20 Settembre 2020, 18.28
Valsabbia Provincia
Blog - Genitori e figli

Abbiamo bisogno di adulti responsabili ed autorevoli

Mai come quest’anno la ripresa della scuola è un evento carico di significati...


...Si annuncia infatti un grande lavoro che gli adulti di riferimento, insegnanti e genitori, devono comunemente mettere in campo.
Più di tutto ci sarà bisogno di promuovere l’integrazione dei sistemi IO, TU, NOI che il lungo periodo del distanziamento sociale ha messo a dura prova e che ci vedrà impegnati anche per il futuro e ci esporrà ancora a diverse situazioni di ambivalenza.

Abbiamo infatti attraversato acute e sofferte esperienze
di contatto con la paura con l’allontanamento che ci salva, con il bisogno primario di contatto e l’angoscia della vicinanza.
E poi quello stare dentro per proteggerci e la voglia di andare oltre i muri per tornare a toccarci. Siamo stati dentro un continua altalena di pensieri e di sentimenti che ancora non ha finito di chiederci una negoziazione possibile tra la realtà e l’ansia che ci ha travolto.

Nella realtà quotidiana per riprenderci la fiducia nel futuro, abbiamo inventato lastre protettive di plexiglass, ormai onnipresenti, e banchi con le rotelle come mobilità utili alle nostre parti irrigidite dal terrore.
Soluzioni negoziali, si dirà. Organizzative e forse funzionali alla ripartenza della speranza e a un sistema di comunicazione stravolto dalla pandemia, perché si torni a una vita sociale accettabile per noi e per i nostri figli.

Nulla di più vero. Anzi indispensabile.
Così abbiamo capito che è fondamentale quel rumore forte delle voci e delle grida che da sempre animano la scuola, i corridoi le aule o i cortili.
Necessario il vociare sovrapposto dei bambini e dei ragazzi a quello degli insegnanti per rimettere in moto la giornata scolastica e quell’universo di relazioni brutalmente silenziato dal coronavirus.

Il superamento delle difficoltà pratiche, le possibili soluzioni capaci di garantire sicurezza individuale e collettiva, però, vengono proprio dalla capacità degli adulti autorevoli di integrare elementi opposti o sguardi diversi sulla realtà.
Questo è ciò che serve per mediare tra desideri e paure, competenze da acquisire e stati d’animo da rimettere in comune.

Insomma c’è bisogno di un ambiente che, come la scuola, aiuti a tenere insieme il dentro e il fuori della vita.
E c’è necessità di una comunità educante che avverta come compito primario quello di far crescere coniugando il piano cognitivo con quello affettivo, il corpo e la mente, il pensiero e le emozioni.

Sappiamo con sufficiente certezza che
è attraverso relazioni educative significative e coerenti che facciamo crescere nei ragazzi la capacità di gestire le ambivalenze e le contraddizioni dell’esistenza.

Un impegno che non può essere solo della scuola,
né può avere obiettivi diversi  la famiglia.
Fuorviante e distruttivo è invece ritenere che scuola e famiglia possano inviare messaggi diversi e in contraddizione. Peggio ancora se reciprocamente accusatori.

Nonostante questa condivisa consapevolezza, a solo pochi giorni dall’inizio delle lezioni, già sono tornate a fiorire da ambo le parti accuse di inefficienza, adesso relative alla sicurezza e alle comunicazioni sulle buone prassi da utilizzare. In altre parole è ripresa la dialettica dello scontro tra le due istituzioni educative che invece di allearsi continuano a farsi la guerra.

La carenza o la mancanza di intenti e progetti comuni può essere devastante perché non promuove una prospettiva di integrazione della conflittualità è il superamento delle ambivalenze, ma ancor di più è distruttivo sul piano educativo perché sposta sempre altrove le responsabilità e non educa al farsi carico delle proprie. 

C’è invece urgente bisogno di una nuova alleanza tra scuola e famiglia
, perché si educa al senso di responsabilità e di legalità non solo reintroducendo l’educazione civica, ma assumendo l’incarico come adulti di impersonare modelli di riferimento coerenti, autentici e autorevoli. Questo è quello che serve per formare gli adulti di domani in grado di “saper essere” oltreché di “saper fare”.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
www.officina-benessere.it



Vedi anche
03/09/2019 09:20

La scuola riparte Ecco ci risiamo. Tra pochi giorni si riparte con la scuola e con il suo carico di aspettative e di ansie per tutti 

21/04/2020 09:09

Il tempo del dopo. Quando i bambini torneranno a scuola È un tempo lungo quello del lockdown, ma ora si comincia a parlare del tempo del dopo, quello della ripresa. Molti però sono gli interrogativi, i dubbi e le domande che affiorano. Riguardano tutti, ma in particolare i bambini e il loro rientro a scuola

07/09/2020 09:30

La scuola che verrà, tra attese e speranze Sembrerà una ripetizione, ma insistere a parlare della scuola che riapre i cancelli è doveroso. Perché l’attività scolastica che riprende vede in campo una quantità di aspettative

21/07/2020 08:55

Fatti gravi tra i giovani e mancanze degli adulti La scoperta delle “chat dell’orrore” e i due giovani che hanno assunto un cocktail di sostanze letali: questi i tragici fatti proposti dalla cronaca recente. Ma i genitori e gli adulti dove erano?

01/06/2020 09:21

Ritorno a scuola per un giorno? No grazie. Ci vuole altro Da un po’ di giorni, finalmente, si parla di far tornare a scuola i bambini prima della conclusione dell’anno. Non è cosa di poco conto, anche se non vuol dire riaprire le scuole



Altre da Pillole di Psicologia
30/08/2020

Comunicazione Aggressiva

I principali stili di comunicazione sono assertivo, passivo e aggressivo. Vediamo cosa contraddistingue la comunicazione aggressiva

27/06/2020

Disturbi specifici dell'apprendimento. Di cosa si tratta?

Leggiamo che “esistono molti bambini e ragazzi che nel corso della loro carriera scolastica incontrano momenti di particolare difficoltà negli apprendimenti, ad esempio nella lettura, nella scrittura o nel calcolo...

19/06/2020

Oltre la paura del contagio

Stiamo vivendo una crisi epocale. Crisi come queste per la storia si ripetono quasi in modo ciclico. Negli ultimi quaranta, cinquant’anni, abbiamo vissuto mutamenti degli assetti geopolitici, economici, sociali.

08/06/2020

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola

01/06/2020

Fame emotiva

In alcune situazioni, principalmente quando stiamo sperimentando emozioni negative, può nascere la voglia di consumare cibo. Ma, cos’è la fame emotiva?

15/05/2020

Sindrome della capanna

In questo periodo di quarantena, costretti a stare a casa per un lungo periodo di tempo, abbiamo dovuto modificare le nostre abitudini. E se ora non fossimo più disposti a tornare alla vita di prima?

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)
05/05/2020

Relazioni in quarantena

In questo momento difficile le relazioni di coppia sono messe a dura prova. Alcuni consigli utili per poter gestire le relazioni h24 e il conflitto che potrebbe nascere

14/01/2019

A che servono i castighi e le punizioni?

Le frustrazioni, i rimproveri, le limitazioni e anche le punizioni servono, hanno la loro funzione: quella di far sapere al bambino ciò che è bene e ciò che è male, quello che si può  e quello che non si può fare

03/12/2018

Perché dopo i 30 anni si hanno meno amici?

Chi nota di avere molti meno amici rispetto a quando era giovane può evitare di andare in crisi: dopo i 30 anni, infatti, è normale avere meno connessioni sociali rispetto al passato