere. Ne bastava qualche granello, una dose infinitesimale, insomma.
La cosa incredibile è che mai nessuna cliente si fece domande sulle cause dei repentini miglioramenti dei rispettivi congiunti: non furono mai sfiorate dal dubbio che la ragione fosse da imputarsi all’indossare gli indumenti lavati o tinti nel suo negozio.

E mai nessuno venne a saperlo.

Gli anni passavano, e le cose cambiarono.
Pareva quasi che tutte le norme e i regolamenti fossero stati scritti apposta per far scomparire qualsiasi attività commerciale di dimensioni ridotte. Solo i pachidermi sopravvivevano, fino a quando un nuovo mastodonte ancora più gigantesco, appropriandosi di tutto il nutrimento disponibile, non ne provocava l’inevitabile estinzione.

Osvaldo era stanco e vecchio, senza alcun figlio cui poter affidare ciò che aveva ereditato da suo padre.
L’ultimo giorno in tintoria, prima di chiuderla per sempre, prese tutte le fialette piene di polverina colorata, che teneva sotto il bancone, le aprì e ne versò il contenuto nelle acque del fiume che scorreva proprio accanto al negozio.

Ci avrebbe pensato lui, con le sue onde impetuose che avevano anche la capacità di distruggere ogni cosa, o, al contrario, per mezzo del placido scorrere di acque talvolta cristalline, a dispensare ciò che gli era più caro, senza regole, spargendo i preziosi frammenti in ogni luogo, per beneficiare chiunque avesse avuto soltanto il desiderio di riceverli, la speranza di poterli apprezzare e, alla fine, la grandezza per rallegrarsene, senza chiedersi un perché.

Ezio Gamberini


Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
09/02/2013 07:00:00
La vita spericolata della signora Maria Paola Rizzi porta in scena questa sera nel teatro parrocchiale di Agnosine il suo personaggio tanto amato dal pubblico in un nuovo episodio ambientato nel corso di un viaggio a Roma.

10/04/2015 10:57:00
Il meglio della Signora Maria Sabato sera al teatro "La Rocca di Sabbio Chiese, lo spettacolo “Tutta colpa del Piero”, con i divertentissimi episodi delle avventure della Signora Maria, portati in scena da Paola Rizzi e dal Teatro Gavardo

09/08/2017 14:47:00
Un lungo weekend di teatro, arte e musica È stato rinviato a sabato lo spettacolo con protagonista la Signora Maria, inizialmente in calendario per questo mercoledì a Noffo di Pertica Alta, uno degli appuntamenti del ricco fine settimana preferragostano

26/03/2012 12:59:00
Tapascio Bombatus – Sedicesima puntata Sono le nove di un martedì mattina luminoso ed assolato. Una signora telefona al marito. Risponde la segreteria telefonica e Mary tra i singhiozzi lascia un messaggio...

02/10/2016 09:41:00
Il colore rosso Si pensa che i colori sulla tavolozza di un pittore si limitino ai pochi indispensabili, che essi siano già pronti all'uso nei tubetti confezionati e che, per ottenere il verde, basti far sposare nella giusta armonia il rosso e il blu



Altre da Racconti del Lunedì
04/06/2018

L'influencer

Io pensavo che l’influencer fosse una brutta malattia, e invece si tratta di una persona in grado di condizionare, influenzare, soprattutto attraverso i social e i media in generale…

21/05/2018

Racconto per telepatici

Questo è un racconto per telepatici… (1)

07/05/2018

Quest'anno niente Nobel

Nooooooo! Per il Maestro John e il sottoscritto nessuna possibilità di vincere il premio Nobel per la Letteratura, quest’anno, infatti, nel 2018 non sarà assegnato!

23/04/2018

La sindrome di Capitan Uncino

Grazia una mattina mi fa vedere il braccio sinistro. Lo alza, solleva la manica e, sorridendo sorniona, si batte sul polso, dove dovrebbe esserci l’orologio, ma non c’è!…

09/04/2018

Potenza di un vanghetto

Tu dalle in mano un vanghetto, due fiorellini, un metro quadrato di terra e non sai più neanche di averla. Trascorrono ore, ma lei sembra non accorgersene!...

26/03/2018

Una previsione sbagliata

Avevo otto anni quando il mio maestro mi disse, esasperato: “Tu da grande sarai un delinquente!”. Ed io gli risposi, altrettanto furibondo: “E lei sarà il primo che ammazzerò!”(3)

12/03/2018

Buone notizie

Soltanto da pochi giorni è terminata la “sbornia elettorale”, ma le buone notizie apprese in questa settimana m’invogliano a parlare solo di queste ultime…

19/02/2018

Mozart fa russare?

Possibile che il grande, l’immenso Wolfang Amadeus Mozart, considerato trai i più grandi geni della storia della musica, faccia russare? Lo scopriremo alla fine del racconto…

05/02/2018

Due minuti di ritardo

“Due minuti di ritardo, si dimette il ministro Bates. Facce incredule: è shock alla Camera dei Lord. Bates, dopo le scuse, ha preso le sue carte e lasciato l’aula”...

22/01/2018

Un altro sabato del villaggio

Con Grazia a cena parliamo di tutto e questo sabato sera il discorso, a un certo punto, scivola sulle mogli di due presidenti notissimi, uno attuale, e uno ormai ex, anche se per molti continua a essere «"Il" Presidente»… (1)

Eventi

<<Giugno 2018>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia