Skin ADV
Venerdì 24 Febbraio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]



 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE




22.02.2017 Bagolino

23.02.2017 Agnosine

22.02.2017 Idro Barghe

22.02.2017 Giudicarie Storo

22.02.2017 Pertica Bassa Pertica Alta

23.02.2017 Vallio Terme

22.02.2017 Salò Valsabbia

22.02.2017 Giudicarie Storo

22.02.2017 Gavardo

22.02.2017 Roè Volciano






20 Febbraio 2017, 14.47

Genitori & Figli

Il corpo dei nativi digitali

di Giuseppe Maiolo
I nuovi giovani, quelli digitali, in rete si cercano, si trovano, si incantano. O meglio si mostrano con mille volti o per lo meno con quegli Avatar che si possono impersonare

Il corpo è diventato un’immagine da postare, un’icona  da mostrare che soddisfa il diffuso narcisismo dei tempi. Purtroppo gli dolescenti non si raccontano più. 
La narrazione di se stessi agli altri non appartiene alla tecnologia avanzata della comunicazione, dove più che parlarsi si “cinguetta”.  

Twittare è diventato un verbo
che ha avuto grande successo ma ha ridotto la comunicazione a 140 caratteri.
Troppo pochi per raccontare di sé e delle proprie emozioni e tentare di interrompere la sofferenza e la paura, l’apatia e la timidezza che in adolescenza sono di casa.

Un tempo c’erano le lettere
che ti aiutavano a esprimere un cumulo di sentimenti soffocati che nascevano nel corpo e che non sapevi dire. Scriverne poteva permettere di parlarne e alleggerirsi e qualche volta addolcirne il sapore acre con la penna. 

Quando in adolescenza il corpo si risveglia, di solito si manifesta rumorosamente, ma oggi rimane troppo a lungo incerto, ridotto solo a un’immagine costruita su altre immagini più virtuali che reali.
Il corpo che cambia fa paura, a volte angoscia e i ragazzi, maschi o femmine che siano, prigionieri del loro infantile egocentrismo, sembrano incapaci di uscire dall’adolescenza.

Molti si rifiutano di crescere, di cambiare e mutare di aspetto.
A guardarli li vedi fisicamente bambini che temono il mondo o, addirittura, lo rifiutano con inspiegabili angosce che chiamiamo fobie.
Altri si accaniscono sul loro corpo, lo maltrattano oppure lo negano e non è un caso che siano in aumento i disturbi del comportamento alimentare e temibili patologie come l’anoressia.

Nell’era digitale il corpo può diventare  ancora di più un problema.
Perché non è solo un involucro, ma è l’aspetto esterno dell “Io”,  una sorta di abito che riveste il mio mondo interno e con il quale posso mostrarmi agli altri, farmi conoscere e farlo conoscere.
Non vi è dubbio che nella fase adolescenziale è sempre stato faticoso accettare il proprio corpo, anche solo portarlo appresso.
Sovente percepito come ingombrante e inopportuno, ha richiesto percorsi di integrazione a volte difficili e lunghi che hanno attraversato l’identificazione con il gruppo e il confronto coi pari, con i loro corpi fisici e reali.
Un’operazione importante, a volte complicata, ma utile a  differenziarsi e individuarsi per sviluppare la propria identità psichica e la propria personalità. 

Ora tutto tutto sembra più difficile.
Nel mondo virtuale il corpo fisico ha perso gran parte della sua fisicità e materialità. È diventato un “io corporeo” evanescente e smaterializzato.
Per questi  adolescenti digitali proiettati all’esterno che sono cresciuti con la complicità pervasiva dei videogiochi con cui hanno giocato e finto per anni, il corpo che non è più un limite.

Men che meno viene sentito come confine entro il quale si realizzano e si vivono stati d’animo, emozioni, sentimenti.
Così questi ragazzi non lo vivono pienamente e non lo sentono se non con dosi massicce di adrenalina con cui cercano di superare apatia e noia.

Cresciuti con infinite emoticon
sono abilissimi nel sintetizzare uno stato d’animo con uno smile ma forse in grande difficoltà a dare un nome a ciò che provano nel corpo, a gestire le emozioni e riconoscere quelle degli altri.

Giuseppe Maiolo
 






 

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
19/11/2013 07:39:00
Dopo i nativi digitali arrivano i «Mobile born» Ormai anche i "nativi digitali" sono superati. I "mobile born" sono i bambini di adesso, quelli nati con smartphone e tablet in mano: come sarà il loro mondo da adulti?

10/07/2016 08:53:00
Sexting C’è una parola che descrive un nuovo comportamento dei nativi digitali il cui significato però è ancora poco conosciuto: sexting.

22/03/2014 08:00:00
Internet, opportunità e rischi Tre incontri rivolti ai genitori nell’ambito del progetto "Biblioteca a regola d'arte" di Prevalle, per conoscere meglio la rete e i rischi a cui possono andare incontro i loro figli

12/02/2014 07:34:00
Brixia Ne(x)t Generation, per controllare il diabete Al via la terza edizione di una serie di interventi educativi per condurre i “nativi digitali” bresciani alla prevenzione alla salute

03/03/2008 00:00:00
Volti nuovi e giovani per il circolo gavardese Tanti giovani, e volti nuovi, fra le nomine del neonato circolo del Partito Democratico gavardese. Fra gli obiettivi, quello di coinvolgere i giovani sulle questioni politiche come sulle problematiche amministrative locali.



Altre da Pillole di Psicologia
19/02/2017

Giovani e crisi d'esperienza

“I Care” scriveva sulla lavagna della sua canonica Don Milani. Egli voleva che i suoi allievi sviluppassero un interesse profondo per le questioni della vita e per tutti i problemi circostanti. E oggi?

10/02/2017

Se a un giovane manca l'idea di futuro

Da Pino Maiolo una riflessione, sull'onda dello sconcerto causato dalla lettera di Michele, il friulano che a trent'anni ha deciso di farla finita e che in queste ore sta rimbalzando sui giornali, in tv e sul web

08/02/2017

Gelosia fra fratelli

Spesso la nascita di un fratellino modifica l’equilibrio della famiglia e crea gelosie. Ecco alcuni consigli

24/11/2016

A Villanuova con Crepet

Pubblico delle grandi occasioni a Villanuova sul Clisi per la serata condotta da Paolo Crepet  sulle nuove dipendenze e l'emergenza creativa. Per noi c'era anche Armando Ponchiardi. Video


21/11/2016

Le nuove dipendenze e l'emergenza educativa con Crepet

Mercoledì al teatro Corallo di Villanuova sarà ospite il noto psichiatra e sociologo Paolo Crepet, studioso dell'adolescenza e delle dinamiche familiari, che presenterà il suo ultimo libro “Baciami senza rete”

08/11/2016

Sos Compiti

La scuola è iniziata da qualche mese ed è tempo di compiti, verifiche; inizia la routine per tutti: bambini, adolescenti, insegnanti e genitori

27/10/2016

«Genitori non siete soli: noi ci siamo»

Tre incontri con altrettanti esperti, per affrontare le tematiche più "calde" nel rapporto fra genitori e figli in età adolescenziale. E' la proposta di amministrazione comunale e parrocchia Santa Giulia, a Paitone. A partire da venerdì prossimo 4 novembre

14/10/2016

Senza studio e senza lavoro: neet generation?

Come si orientano i giovani oggi, quali obiettivi hanno? Per alcuni è indeterminatezza 

01/09/2016

Pronti... via: a settembre tutti a scuola!

A settembre riaprono le scuole e per tutti i bambini è un momento di passaggio e rientro, che può essere temuto o atteso con gioia poiché si ritrovano amici e compagni di classe. Come è possibile per i genitori aiutare i propri figli a superare questo momento serenamente?

20/08/2016

Il Phubbing: una nuova forma di trascuratezza

A tutti sarà capitato almeno una volta di stare di fronte a una persona, amico o familiare, che mentre noi parliamo guarda il cellulare, risponde ad una mail o interagisce sul suo social (1)

Eventi

<<Febbraio 2017>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia