Skin ADV
Martedì 26 Marzo 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

Poesie, modi di dire, curiosità e immagini dal mondo...

Don Claudio Vezzoli è il parroco di San Benedetto, la parrocchia del quartiere I° Maggio in città,
ed è anche consigliere provinciale e regionale della Coldiretti.
Ci farà compagnia ogni settimana.
 

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE






23 Febbraio 2019, 06.44

L'angolo di don Claudio

L'agricoltura nella bibbia

di don Claudio Vezzoli
Quando gli ebrei entrarono nella terra promessa spodestarono il popolo dei Cananei ed a quel tempo i raccolti erano numerosi. Le persone che possedevano pecore e bovini, allevati sul proprio terreno, attuavano una agricoltura autosufficiente...

Successivamente, ai tempi della monarchia, l’agricoltura cambiò in quando i possedimenti dei terreni vennero accumulati dai nobili a danno degli agricoltori originari.
In questo periodo si sviluppò un sistema di affittuari regi dove degli incaricati erano nominati amministratori delle vigne, delle piantagioni di olive, dei granai e dell’allevamento del bestiame.

Eco di questa situazione è il primo libro di Samuele dove si chiede un re per governare al posto dei giudici, dando così inizio al periodo della monarchia in Israele.
I profeti biblici alzarono la loro voce contro tale sistema.

Ricordo tra tutti il profeta Isaia il quale paragonò Israele alla vigna del Signore, dove Dio fece tutto il necessario affinché producesse frutti ed invece Israele non ascoltò.
Ebbe a dire al capitolo 5,8 “Guai a voi, che aggiungete casa a casa e unite campo a campo, finché non vi sia più spazio, e così restate soli ad abitare nel paese”.

Le vaste proprietà terriere messe insieme nel territorio di Giuda a spese dei poveri rimarranno così deserte: le vigne produrranno poco vino e la messe sarà un decimo del grano seminato.
Isaia denuncia ancora una volta la superbia, il lusso, la ubriachezza e l’ingiustizia.

Dio darà il segnale con l’invasione nemica
, l’Assiria e poi Babilonia, che verrà ad invadere il paese di Israele.
Evidentemente c’è un legame tra la terra promessa e ciò che contiene e la fedeltà del popolo verso Dio. I doni di Dio esigono dal popolo ebreo una fedeltà alla alleanza.

Esdra e Neemia hanno il compito di ricostruire la nazione dopo l’esilio di Babilonia, ricostruire Gerusalemme. Mettono al centro, in questa ricostruzione, la Parola di Jhavé.
La legge biblica diventa ancora una volta la carta costituzionale e codice civile del vivere del popolo di Israele.

In questo contesto Neemia ordinò che le proprietà fossero restituite ai possessori originari (Neemia 5): una situazione che continuò fino alla conquista del paese ad opera degli eserciti greco e romano, quando divenne nuovamente possibile accumulare possedimenti terrieri come nel vangelo di Luca ricorda nella parabole del ricco stolto (12,18-19).

La storia biblica ci ricorda che per fare agricoltura occorre anche un sistema giusto che aiuti le persone ed un popolo a vivere con serenità del proprio lavoro.
L’agricoltura non era solo un tipo di occupazione, ma anche una forma di cultura espressa nella sua importanza religiosa, politica e socio-economica.
Si pensi ad esempio al sacrificio dove si offrono i primi frutti del raccolto.
Le primizie erano considerate come testimonianza della benedizione e della fecondità che Dio ha accordato a coloro che una volta erano oppressi e che Dio aveva liberato dalla schiavitù egiziana.

Gesù stesso ha vissuto in una cultura tipicamente agraria. Perciò ricavò molte parabole dall’ambiente e dagli usi agrari (si pensi alla parabola del seminatore e del grano che cresce con la zizzania).

L’agricoltura è parte integrante di un popolo e da sempre c’è un legame con la religione: ambedue si completano a vicenda e fecondano la società dove il cibo è frutto del lavoro dell’uomo e dono di Dio.

Il pasto diventa segno di amicizia e di comunione,di ospitalità e questa ricorda a ciascuno di noi che noi siamo ospiti sulla terra, la terra ci è data in consegna.
L’agricoltore è parte integrante del progetto di amministrare con cura la terra, ciò che produce e degli animali. 

Don Claudio

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
28/01/2019 08:07:00
Sotto la neve... pane Quella invernale è la stagione del freddo, del buio e del riposo della natura. Eppure la stagione invernale è anche quella del seme nascosto nella profondità della terra

03/05/2011 09:00:00
Il successo del Bagòss traina la zootecnia Nella zona di Bagolino cresce il numero di capi allevati, in controtendenza rispetto al trend generale dell'allevamento in montagna.

17/02/2016 11:46:00
Il lavoro agricolo Interessante questo intervento di don Claudio rivolto agli agricoltori della Coldiretti, in un incontro di preparazione alla Pasqua

01/09/2015 08:35:00
Il ponte Ho trovato questo racconto e lo dono a voi. Un contadino e il suo bambino erano in cammino verso un paese vicino, per la fiera annuale. La strada passava sopra un ponticello di pietra sgretolato e traballante per il fiume in piena...

04/02/2019 10:08:00
Gemellaggio nel segno dell'agricoltura Sono venuti da Marano Vicentino per confrontarsi su come fare agricoltura e cooperazione. Ieri ad Agri 90 al gemellaggio erano una trentina



Altre da Don Claudio
28/01/2019

Sotto la neve... pane

Quella invernale è la stagione del freddo, del buio e del riposo della natura. Eppure la stagione invernale è anche quella del seme nascosto nella profondità della terra

23/11/2018

Avvento, tempo di attesa

Inizia con l’Avvento l’anno liturgico della chiesa. Un tempo dove durante l’anno veniamo a contatto con il Signore mediante la Parola di Dio. La parola “attesa” è l’atteggiamento al quale ci spinge questo tempo

03/11/2018

I Santi ed i morti

La solennità dei Santi e la commemorazione dei fedeli defunti hanno in comune lo sguardo verso il cielo, un guardare oltre per il credente, vivendo con la nostalgia della patria celeste

02/10/2018

L'arte del vivere

Il mese di ottobre ci ricorda che ormai è già iniziato l’autunno con le giornate limpide che ci avvolgono con una luce tenue e, nello stesso tempo, è il mese dove la stagione ci fa godere i frutti della terra

14/05/2018

Il germoglio

Siamo in una stagione in cui possiamo vedere qua e là dei germogli. Sono germogli della natura, ma quelli dell’uomo sono davvero evidenti, oppure dobbiamo andare in profondità per capire ed intuire?

01/04/2018

La Pasqua dono del Risorto

La Pasqua è la solennità più importante per noi cristiani, centro di tutto l’anno liturgico e della nostra vita spirituale

21/02/2018

«Collocazione provvisoria»

C’è un aneddoto della vita pastorale di don Tonino Bello, vescovo di Molfetta ormai entrato nella casa del Padre, che è particolarmente significativo in questo tempo dell’anno liturgico.

06/12/2017

Andiamo fino a Betlemme

Andiamo fino a Betlem. L’importante è muoversi. L’Avvento ci ha invitato, sull’esempio del Battista, a percorrere le vie della conversione ed ad annunciarla a tutti

17/08/2017

Estate è viaggiare... e non solo

Oggi le persone viaggiano molto. La tecnologia ci ha dato delle macchine che in poco tempo ci portano da un luogo all’altro

12/04/2017

La Pasqua, dono del risorto

La Pasqua è la solennità più importante per noi cristiani, centro di tutto l’anno liturgico e della nostra vita spirituale

Eventi

<<Marzo 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia