Skin ADV
Venerdì 24 Marzo 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

Valerio Corradi, sociologo territorialista, nell'ambito di progetti europei, nazionali e locali si occupa di modelli di sviluppo locale; innovazione organizzativa e formazione al lavoro; buone pratiche di qualità della vita e bilanci di sostenibilità sociale.  

Tra le sue pubblicazioni:
Per uno sviluppo locale sostenibile (Milano, 2009);
Le incerte vie della sostenibilità (Milano 2011);
Nuove società urbane (Milano, 2013);
Solo chi sogna può volare (Mantova, 2016)
Il blog si propone di riflettere su alcuni temi emergenti che rendono evidente l’intreccio tra spazio dei flussi e spazio dei luoghi ovvero tra globalismo e localismo.
In un quadro segnato da crescenti squilibri sociali, effetti ecologici negativi, crisi di sviluppo, ma anche da nuove opportunità di “crescita” e da forme sociali emergenti diventa fondamentale saper coniugare l’azione locale con un modo di pensare globale.

MAGAZINE


LANDSCAPE



14 Marzo 2017, 08.30

Glocal

Il ritorno degli eremiti nelle valli bresciane

di Valerio Corradi
Il ricordo dell’incontro con un eremita avvenuto in un caldo giorno della scorsa estate, in una località sul Garda, offre lo spunto per provare a sviluppare qualche riflessione su questa scelta radicale

Si stima che in Italia siano attualmente presenti circa 300 eremiti che si rifanno alla spiritualità cristiana a cui si aggiungono numerose persone che vivono in solitudine seguendo tradizioni o proposte religiose diverse. Un numero che è andato crescendo negli ultimi anni. Nel territorio bresciano gli eremiti diocesani, ovvero riconosciuti e collegati all’autorità episcopale, sono 5 e vivono in solitudine in località di montagna poco popolose e in edifici semi-abbandonati tra l’alta Valle Sabbia, l’alto Garda e la Valle Camonica

Si tratta di persone che con la loro radicale scelta di vita danno testimonianza di un modo di vivere dedito alla preghiera, alla solitudine e alla contemplazione che oggi, ai più risulta, difficile da comprendere, da apprezzare e che spesso viene apostrofato in maniera ironica o comunque frettolosa.

L’eremita, all’inizio del 21° secolo, è una provocazione e, al tempo stesso, uno stimolo per una società che sembra essere immersa in un flusso continuo di immagini, di distrazioni, in un perpetuo brusio di suoni e che sembra aver smarrito il senso dello stare insieme e delle stare in solitudine oltre che la capacità di guardare con speranza oltre l’immanenza. 

Per qualcuno gli eremiti sono l’incarnazione dopo-moderna di una fuga dal mondo per altri, più prosaicamente, dei misantropi patologici. Tuttavia, per un eremita questo ritiro non è inteso come una fuga ma piuttosto come un andare incontro a qualcosa di più grande e soddisfacente. La ricerca di una vita di raccoglimento, di contatto con la natura e di meditazione costituisce la molla che spinge verso una dimensione di vita prettamente spirituale che cerca l’incontro con l’Altro su nuove basi. Inoltre, la presenza di un eremita, quando nota, alimenta l’interesse di persone che vogliono interagire con questa figura e trarre da essa conforto e consigli.

Come mostrato da recenti ricerche, l’eremita non disprezza il mondo sociale tanto che spesso viene da esperienze di vita (precedenti la sua scelta e non rinnegate) appaganti e di successo nelle quali la relazione con l’altro era fondamentale. La decisione è quindi assunta, nella maggior parte dei casi, con consapevolezza e maturità e non necessariamente porta a troncare i rapporti precedenti.

Forse quello che oggi gli eremiti
possono maggiormente insegnarci è l’esigenza di recuperare un’attenzione per la vita interiore e per la contemplazione. Ci suggeriscono inoltre di tornare all’emozione profonda del sentirsi parte di un disegno più ampio che ricorda che gli uomini non sono isole e non possono dirsi indifferenti all’altro, alla natura e al tutto cui appartengono.
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/05/2016 10:05:00
In cosa credono i giovani di oggi? Giovani e religione. Cattolici, agnostici, cristiani senza altro specificare, atei oppure credenti in entità trascendenti? Alcune indicazioni arrivano da una ricerca condotta sul Garda


05/11/2016 10:38:00
Beni confiscati, situazione allarmante C’è scarsa consapevolezza della diffusione del fenomeno mafioso tra il lago di Garda e le valli bresciane. I dati sui beni confiscati mostrano un quadro preoccupante

04/08/2009 13:00:00
Un piano di sviluppo per il territorio La Regione ha approvato il nuovo Piano di Sviluppo Locale del Gal Garda Valsabbia. Interventi per quasi 6.000.000 di euro con un contributo Leader di circa 5.000.000 di euro per 21 comuni tra l'Alto Garda Bresciano e l'alta Valle Sabbia.

19/06/2016 08:50:00
I numeri del Non Profit valsabbino Anche per il territorio della Valle Sabbia appare evidente il fondamentale ruolo svolto dal settore Non Profit, il cui peso economico ed occupazionale è in aumento

26/08/2015 14:51:00
L'ippovia «azzoppata» Il percorso dedicato a cavalli e cavalieri, nato per collegare il Garda con il Tonale, risulta impraticabile per delle interruzioni nella zona dell’alta Valsabbia. Una grande delusione per gli amanti delle escursioni a cavallo e fra chi aveva creduto all’iniziativa



Altre da Glocal
21/02/2017

Profughi: modello camuno anche in Valle Sabbia?

La recente proposta della Prefettura di Brescia ai comuni valsabbini insiste sull’opportunità di riproporre il modello d’accoglienza della Valle Camonica. Ma quali sono i capisaldi del sistema camuno? E può davvero essere replicato in Valle Sabbia? (7)

19/02/2017

Giovani e crisi d'esperienza

“I Care” scriveva sulla lavagna della sua canonica Don Milani. Egli voleva che i suoi allievi sviluppassero un interesse profondo per le questioni della vita e per tutti i problemi circostanti. E oggi?

16/02/2017

«Sankara... e quel giorno uccisero la felicità»

Un’opportunità per conoscere la figura del rivoluzionario africano ma anche per interrogarsi sul presente e sul futuro dell’Africa quella offerta per questo sabato sera a Roè Volciano


03/02/2017

La propensione ad investire dei comuni valsabbini

Negli scorsi anni, quali sono stati i comuni valsabbini che hanno investito di più per sviluppare il proprio territorio con progetti pubblici a lungo termine? Vediamo cosa dicono i dati dei bilanci comunali (1)

27/01/2017

Bilanci comunali virtuosi, al primo posto c'è Casto

Qual è la situazione dei bilanci dei comuni valsabbini? Un indice elaborato da Anci Lombardia e Regione cerca di misurare chi ha il bilancio più sostenibile (8)

23/01/2017

La «religione» dei consumi

Quanti sono i supermercati e gli ipermercati della provincia di Brescia? La diffusione di centri per la grande distribuzione commerciale è un fenomeno che tocca solo il bresciano? Quali sono i risvolti socio-culturali? (4)

Eventi

<<Marzo 2017>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia