Skin ADV
Venerdì 24 Novembre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE






02 Novembre 2017, 11.00
Casto
Blog - Ecomuseo di Valle Sabbia

Il Sant'Antonio Abate del Moretto

di Emanuele Busi
Ho inaugurato questo blog parlando del meraviglioso dipinto morettiano di Paitone. L’articolo di oggi tratta di un’altra importantissima opera dell’artista bresciano, il Sant’Antonio Abate ubicato ad Auro

Casto è un Comune che fa del paesaggio circostante il suo punto di forza: immerso nella natura, è una delle mete predilette per gli amanti della natura e del trekking. In questo paesino è conservata forse l’opera più preziosa del panorama artistico valsabbino: la tela raffigurante Sant’Antonio Abate, opera del Moretto.
 
Quest’opera fu commissionata dopo che, il primo agosto 1527, secondo la tradizione, la Madonna, presso i monti di Auro, frazione di Casto, apparve al pastore Bartolomeo Silvestri, storpio ad un braccio e ad una gamba, guarendolo. Quattro anni dopo si ottenne la licenza, da parte del Vescovo di Brescia, di costruire un santuario sul terreno donato dal miracolato, dedicato a ‘Santa Maria della Neve’. 
 
La profonda devozione che legava gli abitanti a questo luogo fece sì che tra i fedeli più benestanti sorgesse una sorta di “gara” per commissionare opere sempre più importanti. 
 
Per quanto riguarda il Sant’Antonio Abate, il committente dev’essere probabilmente stato Donato Savallo, originario di questi luoghi, arciprete del Duomo di Brescia a partire dal 1524.
 
Il tema iconografico di questa tela era molto sentito dagli abitanti del Savallese, in quanto questo Santo taumaturgo era invocato contro le malattie che potevano colpire uomini e animali da fattoria (cosa assai nefasta per la società agreste valsabbina dell’epoca), come sta a dimostrare il porcello in basso a sinistra del quadro; inoltre era considerato il protettore contro le presenze malefiche che si credeva infestassero i monti circostanti.
 
La tela è databile tra il 1530 e il 1535. In essa la scena è dominata dal Santo - seduto su di un trono e vestito di ricchi paramenti - che, con sguardo severo, tiene in una mano il bastone pastorale, nell’altra, fiamme vibranti simbolo della malattia della quale è guaritore, l’herpes zoster, detto volgarmente “fuoco di sant’Antonio” appunto.
 
In questo dipinto, come osservato per la prima volta da Roberto Longhi, Moretto non utilizza la vecchia prospettiva tipicamente quattrocentesca ma si serve di nuovi effetti di illusionismo intenso, tipicamente lombardo, ottenuto tramite un’illuminazione più radente e grazie a forme che fuoriescono dal tracciato del quadro (come dimostra il porcellino nero sul primo scalino a sinistra).

Il realismo aggressivo e la violenza gestuale dominano dappertutto; ciò può essere la risposta ai dettami di una committenza legata al mondo rurale.
 
 
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
27/02/2007 00:00:00
Sant'Antonio Abate chiede aiuto A Casto la parrocchiale «ferita» dagli oltraggi del tempo e in parte anche dal terremoto è ormai quasi guarita. Ma dei 111.153 euro (più Iva) necessari, per Sant’Antonio Abate servono ancora 39.766 euro.

20/01/2008 00:00:00
Sant'Antonio abate, festa in musica Come di consueto, il Concerto augurale di Sant’Antonio Abate della banda musicale di Casto si terrà oggi, nella palestra delle scuole medie, a partire dalle ore 17.

14/01/2017 13:29:00
Belprato in festa per Sant'Antonio Abate Sarà festeggiata questa domenica nella frazione di Pertica Alta la ricorrenza del patrono degli animali da allevamento, a cui è dedicata la chiesa parrocchiale

19/01/2015 09:55:00
Sant'Antonio di Agrone La chiesa di Sant’Antonio Abate è stata restaurata e ad Agrone, frazione di Pieve di Bono, il giorno del patrono è tornata ad essere affollata di gente

14/01/2007 00:00:00
Una festa che vale doppio Oggi a Casto si festeggia il patrono Sant’Antonio abate. È una giornata molto speciale, scelta appositamente per celebrare anche un evento nel settore dei servizi: l’inaugurazione dei lavori di ristrutturazione della scuola media



Altre da Blog-Ecomuseo
20/09/2017

La «cattedrale» di Mura

L’itinerario lungo le bellezze artistiche di un ipotetico Ecomuseo della Valle Sabbia prosegue fino a Mura Savallo per ammirare la maestosa pieve

23/08/2017

Palma il Giovane a Nozza

Dopo aver trattato, nel precedente articolo, la rocca di Nozza, parliamo ora di un pregevole dipinto, forse poco conosciuto da parte dei valsabbini, che si trova ai piedi di tale costruzione

02/08/2017

La Rocca di Nozza, un monito ai posteri

Dopo aver descritto le bellezze storico-artistiche offerte dalla chiesa Parrocchiale di Preseglie, proseguiamo il nostro viaggio virtuale in direzione del Trentino, trovando sul nostro cammino Nozza (1)

03/07/2017

Preseglie o «il fiore della Valle Sabbia»

Posto di rilievo all’interno dell’ecomuseo valsabbino dovrà avere sicuramente Preseglie, per via delle bellezze paesaggistiche e per la presenza di case alquanto aggraziate che dimostrano un’antica signorilità del borgo

13/06/2017

Santa Maria Assunta di Vobarno

Dopo aver visitato la nota Rocca di Sabbio Chiese, proseguiamo il nostro viaggio alla scoperta della chiesa parrocchiale di Vobarno, dedicata a Santa Maria Assunta, ricca di arte e di storia.

17/05/2017

La Rocca di Sabbio

Dopo essere stati a Odolo e parlato dell’archeologia industriale che qui si trova, proseguiamo il nostro viaggio alla scoperta delle bellezze valsabbine trattando della nota Rocca di Sabbio Chiese

02/05/2017

Il Museo del Ferro di Odolo

Il viaggio di Emanuele Busi nella stroia della Valle Sabbia alla ricerca delle peculiarità che rendono interessante l'idea di costituire un ecomuseo, passa oggi da Odolo

20/04/2017

Il Museo Archeologico di Gavardo

Prosegue il viaggio virtuale alla scoperta delle bellezze valsabbine con un tuffo nella storia grazie alle collezioni del Museo Archeologico della Valle Sabbia

03/04/2017

L'apparizione della Vergine

Comincia oggi il nostro viaggio virtuale alla scoperta delle bellezze, materiali ed immateriali, della Valle Sabbia

21/03/2017

Le carte in regola

Inizia oggi una collaborazione con Emanuele Busi, giovane studioso di Odolo che ha individuato, fra le peculiarità valsabbine, quelle che potrebbero entrare a far parte di un "ecomuseo di valle" (1)

Eventi

<<Novembre 2017>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia