Skin ADV
Mercoledì 21 Agosto 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827


20.08.2019 Roè Volciano

19.08.2019 Valsabbia

20.08.2019 Storo

19.08.2019 Val del Chiese

19.08.2019 Vobarno

20.08.2019 Lavenone

19.08.2019 Storo

20.08.2019 Mura

20.08.2019 Vestone

20.08.2019 Valtenesi






06 Agosto 2019, 07.00

Blog - Genitori e figli

Compiti per le vacanze? Forse serve altro!

di Giuseppe Maiolo
Puntualmente, di questi tempi, ritorna l’annoso interrogativo: servono ai figli i compiti scolastici da fare durante l’estate?

Molti li ritengono inutili o decisamente sbagliati. Altri invece sono favorevoli perché pensano che l’inattività prolungata possa far dimenticare tutto quello che è stato appreso nel corso di un intero scolastico. Posizioni diverse, forse entrambe valide. 
 
Ma il problema vero sta nel pensare alle vacanze come a un tempo utile, se non necessario, per riequilibrare il corpo e la mente e organizzarlo come tale per i figli. Lasciare che compiti ed esercitazioni scolastiche siano lavori della scuola, vuol dire far sì che in estate si sviluppino altre occupazioni.

Nella maniera più assoluta non significa consentire ai bambini e agli adolescenti di restare perennemente attaccati ai loro smartphone, al contrario significa regolamentarne l’uso e negoziare i tempi di utilizzo, soprattutto con i teenager. Non è sufficiente affermare l’importanza che “togliere i cellulari ai bambini è un atto di amore per la loro creatività”. Il bell’articolo comparso su un sito molto letto, ha raccolto una notevole quantità di consensi, ma ha ribadito la fondamentale necessità che siano i genitori per primi ad essere creativi e capaci di dare il buon esempio suggerendo ai figli occupazioni alternative e attività altrettanto utili allo sviluppo di relazioni.  
 
L’estate con le sue giornate lunghe, lunghissime, potrebbe essere il tempo prezioso in cui si recuperano i rapporti, e prima di tutto quelli familiari, che durante l’anno sono stati frettolosi e sincopati, limitati per diversi motivi tra cui gli impegni lavorativi e scolastici. Serve immaginare che i veri “compiti” da fare siano quelli di tutta la famiglia, la quale può finalmente dedicarsi un po’ più tempo e attenzione.

In fondo è la stagione in cui i genitori, compatibilmente con i loro impegni, si possono sforzare di organizzare momenti in comune con i figli e attività ricreative e divertenti da fare insieme. È il tempo che permette di sviluppare relazioni reali da affiancare a quelle virtuali che tutti, ma proprio tutti e non solo le nuove generazioni, sviluppano con la sempre più intensa frequentazione dei social. Ma è anche il periodo in cui in famiglia è più possibile un’attenzione reciproca che permette il miglioramento dell’ascolto e della comunicazione.
 
Di questo c’è davvero necessità. Perché più che di compiti scolastici serve fortificare i legami familiari e migliorare le relazioni. Serve a tutte le famiglie e in particolare può essere importante per i genitori separati che in questo periodo possono avere a disposizione un tempo non frammentato di convivenza che offre maggiore vicinanza fisica e affettiva.
 
E poi un’estate libera dai compiti scolastici, potrebbe essere un’occasione unica per stimolare i figli alla lettura di libri visto che è un’attività sempre meno praticata. Richiede ovviamente che siano i genitori per primi a dare l’esempio, in quanto l’amore per la lettura si comunica leggendo.

Infine c’è un’ultima opportunità da suggerire ai ragazzi liberi da quei doveri scolastici che appaiono superati. Si tratta di proporre loro una qualche esperienza lavorativa o di cooperazione ben selezionata. Molto di più di oggi, un tempo peraltro non lontano, gli adolescenti venivano spinti a confrontarsi con il mondo del lavoro. Quella reale esperienza di “bottega”, di solito serviva a comprendere il valore dell’impegno lavorativo e permetteva ai ragazzi di verificare cosa si sapeva o non si sapeva fare.
 
Giuseppe Maiolo
Università di Trento
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
29/07/2019 10:10:00
Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

30/07/2014 12:00:00
Come aiutare i nostri ragazzi a fare i compiti Lo studio e i compiti a casa dei nostri figli rappresentano spesso un problema per noi genitori, tanto che a volte diventano perfino un fertile territorio di scontro. Quali gli atteggimenti da adottare


19/06/2010 07:00:00
Vacanze coi compiti, ma senza libri I docenti della scuola media di Agnosine, venendo incontro ad una richiesta da parte dei genitori, hanno deciso di non suggerire l'acquisto di libri per l'estate.

22/07/2019 09:30:00
In vacanza con i figli
Andare in vacanza è sempre piacevole, ma oggi andarci con i figli richiede un’attenzione e una programmazione particolare, se non si vuole che l’agognata vacanza si trasformi in stress


31/07/2015 07:54:00
Genitori separati, vacanze difficili? In questo periodo si compie il rito della vacanza e per la gran parte dei genitori è l’occasione per uscire dagli schemi quotidiani e stare con i figli un tempo meno convulso e frenetico...



Altre da Genitori e Figli
29/07/2019

Genitori separati e vacanze coi figli

Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

22/07/2019

In vacanza con i figli

Andare in vacanza è sempre piacevole, ma oggi andarci con i figli richiede un’attenzione e una programmazione particolare, se non si vuole che l’agognata vacanza si trasformi in stress


15/07/2019

Gli adolescenti, l'estate, l'amore

L’estate, per tutti è sinonimo di vacanza e di svago, di vita all’aria aperta. Per gli adolescenti ancora di più 

08/07/2019

Se un adolescente mente

Inventarsi una storia o farsi un film e mentire alla grande, in adolescenza ci sta. Eccome! Perché, come dice Gustavo P. Charmet, “I ragazzi che sostengono di dire sempre la verità ci devono preoccupare”

01/07/2019

I fatti di Bibbiano. Dalla violenza alla violenza?

Quando un amico e collega, qualche sera fa mi segnala la notizia appena diffusa dalle agenzie di stampa sui fatti di Bibbiano in provincia di Reggio Emilia, la mia reazione non è solo di sorpresa ma di totale sconcerto (1)

24/06/2019

WhatsApp, adescamento e pedopornografia

Stiamo perdendo la percezione del rischio. I bambini e gli adolescenti ne hanno poca o niente, ma questo è fisiologico. Gli adulti, invece, se poco competenti sulle nuove tecnologie digitali, sembrano sottovalutare i pericoli provenienti anche dall’utilizzo di un sistema di messaggistica come quello di WhatsApp, considerato sicuro

16/06/2019

Educare al fallimento

Tempo di bilanci per la scuola. Ma anche tempo di sofferenze per chi si aspettava risultati diversi, per chi ha debiti formativi da recuperare o addirittura viene bocciato.

10/06/2019

La disperazione infinita di Noa

Il gesto di Noa turba e sconvolge la coscienza collettiva. Genera sempre un’angoscia infinita la morte precoce di un adolescente, soprattutto quando si tratta di suicidio e nasce dalla caparbia determinazione di una ragazzina di 17 anni che ha rincorso da tempo il suo progetto

03/06/2019

Nuovi adolescenti, la comunicazione del dolore

“La nostra gioventù ama il lusso, è maleducata, se ne infischia dell’autorità e non ha rispetto per gli anziani”. Sembra uno di quei giudizi che pronunciamo un po’ tutti ogni qualvolta incontriamo adolescenti maleducati e offensivi. Invece questa frase la scriveva Socrate nel 470 a. C.

27/05/2019

Che bello lo sballo!

Se c’è una paura che hanno oggi i ragazzi è quella di essere vulnerabili. Non fragili, perché si sentono supereroi, ma deboli e incapaci di farcela, ad esempio nei confronti di un dolore

Eventi

<<Agosto 2019>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia